Home » Altro, Ambiente, Internazionale, News, Porti, Regate, Sport » Greta Thunberg arrives in New York after 14 days crossing the Atlantic aboard Malizia II

Greta Thunberg arrives in New York after 14 days crossing the Atlantic aboard Malizia II

The racing sailboat Malizia II with Pierre Casiraghi, founder of Team Malizia and sailor Boris Herrmann, arrived today in the bay of New York with Greta Thunberg on board

After 14 days at sea, the IMOCA 60’ crew sailed up the Hudson River, tired but buoyed up by the satisfaction of a job well done. The boat faced complex weather conditions with no less than six depressions, winds up to 30 knots, several cold fronts and rough seas in the Gulf Stream with troughs several metres deep at times. Designed for racing, Malizia demonstrated her potential, reaching speeds up to 30 knots. The average speed was 11.2 knots for the  3,711 nautical mile trip completed in 13 days and 18 hours from Plymouth via the Lizard on the Cornish coast to the Ambrose lighthouse.

“I am full of praise for Greta’s courage and determination; her attitude on board Malizia II was exemplary despite the extreme living conditions. I would like to thank everyone in the Malizia team and the Prince Albert II of Monaco Foundation. It was a very emotional moment sailing past the Statue of Liberty, and I thank everyone for all the support we received during this amazing adventure crossing the Atlantic,” said Pierre Casiraghi, Vice-President of the Yacht Club de Monaco on his arrival in New York.

“We are proud to have had the opportunity to bring Greta across the Atlantic emission-free and safely. Her mission to highlight the climate change crisis is very much in line with the Malizia Ocean Challenge where we work with scientists and are actively involved with educating young people. The mood was very good on board all the time and nobody felt really seasick. Greta as a non-sailor before this trip kept up very well in all conditions and I would say she’s quite an offshore sailor now. We had some very constructive and interesting discussions, all five crew together, often about the oceans and their role as a CO2 sink, as well as on other topics about nature and the climate. I wish Greta all the best for her actions, strikes and speeches in America. We will go back to our racing programme to prepare for  the Transat Jaques Vabre later this year and the main goal, the Vendee Globe in 2020,” said the German Skipper Boris Herrmann.

The young Swedish girl, a symbol of the battle against climate change and accompanied by her father Svante Thunberg and filmmaker Nathan Grossman, has just completed her first Atlantic crossing to take part in the United Nations Climate Action Summit organised by UN Secretary General, Antonio Guterres, in New York on 23rd September.

Foto: @Jen-Edney

Italiano
Greta Thunberg arriva a New York dopo 14 giorni attraversando l’Atlantico a bordo di Malizia II

La barca a vela da regata Malizia II con Pierre Casiraghi, fondatore del Team Malizia e marinaio Boris Herrmann, è arrivata oggi nella baia di New York con a bordo Greta Thunberg.

Dopo 14 giorni in mare, l’equipaggio dell’IMOCA 60 salpò sul fiume Hudson, stanco ma sostenuto dalla soddisfazione di un lavoro ben fatto. La barca ha affrontato condizioni meteorologiche complesse con non meno di sei depressioni, venti fino a 30 nodi, diversi fronti freddi e mari agitati nella Corrente del Golfo con depressioni a volte di diversi metri. Progettata per regatare, Malizia ha dimostrato il suo potenziale, raggiungendo velocità fino a 30 nodi. La velocità media era di 11,2 nodi per il viaggio di 3.711 miglia nautiche completato in 13 giorni e 18 ore da Plymouth attraverso la via della lucertola sulla costa della Cornovaglia fino al faro di Ambrose.

“Sono pieno di orgoglio per il coraggio e la determinazione di Greta; il suo atteggiamento a bordo di Malizia II era esemplare nonostante le condizioni di vita estreme. Vorrei ringraziare tutti i membri del team di Malizia e la Fondazione Principe Alberto II di Monaco. È stato un momento molto emozionante oltrepassando la Statua della Libertà, e ringrazio tutti per il sostegno che abbiamo ricevuto durante questa straordinaria avventura attraverso l’Atlantico ”, ha dichiarato Pierre Casiraghi, Vicepresidente dello Yacht Club di Monaco al suo arrivo a New York.

“Siamo orgogliosi di aver avuto l’opportunità di portare Greta attraverso l’Atlantico senza emissioni e in sicurezza. La sua missione di evidenziare la crisi dei cambiamenti climatici è in linea con la Malizia Ocean Challenge, dove collaboriamo con scienziati e siamo attivamente coinvolti nell’educazione dei giovani. L’umore era sempre molto buono a bordo e nessuno ha avvertito veramente il mal di mare. Greta come non-marinaio prima di questo viaggio ha tenuto molto bene in tutte le condizioni e direi che ora è un marinaio d’altura. Abbiamo discusso in modo molto costruttivo e interessante, tutti e cinque i membri dell’equipaggio insieme, spesso sugli oceani e sul loro ruolo per l’assorbimento di CO2, nonché su altri argomenti riguardanti la natura e il clima. Auguro a Greta tutto il meglio per le sue azioni, scioperi e discorsi in America. Torneremo al nostro programma di regate per prepararci alla Transat Jaques Vabre entro la fine dell’anno e l’obiettivo principale, il Vendee Globe nel 2020 “, ha dichiarato lo skipper tedesco Boris Herrmann.

La giovane ragazza svedese, simbolo della battaglia contro i cambiamenti climatici e accompagnata dal padre Svante Thunberg e dal regista Nathan Grossman, ha appena completato la sua prima traversata atlantica per prendere parte al vertice delle Nazioni Unite per il clima organizzato dal segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, a New York il 23 settembre.

Leggi anche:

  1. GC32 Racing Tour: Realteam, .film e Malizia vincono una prova ciascuno
  2. New York-San Francisco: Maserati a caccia del record
  3. New York-San Francisco: Soldini a 550 miglia al traguardo
  4. RECORD NEW YORK-SAN FRANCISCO: DOMANI LA PARTENZA DI SOLDINI
  5. Maserati: Giovanni Soldini e il suo equipaggio in stand-by a New York

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=66076

Scritto da Redazione su ago 29 2019. Archiviato come Altro, Ambiente, Internazionale, News, Porti, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab