Home » Italia, News, Regate, Sport » Il commento del Direttore Tecnico FIV Michele Marchesini alla settimana READY STEADY TOKYO

Il commento del Direttore Tecnico FIV Michele Marchesini alla settimana READY STEADY TOKYO

Si è chiusa ieri una settimana di successo, non solo per le due medaglie conquistate, ma per come ha funzionato tutta la nostra macchina di squadra Italiana.

Il nostro staff ha superato il test, gli atleti che dovevano fare bene qui sono andati a bersaglio, grazie sia al lungo percorso di preparazione che alla gestione della regata.

Tita e Banti si sono comportati come hanno più volte dimostrato di sapersi comportare e Camboni è stato semplicemente Camboni!
Questi sono atleti di alto profilo tecnico, solidi e maturi, pronti per fare grandi cose.

Nella squadra non tutti vanno alla stessa velocità, ci sono diversi binari e per ognuno va scelto l’approccio migliore. Per vincere le medaglie bisogna performare, avere le capacità tecniche, ed essere solidi nelle stagioni. Semplicemente aver raggiunto la maturità agonistica, tutte qualità indispensabili che alcuni dei nostri atleti già possiedono. Altri sono, anche per età, ancora acerbi e non hanno la maturità per trasferte così lunghe.

Gli equipaggi del 470 sono in Giappone da molto tempo, hanno avuto il Mondiale qui, adesso la preolimpica e poi seguirà World Cup Series, non potevamo aspettarci che ripetessero una prestazione di successo su più eventi.
Se parliamo di Tita, Camboni e Bissaro si tratta di atleti che hanno già partecipato a un’Olimpiade mentre per altri qui era la prima preolimpica. Equipaggi più freschi hanno bisogno di avvicinarsi all’obiettivo con la giusta velocità.

Credo comunque che non sia inverosimile che giovani promesse di oggi arrivino a fare una regata di alto profilo a Tokyo 2020, abbiamo tanto lavoro da fare a livello sia sportivo che tecnico, ma ce la possiamo fare.

Mi dispiace molto per Tartaglini, di comune accordo con l’atleta e il suo allenatore Adriano Stella abbiamo deciso di farla rientrare pensando al Mondiale di Torbole tra un mese. E’ un’atleta che va gestita con attenzione: aveva un problema muscolare, ci abbiamo provato lo stesso e non ha funzionato, ma voltiamo pagina e guardiamo avanti.

Leggi anche:

  1. ITALIA D’ORO E D’ARGENTO A READY STEADY TOKYO, IL TEST OLIMPICO DI ENOSHIMA
  2. READY STEADY TOKYO, SECONDO GIORNO DI REGATE DEL TEST EVENT OLIMPICO A ENOSHIMA TITA/BANTI SEMPRE IN TESTA ALLA CLASSIFICA NACRA 17
  3. READY STEADY TOKYO, DOMANI INIZIANO LE REGATE DEL TEST EVENT OLIMPICO A ENOSHIMA
  4. Al via il Test Event Olimpico Ready Steady Tokyo in programma a Enoshima dal 15 al 22 agosto
  5. ISAF SAILING WORLD CUP DI MIAMI: IL COMMENTO FINALE DEL DT MICHELE MARCHESINI

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=65831

Scritto da Redazione su ago 22 2019. Archiviato come Italia, News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab