Home » News, Regate, Sport » Il J24 La Superba fa tris e guida l’Invernale di Anzio e Nettuno

Il J24 La Superba fa tris e guida l’Invernale di Anzio e Nettuno

ANZIO – Dopo le due tappe annullate per le avverse condizioni meteo, la numerosa Flotta romana J24 ha finalmente portato a termine altre tre belle regate valide per la prima manche del 44° Campionato Invernale di Anzio-Nettuno. Tris di vittorie di giornata per i campioni italiani in carica, Ita 416 La Superba, il J24 del Centro Velico di Napoli della Marina Militare timonato da Ignazio Bonanno in equipaggio con Vincenzo Vano, Francesco Picaro, Alfredo Branciforte, e Francesco  Linares che in alcune tappe sostituisce Simone Scontrino.

“Sono state tre regate molto tecniche- ha commentato Ignazio Bonanno -Siamo riusciti a vincerle tutte ma sono state prove molto combattute a causa di vento instabile sul campo di regata. Anche nell’ultima dove siamo partiti con circa 30 secondi di ritardo a causa di una collisione avuta in partenza, abbiamo sfruttato a nostro favore tutti i salti del vento, e già alla prima boa di bolina eravamo nelle prime tre posizioni. Speriamo di trovare condizioni simili anche nel prossimo weekend di regata, in modo da poter recuperare tutte le prove non fatte nel mese di Novembre.”

La classifica provvisoria, stilata dopo sette prove e uno scarto, vede pertanto sempre più al comando Ita 416 La Superba, (6 punti; 1,1,1,4,1,1,1) seguito da Ita 447 Pelle Nera armato da Paolo Cecamore che sale dal quinto al secondo posto (CDVR, 28 punti; 2,4,12,11,3,3,5) e da J Giuditta che, invece, perde una posizione (LNI Anzio 29 punti; 3,3,10,1,6,6,11). Quarto posto per Ita 358 Arpione affidato a Michele Potenza (sez V.Anzio; in equipaggio con, da prua a poppa, Caterina Spagnolo, Domenico Spoletini sostituito nella giornata da Flavio Rosati , Gianpaolo Bono, Gabriele Nostro; 32 punti, 5,5,7,15,11,2,2) a pari punteggio con Ita 501 Avoltore di Massimo Mariotti (CNV Argentario, 32 punti; 10,6,5,2,4,8,7).

Prossimo appuntamento per la Flotta J24 con il 44° Campionato Invernale di Anzio-Nettuno, organizzato dal Circolo della Vela di Roma, dal Reale Circolo Canottieri Tevere Remo, dalla Lega Navale Italiana sez. di Anzio, dal Nettuno Yacht Club con la collaborazione della Half Ton Class Italia, della Sezione Velica di Anzio della Marina Militare, del Marina di Capo d’Anzio e del Marina di Nettuno, è previsto per domenica 16 dicembre. La seconda manche, invece, si svolgerà nelle giornate del 20 gennaio, 3 e 17 febbraio, 3 marzo (eventuale recupero sabato 16 febbraio 2019). In programma anche numerosi eventi collaterali a terra con il consueto pasta party del dopo regata (presso il CdV Roma) e i seminari a tema che si svolgeranno durante tutto il periodo del Campionato.

Per quanto riguarda, invece, il Trofeo Lozzi, voluto dalla Flotta J24 romana per ricordare l’armatore e timoniere del J24 ITA 428 prematuramente scomparso, dopo l’annullamento delle prime prove per mancanza di vento, si scenderà in acqua nei fine settimana del 15 e 16 dicembre, 19 e 20 gennaio, 16 e 17 febbraio e 2 -3marzo.

Leggi anche:

  1. Il J24 Nuvola La Superba timonato da Bonanno vince la II manche del 43° Invernale di Anzio Nettuno
  2. Il J24 Pelle Nera sempre al comando del 43° Invernale di Anzio e Nettuno
  3. Il J24 La Superba è campione d’inverno al 42° Invernale di Anzio e Nettuno
  4. l J24 La Superba sempre al comando del 42° Invernale di Anzio e Nettuno
  5. Il J24 La Superba al comando del 42° Invernale Altura e Monotipi di Anzio e Nettuno

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=57568

Scritto da Redazione su dic 4 2018. Archiviato come News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab