Home » Internazionale, News, Sport, Trasporti » Iran sequestra petroliera inglese

Iran sequestra petroliera inglese

Teheran. La”guerra delle petroliere” si fa più dura  e porta a crescere la tensione nelle acque del Golfo Persico. Ieri, la petroliera Stena Impero è stata posta sotto sequestro da parte dei Pasdaran e da quei momenti la Compagnia di navigazione e armatrice, la Stena Bulk, ha dichiarato di aver perso i contatti con il tanker. Notizia confermata anche da Londra, per cui il Governo britannico ha riunito l’unità di emergenza – il Comitato Cobra – per ottemperare una strategia di contrasto.

Il sequestro della Stena Impero ha il sapore di una risposta di Teheran al sequestro della super petroliera Grace I, fermata il 4 luglio scorso, mentre navigava per lo Stretto di Gibilterra e diretta in Siria, con l’accusa di violare le sanzioni Ue allo Stato siriano.

Le navi. La petroliera, Stena Impero britannica, stava navigando nello Stretto di Hormuz, in acque internazionali, quando è stata avvicinata dai Pasdaran (Guardie della Rivoluzione islamica) e da un elicottero. Non avendo rispettato i segnali di avvertimento, perché fuori rotta, e in violazione delle norme marittime internazionali, la petroliera britannica è stata costretta dalle Autorità iraniane a dirigere in un porto iraniano. A bordo tra i 23 membri di equipaggio, composto da marinai di varie nazionalità, vi sono anche tre russi e ne da conferma l’ambasciata russa a Teheran, mentre nessun cittadino britannico è presente a bordo. L’altra nave, la MV Mesdar, battente bandiera liberiana, della Società armatrice britannica Norbulk Shipping, con base a Glasgow, ha subito ispezioni e dopo i controlli a bordo, è stata rilasciata in serata, riprendendo la navigazione.

Washington. Il colonnello Earl Brown, portavoce di Centcom annuncia che proprie forze stanno monitorando lo Stretto dall’alto. “Abbiamo pattuglie aeree che operano in uno spazio aereo internazionale monitorando la situazione all’interno dello Stretto di Hormuz”, ha detto. Le forze navali di Centcom sono in contatto con le navi americane che operano nell’area al fine di garantirne la sicurezza, ha aggiunto. Intanto, il Presidente Donald Trump, dopo un colloquio telefonico sull’Iran con il Presidente francese Emmanuel Macron, invia truppe in Arabia Saudita che accetta di ospitare sul proprio suolo militari americani.

Abele Carruezzo

Leggi anche:

  1. Continua il gioco iraniano: è guerra mediatica?
  2. Il gioco iraniano sempre più pericoloso
  3. Continua il gioco dell’Iran: tentativo di sequestro di nave britannica
  4. Iran: il ritorno del petrolio sui mercati
  5. Sequestro di una petroliera nel Golfo di Guinea: 5 ostaggi spagnoli

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=64724

Scritto da Redazione su lug 20 2019. Archiviato come Internazionale, News, Sport, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab