Home » Internazionale, News, Regate, Sport » Marco Gradoni vince il terzo Mondiale Optimist ed entra nella storia

Marco Gradoni vince il terzo Mondiale Optimist ed entra nella storia

È il primo a riuscire nell’impresa

 

Primo con 26 punti, a 19 dal secondo e a 30 dal terzo, una vittoria netta e senza storia.
Marco Gradoni doveva mettere a segno una giornata perfetta ad Antigua, luogo del Mondiale Optimist 2019, una giornata di quelle dove sbagliare non è ammesso, perché gli avversari erano vicini e temibili.  E Marco l’ha messa a segno alla perfezione, vincendo entrambe le prove.

Marco ha stabilito un record difficilissimo da battere. Dopo la vittoria del primo mondiale, nel 2017 in Thailandia, e del secondo a Cipro nel 2018, Marco l’ha fatto di nuovo e si è portato a casa anche il terzo titolo Mondiale di fila.

Un’impresa che non era riuscita ancora a nessuno.
Per l’Italia, che solo pochi giorni fa, sempre ad Antigua, aveva vinto anche anche il mondiale a squadre e si era già portata a casa i titoli europei maschile e femminile è un bottino straordinario e senza precedenti.

Marco ha corso uno splendido Mondiale vincendo ben 7 prove sulle 12 disputate, finendo sempre tra i primi dieci (tranne un 27° poi scartato) e gestendo con freddezza e lucidità il concorrente più agguerrito, il maltese Richard Schultheis, che ha chiuso al secondo posto con 45 punti davanti allo spagnolo Jaime Ayarza con 56. A due regate dalla fine erano infatti loro tre a giocarsi il titolo: Marco aveva 24 punti, Schulteis 41 e Ayarza 43. Nella prima regata hanno chiuso rispettivamente in 2° e 3° posizione, nella seconda prova ancora un 2° e un 10°, rispettando in fin dei conti l’ordine dei valori dimostrati  in acqua.

Marco Gradoni:
“Sono felicissimo di come è andata, sia il Mondiale individuale che ho vinto sia per il Team Race! Ora non vedo l’ora di tornare in Italia e mangiare buon cibo e stare un po’ con i miei amici italiani!”

Il Presidente FIV Francesco Ettorre:
“Sono molto felice ed orgoglioso per Marco Gradoni. Marco si è sempre impegnato al massimo e non ha mai perso la grinta, la determinazione, e con questo risultato entra nella storia!
Sono contento anche per il titolo mondiale a squadre che abbiamo conquistato nei giorni scorsi.
Gli ottimi risultati ottenuti durante questo campionato mondiale sono la conclusione di un grande lavoro di squadra partito sin dai podi agli Europei.

Ci tengo a fare i miei complimenti alle società,  agli allenatori, alla classe Optimist e soprattutto agli atleti per aver lottato ogni giorno e vinto con grande onore!
Forza Italia e forza Marco! Viva lo sport!”

Marcello Meringolo, Tecnico Nazionale Classe Optimist:
“E’ una giornata storica per l’Optimist italiano, una vittoria bellissima di Marco che è riuscito a conquistare questo terzo titolo consecutivo. Siamo molto contenti e tutto questo ci ripaga di tanti anni di programmazione mirata che ha portato a questi grandi risultati senza dimenticare quello che è successo anche all’Europeo e il Mondiale a squadre, quindi trasferte davvero impressionanti dal punto di vista del risultato.”

Norberto Foletti, Segretario Nazionale Classe Optimist:
“Due splendide vittorie! Dopo l’Europeo vincere la regata a squadre che era tanti anni che aspettavamo e questo terzo mondiale consecutivo per noi è il massimo e siamo tutti felici!”

Leggi anche:

  1. La squadra Italiana vince il Mondiale Team Race Optimist ad Antigua
  2. Primo giorno ad Antigua per il Mondiale Optimist Team Racing
  3. Seconda giornata per il Mondiale Optimist ad Antigua
  4. Prima giornata di regate ad Antigua per il Mondiale Optimist 2019
  5. Mondiale Optimist 2019 – Ieri sera la cerimonia di apertura ad Antigua

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=64452

Scritto da Redazione su lug 16 2019. Archiviato come Internazionale, News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab