Home » Italia, News, Regate, Sport » Il Maxi Vera è la prima barca sul traguardo della XV Palermo-Montecarlo

Il Maxi Vera è la prima barca sul traguardo della XV Palermo-Montecarlo

 

Il Maxi Vera dell’armatore argentino Miguel Galuccio è la prima barca sul traguardo della XV Palermo-Montecarlo: lo scafo di 82’ ha tagliato la linea dell’arrivo posizionata davanti a Montecarlo questa mattina alle ore 5.13, chiudendo le quasi 500 miglia del percorso (sulla rotta diretta) in due giorni, 17 ore e 13 minuti, abbondantemente, a causa di condizioni di vento leggero e instabile lungo tutto il percorso, sopra il record stabilito nel 2015 da Esimit Europa 2.

Con la conquista dei line honours della regata organizzata dal Circolo della Vela Sicilia, Vera si aggiudica quindi uno dei due trofei challenge in palio, il Trofeo Giuseppe Tasca d’Almerita.

Dopo Vera, il secondo scafo sul traguardo è stato il 72′ Aragon di Arco Van Nieuwland e Andries Verder, alle ore 14, seguito alle 14:03 dal Maxi di 70′ Adelasia di Torres di Renato Azara (a bordo Lorenzo Bodini), alle 14:05 dall’IRC 52 francese Arobas di Gérard Logel (a bordo il famoso navigatore transalpino Eric Drouglazet) e alle 14:34 dal Volvo 65 estone Ambersail2 di Linas Ivanauskas.

Gli arrivi andranno avanti per tutta la notte fino a domani lunedì alle ore 12 – tempo limite per tagliare il traguardo.

Leggi anche:

  1. DOMANI, ALLE ORE 12.00, PARTE LA PALERMO-MONTECARLO
  2. XV edizione della Palermo-Montecarlo
  3. ON LINE IL BANDO DELLA PALERMO-MONTECARLO
  4. PRIME ISCRIZIONI ALLA PALERMO-MONTECARLO
  5. A UNA SETTIMANA DALLA PARTENZA DELLA PALERMO-MONTECARLO

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=65908

Scritto da Redazione su ago 25 2019. Archiviato come Italia, News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab