Home » Internazionale, News, Regate, Sport » Sarà lotta all’ultimo bordo alla GC32 Riva Cup

Sarà lotta all’ultimo bordo alla GC32 Riva Cup

Fra una settimana ricomincia la battaglia del GC32 Racing Tour 2019 con il penultimo appuntamento della stagione, che si svolgerà su uno dei campi di regata più amati e più competitivi per delle barche ultra performanti come i catamarani volanti GC32.

Riva del Garda e il suo club Fraglia Vela Riva, sono meta di molti importanti regate grazie alle condizioni di vento sempre intenso, la mattina chiamato Pelèr e il pomeriggio Ora, e pochissima onda. E’ proprio grazie a queste condizioni che si è registrato il record di velocità della classe GC32, con oltre 40 nodi. Riva è anche famosa per per il magnifico scenario naturale, con le pareti a picco sulla parte occidentale del campo di regata.

Dopo tre eventi, Villasimius in Sardegna, il Mondiale GC32 a Lagos in Portogallo e la Copa del Rey MAPFRE di Palma in agosto, la classifica provvisoria del GC32 Racing Tour 2019 vede una lotta a due al vertice fra Oman Air e i veterani di Coppa America di Alinghi di Ernesto Bertarelli. Oman Air ha vinto a Villasimius e la Copa del Rey MAPFRE mentre Alinghi ha conquistato il prestigioso Campionato Mondiale, e i due team sono a pari punti in testa alla graduatoria con cinque punti ciascuno, con Oman Air in testa in virtù della vittoria più recente in Spagna.

“Non vedo l’ora di regatare a Riva del Garda.” dice lo skipper diOman Air Adam Minoprio, che ha un’ulteriore incentivo a fare bene visto che l’ultima tappa del circuito si correrà in Oman, in acque di casa per il suo gruppo, a novembre. “Per ora siamo in testa a pari con Alinghi e ci piacerebbe molto arrivare all’ultima regata in vantaggio, per poter ottenere la vittoria finale nel GC32 Racing Tour.”

Tuttavia l’ex campione del mondo di Match Racing, che ha anche partecipato alla Volvo Ocean Race e all’America’s Cup minimizza, dicendo: “Al momento Alinghi è il team di riferimento.” Ma Minoprio ha dalla sua una buona pratica sul campo, dato che ha partecipato a un altro evento a Riva la scorsa settimana, e dice che quest’anno potrebbe essere ricompensato, dopo la delusione al Mondiale gardesano dello scorso anno. “E’ stato un momento importante, ci ha fatto aprire gli occhi. Abbiamo lasciato sul campo un sacco di punti perché non conoscevamo bene il lago come gli altri team.”

Per Alinghi, il team di Ginevra, navigare su un lago non dovrebbe riservare troppe sorprese, sebbene il Garda abbia coste con montagne molto più alte. ”Abbiamo regatato qui lo scorso anno per il mondiale e abbiamo fato una sessione di allenamento di due settimane.” Ha detto il Team Director di Alinghi, Pierre-Yves Jorand. “Conosciamo il campo per avervi corso anche con atre classi, dovrebbe esserci un bel vento la mattina e brezza termica il pomeriggio, anche se lo scorso anno durante il mondiale, le condizioni sono state un po’ diverse. E un bel campo di regata e lo scenario naturale incredibile.”

Il terzo gradino del podio provvisorio del GC32 Racing Tour è occupato dal Red Bull Sailing Team dell’olimpionico austriaco Roman Hagara, che ha un margine di soli tre punti da Zoulou del francese Erik Maris.

“L’alto lago di Garda è un riferimento della vela mondiale, luogo di sperimentazione della vela del futuro. E’ per questo che gli eventi organizzati sul Garda Trentino, devono rimanere al passo con i tempi, portando regate e barche sempre più moderne, con velisti e personaggi di riferimento internazionale. Nella GC32 Riva Cup c’è tutto questo: lo spettacolo offerto sulle acque di questo tratto di lago è la sintesi di una preparazione ad alti livelli, con mezzi moderni e prestazioni incredibili. È dunque con gran piacere, che ri-accogliamo il GC32 Racing Tour per 4 giornate a dir poco adrenaliniche!”. Ha dichiarato Marco Benedetti, Presidente di Garda Trentino.

Chi a risposto al richiamo di Riva del Garda, ritornando al GC32 Racing Tour dopo aver rinunciato a prendere parte alla Copa del Rey MAPFRE è lo statunitense Jason Carroll armatore di Argo, che non era presente in Spagna ma ha ottenuto i line honour nella celeberrima Transpac race. Jason Carroll e il suo equipaggio comunque se la dovranno vedere con il temibile Zoulou per la vittoria del campionato GC32 Owner-Driver 2019.

Ritorna in acqua sul Garda anche Código Rojo Racing di Federico Ferioli. A causa di problemi personali e di mancanza di equipaggio, l’argentino è assente dalla scena dei GC32 dallo scorso anno, e quindi Ferioli la scorsa settimana è stato impegnato in una sessione di allenamenti proprio sul lago. “Dobbiamo certamente recuperare e toglierci un po’ di ruggine.  La settimana di Malcesine ci è stata molto utile, una buona scelta.” Ha detto l’argentino, che è un grande fan del Garda, dove ha regatato in occasione del GC32 Racing Tour nel 2017. “E’ sempre bello venire a Riva, è un posto incredibile, uno spettacolo naturale, il vento, l’acqua piatta e l’aspetto sociale, la città…”

Código Rojo Racing dovrà probabilmente combattere contro il debuttante Black Star Sailing Team dello svizzero Christian Zuerrer, che partecipa al Tour per la prima volta quest’anno. Ferioli riconosce che dallo scorso anno il livello del GC32 Racing Tour è salito molto, con l’arrivo dei team delle ex Extreme Sailing Series. “Il livello è molto cresciuto, e ora è più difficile stare al passo della flotta, dovremo allenarci di più.”

Il Presidente della Fraglia Riva Giancarlo Mirandola, ha dichiarato: “Dal primo anno del GC32 Racing tour abbiamo creduto nella classe, garanzia di organizzazione, così come della presenza di personaggi di livello sia dal punto di vista velico, che imprenditoriale. La dimostrazione che la Fraglia Vela Riva, nonostante la sua storia di 90 anni, rimane sempre molto aperta alle nuove tendenze del mondo velico, cercando di offrire una location e un’organizzazione in acqua all’altezza degli eventi più prestigiosi del panorama internazionale”.

Le regate della GC32 Riva Cup si svolgeranno dal 12 al 15 settembre, con una regata di pratica l’11.

Coloro che volessero vedere da vicino lo spettacolo dei catamarani volanti, possono registrarsi per un pacchetto VIP che permette di accedere alla GC32 Lounge, vedere le regate da una barca spettatori e persino salire a bordo. Contatto: grazia.odasso@youreventgroup.it

Leggi anche:

  1. I GC32 alla Copa del Rey MAPFRE: ci sono anche Iker Martínez e i campioni del mondo di Alinghi
  2. Altri top team confermati per il GC32 Racing Tour 2019
  3. GC32 Racing Tour 2019: arrivano anche Oman Air e Zoulou
  4. Il primo mondiale GC32 sarà sul lago di Garda
  5. Giovani leoni sul Garda per la GC32 Riva Cup

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=66324

Scritto da Redazione su set 4 2019. Archiviato come Internazionale, News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab