Home » Internazionale, News, Regate, Sport » Mateusz Kusznierewicz e Bruno Prada campioni mondiali Star

Mateusz Kusznierewicz e Bruno Prada campioni mondiali Star

Il polacco Mateusz Kusznierewicz e Bruno Prada, a bordo di Carrera, si sono aggiudicati il titolo mondiale Star che si è disputato nei giorni scorsi presso lo Yacht Club Costa Smeralda, con la collaborazione dell’International Star Class Yacht Racing Association (ISCYRA). Ben 63 equipaggi provenienti da 20 Nazioni si sono dati battaglia nelle acque sarde per completare le sei prove previste per rendere valido il Mondiale.

Medaglia d’argento agli Statunitensi Augie Diaz con Henry Boening, primi della categoria Grand master con equipaggi over 60, mentre il team norvegese formato da Eivind Melleby e Joshua Revkin ha chiuso in terza posizione.
Il Campione del Mondo Mateusz Kusznierewicz, con il suo prodiere brasiliano Bruno Prada, dopo una settimana in cui aveva sfiorato la vittoria di giornata concludendo secondo nella seconda prova, è riuscito a rendersi protagonista della regata conclusiva nella giornata di sabato.

Partito in testa dopo aver girato la prima boa di bolina ha allungato le distanze, arrivando con un grande margine di distacco sul resto dei partecipanti al traguardo. Il polacco, già Campione del Mondo nella Classe Star nel 2008, bissa il successo undici anni dopo mentre Bruno Prada, argento e bronzo con la Star rispettivamente alle Olimpiadi di Pechino 2008 e Londra 2012, conquista per la quinta volta il titolo, segnando la storia della Classe Star. Non sono da meno i componenti dell’equipaggio secondo classificato: Augie Diaz ha vinto il titolo iridato nel 2016 mentre il prodiere Henry Boening è campione europeo in carica.

Lo skipper Kusznierewicz commenta così la vittoria: “Siamo molto contenti di aver vinto questo Campionato, ed è incredibile se penso che questa è la prima volta che regatiamo insieme con Bruno (Prada). Il nostro obiettivo era quello di non mollare mai, dall’inizio alla fine, anche quando ci siamo trovati indietro nella flotta siamo poi riusciti a recuperare e finire in buone posizioni. Sapevamo che tutti i risultati sarebbero stati importanti. Questa è una vittoria dal sapore dolce”.

Per il brasiliano Bruno Prada “Questa vittoria ha un grande significato e ne sono molto felice, ma la cosa più importante è che tutto questo lo faccio per i miei figli, per i miei amici. Dando loro un esempio e ispirandoli a fare del loro meglio, perché si possono ottenere grandi risultati anche senza essere dei super eroi, basta combattere per quello che si desidera”.

Riccardo Bonadeo, Commodoro dello Yacht Club Costa Smeralda, dichiara: “Sono stati sei intensi giorni di regate per tutti i partecipanti di questo novantasettesimo campionato mondiale, ricchi di emozioni e cambi di scena tipici di eventi come questo che riflettono il vero animo sportivo della vela. Ringrazio la Classe Star per aver collaborato con noi alla riuscita di questa manifestazione, il Comitato di Regata, la Giuria Internazionale e lo staff a mare e a terra.

Grazie inoltre a tutti gli equipaggi che da ogni parte del mondo hanno raggiunto Porto Cervo, speriamo di avervi saputo offrire l’ospitalità adeguata. Infine un pensiero particolare lo dedico ai soci YCCS che hanno preso parte al Mondiale testimoniando la loro passione per lo sport velico. Spero di rivedervi nuovamente in futuro tutti in Costa Smeralda.”

L’evento si è concluso con la Cerimonia di Premiazione in Piazza Azzurra e la consegna dei premi. Il vincitore overall è stato omaggiato dal Technical Partner Garmin Marine con un inReach Mini (GPS Satellitare) che connesso con un dispositivo compatibile permette di accedere a mappe topografiche, immagini aeree a colori e ad altre utili funzioni alla navigazione. Oltre ai primi tre classificati, è stato consegnato anche un trofeo al vincitore della classifica Master – riservata ai timonieri tra i 50 e i 59 anni – a Enrico Chieffi.

Leggi anche:

  1. PRESENTATO A PALERMO IL LUNA ROSSA PRADA PIRELLI TEAM
  2. CAMPIONATO DEL MONDO STAR A MIAMI: NEGRI-LAMBERTENGHI SONO SECONDI
  3. Negri-Lambertenghi si aggiudicano l’International Star Class Eastern Hemisphere Championship
  4. Niente Star ai Giochi di Rio de Janeiro 2016
  5. Star Sailors League Finals: vittoria per i brasiliani Scheidt-Prada

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=63295

Scritto da Redazione su giu 25 2019. Archiviato come Internazionale, News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab