Home » Italia, News, Regate, Sport » J/70 Cup, la stagione di Enfant Terrible e Petite Terrible – Adria Ferries parte da Scarlino

J/70 Cup, la stagione di Enfant Terrible e Petite Terrible – Adria Ferries parte da Scarlino

Marina di Scarlino- Si avvicina l’atto inaugurale della J/70 Cup 2019, uno dei circuiti di monotipia più affollati degli ultimi anni, e gli equipaggi della famiglia Rossi, Enfant Terrible e Petite Terrible-Adria Ferries, sono già in allenamento nel Golfo di Follonica.

Prenderà infatti il via venerdì 5 aprile la tre giorni di regate organizzata dal Club Nautico Scarlino, che assegnerà i primi punti in vista del ranking di stagione.

Una stagione articolata su quattro tappe che, dopo la frazione inaugurale di Scarlino, vedrà la flotta trasferirsi in Adriatico, per la tappa ospitata dal Marina Dorica di Ancona dal 9 all’11 maggio, e poi spostarsi sul Garda, per una frazione a Malcesine dal 31 maggio al 2 giugno che fungerà da preludio all’evento clou del 2019, il Campionato Europeo in programma dal 22 al 29 giugno. Dopo una lunga pausa estiva, la flotta chiuderà la stagione a Sanremo, con una quattro giorni di regate valide come Campionato Italiano Assoluto.

A bordo di Enfant Terrible-Adria Ferries, Campione Europeo in carica che a Malcesine proverà a difendere il titolo conquistato nel 2018 nelle acque galiziane di Vigo, Alberto Rossi sarà anche quest’anno affiancato nelle scelte tattiche dallo Sloveno Branko Brcin. La randa sarà affidata ad Alberto Bolzan, velista oceanico che nel 2018 non aveva potuto unirsi all’equipaggio di Enfant Terrible-Adria Ferries perché impegnato nella prestigiosa regata Volvo Ocean Race a bordo di Team Brunel, mentre le scotte saranno ancora una volta al già velista di America’s Cup Stefano Rizzi. Confermata la giovane atleta Bianca Crugnola a prua.

Su Petite Terrible-Adria Ferries, invece, la due volte campionessa europea Claudia Rossi continuerà a contare sulle scelte tattiche di Michele Paoletti, con Giulio Desiderato alla randa, Matteo Mason alle scotte e Erica Ratti a prua.

“Le tappe della stagione J/70 rappresentano per me quest’anno una piacevole e divertente interruzione dall’intenso programma di allenamenti in 49er FX, che con Erica Ratti, la mia prodiera in J/70, ma timoniera in 49er, ci impegna ormai quasi a tempo pieno. Tra il J/70 ed il 49er, i ruoli mio e di Erica si invertono, ma forse questa è la parte più bella, che ci aiuta a rafforzare il nostro legame e la nostra sinergia” ha commentato Claudia Rossi, proseguendo:

“Con il 49er inizieremo a regatare con la World Cup di Genova: sicuramente una sfida impegnativa, ma che ci permetterà di misurarci subito con le nostre avversarie più agguerrite e di capire su cosa lavorare a fondo per raggiungere i nostri obiettivi. Ci tengo a ringraziare, tra i vari partner, anche Garmin che, fornendoci strumenti importanti per la navigazione come lo Smartwatch Quatix 5, ci permette di monitorare e migliorare sempre le nostre prestazioni”.

A Scarlino, scenderanno in acqua cinquantatré imbarcazioni, che potranno disputare un massimo di otto regate in tre giorni: al completamento della quinta regata, subentrerà lo scarto del peggior risultato.

Leggi anche:

  1. J/70 World Championship 2018: a Marblehead Petite ed Enfant Terrible-Adria Ferris al top
  2. J/70 European Championship 2018: Petite Terrible-Adria Ferries non si arrende
  3. Alcatel J/70 Cup: Petite Terrible-Adria Ferries sul podio del circuito nazionale
  4. Petite Terrible-Adria Ferries sbarca a Southampton per difendere il titolo Europeo
  5. Enfant Terrible e Petite Terrible-Adria Ferries pronti per l’Alcatel J/70 Cup

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=59765

Scritto da Redazione su apr 3 2019. Archiviato come Italia, News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab