Home » Internazionale, News, Regate, Sport » HEMPEL WORLD CUP SERIES 2020: MEDAGLIA DI BRONZO PER TITA/BANTI ALLA PRIMA TAPPA DELLE 2020 HWCS AD ENOSHIMA

HEMPEL WORLD CUP SERIES 2020: MEDAGLIA DI BRONZO PER TITA/BANTI ALLA PRIMA TAPPA DELLE 2020 HWCS AD ENOSHIMA

L’ITALIA PIAZZA TRE EQUIPAGGI IN MEDAL RACE DOMANI NEI 470 BERTA/CARUSO E DI SALLE/DUBBINI NEL FEMMINILE E FERRARI/CALABRÒ NEL MASCHILE

E’ medaglia di bronzo per Ruggero Tita e Caterina Banti (SV Guardia di Finanza/CC Aniene) alla prima tappa delle 2020 Hempel World Cup Series di Enoshima, dopo una Medal Race al cardiopalma in cui hanno combattuto per l’oro fino agli ultimi metri non agguantandolo per soli quattro secondi.

“Sarebbe potuto succedere di tutto in questa Medal Race – commenta Tita – eravamo tutti molto ravvicinati, noi come quarti avremmo potuto avanzare fino al primo posto, ma anche quelli dietro di noi avevano ottime possibilità di prenderci. Quindi abbiamo giocato con una strategia molto aggressiva sin dall’inizio. Eravamo primi alla prima boa, poi i francesi ci hanno superato di poco alla seconda e noi li abbiamo ripresi nell’ultima poppa che è stata veramente un testa a testa: sapevamo che chi fosse arrivato davanti avrebbe vinto l’oro e chi invece dietro non sarebbe andato oltre il bronzo. Purtroppo per noi però, loro erano in linea con l’arrivo mentre a noi mancava una strambata, quindi per pochissimi metri hanno vinto i francesi.

Peccato aver perso l’oro per pochi secondi ma torniamo dal Giappone molto contenti, abbiamo vinto il test event olimpico, che era il nostro obiettivo di stagione, e nelle poche prove fatte per World Cup Series, abbiamo dimostrato di avere un buon passo anche con il vento forte, e torniamo felici con un oro ed un bronzo: è super!!

Ora andiamo avanti a lavorare a testa bassa, mancano ancora 340 giorni all’obiettivo vero e non bisogna assolutamente mollare neanche un millimetro, perché come dice il nostro coach Ganga Bruni, riprendendo la frase di Valentin Mankin, le medaglie si vincono in allenamento, poi si va alle regate a ritirarle.”

Vento tra 15-20 nodi anche oggi da sud-ovest e onda di poco sopra il metro, sul campo olimpico di Enoshima, dove completano il podio Nacra 17 i britannici Ben Saxton/Nicola Boniface con la medaglia d’argento.

“Ruggero e Caterina hanno da poco concluso la Medal Race in seconda posizione – commenta il tecnico FIV Gabriele Bruni – che gli consegna la medaglia di bronzo, è un ottimo risultato. Stamattina partivano in quarta posizione e dovevano gestire una giornata molto difficile sia per guadagnare punti avanti che per non farsi passare da quelli dietro. Abbiamo perso l’oro per qualche metro, ma ci siamo detti stamattina che l’obiettivo, fossero state le Olimpiadi, era una medaglia e l’hanno conquistata. Continueremo a lavorare per migliorare ancora, ma siamo soddisfatti.”

Con i Nacra 17 anche per i 49er, 49er FX, e le tavole a vela oggi erano in programma le Medal Race, mentre per gli altri si concludevano le prove di qualifica e tre equipaggi italiani hanno conquistato l’accesso alle Medal Race di domani.

Molto buona la prestazione degli azzurri nei doppi, allenati qui dal Tecnico FIV Marco Iazzetta. Nei 470 femminili Elena Berta e Bianca Caruso (GS Aeronautica Militare/Marina Militare) sono terze con 14, che scartano, 4 e 2; Benedetta Di Salle con Alessandra Dubbini (Marina Militare/SV Guardia di Finanza) sono quattro punti dietro alle compagne di squadra in quarta posizione con i parziali 4, 7, 4. Passano in testa le australiane Nia Jerwood/Monique de Vries e salgono in terza posizione le spagnole Silvia Mas Depares/Patricia Cantero Reina, ma la matematica alla vigilia dell’ultima prova a punteggio doppio lascia i giochi ancora molto aperti.

Sono decimi Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò (Marina Militare) dopo le tre prove di oggi (16, 16, 15) nei 470 maschili, anche loro quindi saranno sulla linea di partenza per la Medal Race di domani; qui i punti escludono già la possibilità di un podio, ma sarà per il giovane duo, un’ulteriore occasione di sperimentare il campo olimpico e la regata con poche barche. In testa con grande distacco ci sono gli australiani Matthew Belcher/William Ryan, seguiti dagli spagnoli Jordi Xammar Hernandez/Nicolas Rodriguez Garcia-Paz e dai giapponesi Kazuto Doi/Noya Kimura.

Finisce con oggi la trasferta per le Italiane del Laser Radial: Silvia Zennaro (SV Guardia di Finanza) è 21esima con 26, 6, 15 di giornata; Carolina Albano (RYCC Savoia) è 34esima con 19, 40 e 40; e Francesca Frazza (FV Peschiera) è 47esima con 45, 41 e 42. Confermato anche oggi il podio temporaneo con la belga Emma Plasschaert prima, la danese Anne-Marie Rindom seconda e la britannica Alison Young terza.

Le Medal Race inizieranno domani, 1 settembre alle 12 ora locale (+7 Italia) con la diretta disponibile sul canale YouTube di World Sailing https://youtu.be/XOPsr6uWWto.

Leggi anche:

  1. HEMPEL WORLD CUP SERIES 2020: QUARTA GIORNATA A ENOSHIMA ANCORA CON VENTO E ONDA. MOLTO BENE LE ITALIANE DEL 470 BERTA/CARUSO E DI SALLE/DUBBINI
  2. HEMPEL WORLD CUP SERIES 2020 Condizioni impegnative di vento e onda non fermano le regate di HWCS Enoshima
  3. HEMPEL WORLD CUP SERIES 2020: PRIMO GIORNO DI REGATE A ENOSHIMA
  4. HEMPEL WORLD CUP SERIES 2020 PARTE DAL CAMPO OLIMPICO DI ENOSHIMA, GIAPPONE
  5. READY STEADY TOKYO, SECONDO GIORNO DI REGATE DEL TEST EVENT OLIMPICO A ENOSHIMA TITA/BANTI SEMPRE IN TESTA ALLA CLASSIFICA NACRA 17

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=66159

Scritto da Redazione su ago 31 2019. Archiviato come Internazionale, News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab