Home » Italia, News, Regate, Sport » Con la Federazione Italiana Vela e la II Zona Fiv, l’Arno è al centro della vita dei fiorentini

Con la Federazione Italiana Vela e la II Zona Fiv, l’Arno è al centro della vita dei fiorentini

II Coppa Ponte Vecchio – Regata Dinghy 12’ Classico
L’appuntamento è venerdì 31 maggio sul Lungarno Anna Maria Luisa dè Medici

Firenze-In attesa del Vela Day che si svolgerà in tutta Italia nelle giornate di sabato 1 e domenica 2 giugno e che la II Zona della Federazione Italiana Vela celebrerà con tante coinvolgenti iniziative nei numerosi circoli velici toscani, umbri e della provincia di La Spezia, venerdì 31 maggio è prevista a Firenze, sul Lungarno Anna Maria Luisa dè Medici, la II Coppa Ponte Vecchio, una manifestazione nata dalla collaborazione fra il Circolo Nautico Mugello,

l’Associazione Nazionale Classe Dinghy 12’, l’Associazione Vele Storiche di Viareggio, la storica Società Canottieri Arno e, ovviamente, la II Zona Fiv che, ancora una volta, si conferma sensibile e attenta non solo alle attività di promozione, alle Scuola Vela e alle manifestazioni veliche (oltre 500, per un totale di oltre 750 giorni di sport con il coinvolgimento di circa 33mila atleti, ufficiali di regata, persone di supporto e indotto coinvolto) ma anche all’ambiente e all’ecologia.

Oltre alla regata (partenza ore 15) sono previsti numerosi eventi collaterali fra i quali un aperitivo di benvenuto (ore 12.30), la presentazione di Francesco Gandolfi e Roberto Franzoni del libro-biografia“L’età d’oro delle regate d’altura” di Dick Carter (ore 14), la presentazione dell’Istituto Geografico Militare dell’edizione speciale della rivista “Universo” sul fiume Arno (ore 14.30), e la premiazione conclusiva con aperitivo di saluto (ore 18)

Ed è proprio il Presidente del Comitato Interregionale della Federazione Italiana Vela, Andrea Leonardi, ad illustrare le caratteristiche di questa suggestiva manifestazione.

Perché una regata della Federazione Italiana Vela a Firenze, in Arno?
Anche se istintivamente Firenze è pensata interna alla Toscana, ho l’obbligo di ricordare che è proprio la città di Firenze ad aver affidato alla storia della navigazione e delle scoperte molti nomi illustri, tra i quali Amerigo Vespucci e Giovanni da Verrazzano; ma non solo, a Firenze Cosimo I de’Medici fu oltre che fondatore dello Stato di Toscana anche fondatore dell’Ordine di Santo Stefano le cui navi, le galere del Granducato, ebbero un posto d’onore nella battaglia navale di Lepanto… a Firenze dunque si parla di vela già dalla fine del 1500.

Firenze oggi è una capitale Europea, è ancora un territorio fortemente legato alla costa e lo scopo per cui il Comitato Interregionale della Federazione Italiana Vela si trova qui è certamente promozionale, in un contesto tra i più suggestivi al mondo, ma anche celebrativo di uno sport che in tutta la regione raggiunge una partecipazione tra le più alte d’Italia.

Quali barche saranno in regata?
Grazie alla collaborazione con l’Associazione Nazionale di Classe è stata scelto il Dinghy 12’ classico che non è propriamente un’imbarcazione italiana ma in Italia corre con una categoria di barche rigorosamente di legno, costruite con un’invidiabile maestria anche in Italia e molto belle ed eleganti da vedere in acqua.

Quando e dove si svolgerà la regata?
La manifestazione sarà anticipata al mattino da un programma di incontri e presentazioni, mentre la regata vera sarà effettuata in Arno, appunto, dove a monte di Ponte Vecchio saranno posizionate delle boe attorno alle quali le barche compiranno uno dei percorsi velici contemplati dai regolamenti.
Sarà venerdì 31 maggio dalle ore 15:30 in poi, meteo permettendo.

Possiamo dire questa regata integra il Vela-Day dei giorni 1 e 2 giugno?

Assolutamente sì! Questa regata è esattamente il prologo del Vela Day indetto da Federazione Italiana Vela che sarà celebrato -come in tutta Italia- nei tantissimi impianti sportivi velici toscani, umbri e della provincia di La Spezia; è un invito alla visita ed alla prova pratica gratuita di un giorno nei circoli velici, in quelli nautici o negli yacht club affiliati, tutte associazioni che oggi promuovono la vela a livelli altissimi.

Oltre alla Federazione Italiana Vela, chi sono gli organizzatori di questa regata?

Questa regata è nata da un’idea di Gianni Fernandes, presidente dell’Associazione Vele Storiche Viareggio e di altre persone fortemente appassionate come lui al mare, alla vela ed alla sua storia. L’affiliato Circolo Nautico Mugello si avvarrà proprio della collaborazione di Vele Storiche che negli ultimi tempi si è avvicinata alla condivisione degli intenti di Federvela e della Associazione Classe Dinghy 12’.
Per la parte che attiene alla base nautica, questa sarà messa a disposizione dalla storica Società Canottieri Firenze, un riferimento assoluto nel campo della leadership sportiva.

Federvela fornirà il supporto tecnico, gli Ufficiali di Regata e quant’altro attiene al suo ruolo di federazione sportiva nazionale.
Può rivolgere un invito a chi legge?

L’Arno appartiene alla vita dei cittadini di Firenze quindi il primo invito va a loro, perché possano venire a godersi uno spettacolo che sicuramente sarà suggestivo ed anche insolito. Invito poi i tanti bambini e i loro genitori ad avviarsi agli sport outdoor e in special modo a quelli d’acqua, che oggi proiettano ricadute positive sullo stato della percezione ambientale, creando nuove predisposizioni alle necessità ecologiste del mondo che viviamo.

Appuntamento, quindi, venerdì 31 maggio, sul Lungarno Anna Maria Luisa dè Medici: fascino, sport, natura, cultura e divertimento… Non potete mancare!

Foto: Marco Trainotti

Leggi anche:

  1. La Federazione Italiana Vela e la II Zona Fiv al Versilia Yaching Rendez-Vous
  2. Federazione Italiana Vela e Kinder + Sport insieme per il Vela Day il 2 giugno
  3. OGGI SONO 90 ANNI DI FEDERAZIONE ITALIANA VELA
  4. FRANCESCO ETTORRE È IL NUOVO PRESIDENTE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA VELA
  5. Salone Nautico Internazionale: consueta presenza della Federazione Italiana Vela

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=61876

Scritto da Redazione su mag 24 2019. Archiviato come Italia, News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ai porti con un focus sulla Via della Seta e sulla via Traiana, il concetto dello IoT-Internet of Things, il contratto di ormeggio e il nuovo concetto di New-Port. Poi una riflessione sul principio di passaggio inoffensivo(riprendendo vicende come quella dell'Aquarius, Open Arms e Sea Watch 3). E ancora, approfondimenti sul potere amministrativo delle AdSP, Mare 2.0 e sulla navigazione delle navi e non delle merci.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab