Home » Internazionale, News, Regate, Sport » HEMPEL WORLD CUP SERIES 2020: VENTO LEGGERO NELL’ULTIMA GIORNATA DI HEMPEL WORLD CUP SERIES AD ENOSHIMA

HEMPEL WORLD CUP SERIES 2020: VENTO LEGGERO NELL’ULTIMA GIORNATA DI HEMPEL WORLD CUP SERIES AD ENOSHIMA

BERTA/CARUSO CHIUDONO IN QUARTA POSIZIONE, DI SALLE/DUBBINI IN SESTA E FERRARI/CALABRÒ DECIMI

Dal forte vento con onda dei giorni scorsi, oggi, nella giornata dedicata alle ultime Medal Race della prima tappa di Hempel World Cup Series 2020, il futuro campo Olimpico di Enoshima, Giappone, ha offerto una brezza così leggera da non permettere di disputare tutte e cinque le prove finali a punteggio doppio in programma. Solo i 470, maschili e femminili hanno regatato nelle acque giapponesi: proprio le classi dove erano impegnati gli atleti azzurri in gara.

Elena Berta e Bianca Caruso (GS Aeronautica Militare/Marina Militare) erano terze ieri, e prime il giorno prima, ma con il nono posto nella Medal Race odierna e gli equipaggi tutti piuttosto vicini, sono finite appena fuori dal podio in quarta posizione. Dietro di loro nella prova di oggi, Benedetta Di Salle e Alessandra Dubbini (Marina Militare/SV Guardia di Finanza), sono decime nella Medal e perdono due posti nella generale, passando dalla quarta posizione di ieri alla sesta.
L’oro va alle spagnole Silvia Mas Depares/Patricia Cantero Reina, argento per le australiane Nia Jerwood/Monique de Vries e bronzo alle tedesche Frederike Loewe/Anna Markfort.

Nei ragazzi, Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò (Marina Militare) confermano la decima posizione – la matematica della classifica non gli avrebbe consentito di fare molto meglio – con un bel quarto posto nella Medal Race.
Confermato l’oro per gli australiani Matthew Belcher/Williamo Ryan, che con questo vincono il terzo evento di fila ad Enoshima (Mondiale, Test Event e World Cup Series); l’argento va agli spagnoli Jordi Xammar Hernandez/Nicolas Rodriguez Garcia-Paz e il bronzo ai giapponesi Kazuto Doi/Noya Kimura.

Confermati i podi di ieri nei Laser, Radial e Finn, dopo una lunga ed infruttuosa attesa.

La settimana di Hempel World Cup Series Enoshima si conclude con una medaglia di bronzo per Ruggero Tita e Caterina Banti (SV Guardia di Finanza/CC Aniene) nei Nacra 17 e quattro equipaggi nei migliori dieci in tre classi, se pur con una squadra azzurra non presente al completo per i numerosi impegni della stagione.

Il Direttore Tecnico FIV Michele Marchesini ha dichiarato:
“Confermano uno standard elevatissimo Tita-Banti, ancora sul podio e a 4 secondi dall’oro. La solidità del duo Campione del Mondo anche in una regata in cui si è disputato solo il 40% delle prove di qualifica è notevole. Riguardo oggi, sono contrariato per quanto visto nella Medal Race del 470 femminile, con due equipaggi Italiani più preoccupati di marcarsi che di vincere una medaglia. Per questi individualismi non ci deve essere spazio. Discorsi a parte e molto differenti meritano il 470 Maschile e soprattutto il Laser Radial: quanto mostrato dalle singoliste Italiane in questa trasferta Giapponese non è di livello sufficiente.”

Il prossimo appuntamento con le regate a Enoshima è previsto per giugno del prossimo anno, con la finale di Hempel World Cup Series, un paio di mesi prima dei Giochi Olimpici proprio in queste acque, nell’agosto 2020.

Leggi anche:

  1. HEMPEL WORLD CUP SERIES 2020: MEDAGLIA DI BRONZO PER TITA/BANTI ALLA PRIMA TAPPA DELLE 2020 HWCS AD ENOSHIMA
  2. HEMPEL WORLD CUP SERIES 2020: QUARTA GIORNATA A ENOSHIMA ANCORA CON VENTO E ONDA. MOLTO BENE LE ITALIANE DEL 470 BERTA/CARUSO E DI SALLE/DUBBINI
  3. HEMPEL WORLD CUP SERIES 2020 Condizioni impegnative di vento e onda non fermano le regate di HWCS Enoshima
  4. HEMPEL WORLD CUP SERIES 2020: PRIMO GIORNO DI REGATE A ENOSHIMA
  5. HEMPEL WORLD CUP SERIES 2020 PARTE DAL CAMPO OLIMPICO DI ENOSHIMA, GIAPPONE

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=66187

Scritto da Redazione su set 1 2019. Archiviato come Internazionale, News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab