Home » Europa, Internazionale, News, Regate, Sport » 14e Monaco Classic Week – La Belle Classe : Stars & Stripes forever!

14e Monaco Classic Week – La Belle Classe : Stars & Stripes forever!

11-15 settembre 2019: omaggio agli yacht americani che dominavano la scena internazionale dal 1851 al 1973

Per questa edizione della biennale Monaco Classic Week, lo Yacht Club de Monaco assume un accento americano, aprendo l’incontro con una interpretazione della famosa marcia di J.P. Sousa, “Stars & Stripes forever” eseguita dalla banda militare navale, Musique des Equipage de la Flotte.

Questo è l’unico raduno di barche classiche che invita imbarcazioni sia a vela sia a motore, con circa 130 iscritti. Ben 74 gli yacht a vela classici e di classe metrica, oltre a 30 barche a motore, rappresentati dai simboli del Mediterraneo, i Riva, e per gli Stati Uniti da una flotta di Chris Craft, vere icone dei laghi americani.

Sarà la prima volta di Atlantic 2010 nel Principato (replica della goletta a tre alberi del 1903 su cui Charlie Barr nel 1905 stabilì il miglior tempo per una traversata dell’Atlantico). Un’altra icona, SS Delphine (1921), la nave a vapore di 79 m costruita per la moglie del magnate automobilistico Horace E. Dodge, fa un gradito ritorno. Fu a bordo di questa bellezza che tre leader mondiali, Stalin, Roosevelt e Churchill, negoziarono almeno parte dell’Accordo di Yalta del 1945.

‘BORN IN THE USA’

A Port Hercule, sulle banchine e nella Clubhouse, lo YCM celebra le star dello yachting americano, eroine della East Coast, territorio dello Yacht Club di New York i cui membri hanno scritto questa formidabile saga. Attraverso le loro creazioni, sarà possibile rincontrare idealmente i progettisti, da Starling Burgess, Nathanael G. Herreshoff e John G. Alden, per non parlare dei loro prolifici e prestigiosi successori, Olin Stephens e il suo partner Roderick Sparkman, e Dick Carter, i cui clienti avevano nomi come Vanderbilt, Rockfeller, Pierpont Morgan, Gorbes e John Kennedy.
Lo yachting, come la Coppa America è più di un semplice gioco, è una combinazione di creatività, industria e sport di alto livello. Ma anche rivalità economica. Ne erano senz’altro convinti Sir Thomas Lipton e Marcel Bich, industriali rispettivamente del tè e delle penne a sfera usa e getta, che finanziarono sfide alla Coppa America, conquistando così il pubblico americano con una operazione di marketing efficace e sottile.

Con il gigantismo americano, lo yachting si è sviluppato al massimo livello, tanto che gli Yankees arrivarono a battere gli inglesi sul loro terreno, a Cowes, davanti alla regina Vittoria, un giorno nel giugno 1851. I vinti vollero la rivincita. I vincitori accettarono di riceverli nelle loro acque e la sfida prese il nome della famosa goletta del 1851, America, la cui fedele replica sarà ormeggiata nella marina dello Yacht Club.

Questi progettisti, inizialmente ispirati alle grandi golette da pesca del Maine, hanno innovato molto rapidamente per resistere all’assalto dei più bei yacht britannici, progettati da Watson, Fife, Mylne…

NOVITÀ PER QUESTA EDIZIONE

Sull’acqua

Quest’anno, le classi metriche, nate dopo la creazione del calibro internazionale del 1906, sono invitate a Monaco: 6 M JI, 8 M JI, 12 M JI e 15 M JI, che comprende Tuiga, l’emblematico veliero dello Yacht Club de Monaco, che compie 110 anni quest’anno. L’opportunità è di vedere in regata ciò che di meglio è stato creato per competere, come prova la buona salute delle classi 6 metri e 8 metri. La 12 M JI sarà rappresentata da La Spina, un capolavoro di progettazione e design italiano, e da un gradito ritorno, French Kiss, appena uscito dai cantieri di restauro, che nel 1987, timonato da Marc Pajot, ottenne la migliore prestazione finora di una barca francese in Coppa, vale a dire raggiungere le semifinali dei Challenger a Perth.

La International Schooner Association ha scelto Monaco, dopo Capri, per il secondo raduno della sua giovane storia, la Schooner Cup Series. Una dozzina di golette, tra cui Invader (1905), Puritan (1930) o Elena of London 2009 (replica del 1910), restituiranno al molo un aspetto storico, quando arrivavano per svernare in attesa della primavera e assistevano agli Incontri di Motonautica.

Tra i nuovi arrivati della Monaco Classic Week: Atlantic, la famosa goletta dello Yacht Club di New York che nel 1905 stabilì il miglior tempo sulla traversata dell’Oceano Atlantico, in 12 giorni, 4 ore 1 minuto e 19 secondi. Ricostruito sotto la direzione di Ed Kastelein, specialista nella replica di famose barche a vela, l’Atlantic, con i suoi 66 metri, è una replica identica della goletta a tre alberi che Charlie Barr aveva ordinato per conquistare la Kaiser’s Cup nel maggio 1905. Fu solo il 1° agosto 1980 che Eric Tabarly migliorò questo tempo di riferimento su un percorso di 2.925 miglia.
Accanto a queste prestigiose flotte troviamo i Dinghy 12′, piccole barche a vela, veri e propri gioielli di legno verniciato e accessori luccicanti, uno sciame di una ventina di farfalle che volteggiano nella baia.

A riva

Ricordiamo che le banchine sono aperte al pubblico che è libero di passeggiare nel Monaco Classic Week Village di circa 20 espositori tutti legati allo yachting classico: cantieri navali, artigiani, pittori marini, scultori e fotografi, con un tema americano generale per l’arredamento.   Davanti alla Clubhouse dello YCM, una esposizione inedita “G.L. Watson e la Coppa America” delizierà gli appassionati di yacht classici che per la prima volta su questa sponda dell’Atlantico possono scoprire di più su quelle prime barche, che hanno gareggiato in Coppa America e stabilirono la supremazia statunitense.

La mostra allestita sul Quai Louis II presenta foto inedite dell’archivio George Lennox Watson, lo sfortunato progettista scozzese autore di quattro British Challengers tra cui uno Shamrock per Sir Thomas Lipton. Pioniere dello spionaggio industriale, per ogni edizione della Coppa ottenne fotografie delle barche americane in azione o nel cortile per studiarle. Questa collezione unica e storicamente significativa è stata messa a disposizione dello Yacht Club da G. L. Watson & Co a Liverpool.

Uno spettacolo accessibile a tutti

Competizioni di regolarità e manovrabilità per le barche a motore, regate per gli yacht a vela e sfilate di eleganza – presiedute da S.A.R. la principessa Beatrice d’Orleans Borbone alla presenza di S.A.R. la principessa Camilla di Borbone delle Due Sicilie – sono solo alcuni dei punti salienti che attendono gli spettatori.

A terra, gli chef su yacht classici si sfidano a produrre il piatto originale più creativo in una competizione culinaria sulla banchina. Per i membri e i partecipanti, i ponti dello Yacht Club offrono viste panoramiche sulla baia, così come le mura del porto principale e altri punti panoramici di Monaco per il pubblico.

È tempo di fare un passo indietro nel tempo per rivivere la passione che i navigatori avevano già oltre un secolo fa e che continua a motivare coloro che ripristinano, mantengono e navigano queste preziose testimonianze del nostro patrimonio marittimo.

Programma provvisorio (soggetto a modifiche)

Lunedì 9 e martedì 10 settembre
11.00    Inizio della corsa di passaggio da Imperia – Monaco

Martedì 10 settembre
18.30    Anteprima del film MONACO and the Sea (Ballroom) per membri YCM e partecipanti alla settimana classica di Monaco

Mercoledì 11 settembre
Ore 11.00   Gare di classe metrica (6 M IR / 8 M IR / 12 M IR / 15 M IR)
11.00    regate di yacht classici (valutazione CIM)
19:00    Cocktail di apertura “A la rencontre de la Monaco Classic Week” (su invito) con una serenata americana del Musique des Equipages de la Flotte

Giovedì 12 settembre
9.00-18.00   Ispezione degli yacht da parte della giuria “La Belle Classe Restoration”
9.00-10.00   Concorso Chef (distribuzione degli ingredienti sulle banchine)
Ore 11.00   Gare di classe metrica (6 M IR / 8 M IR / 12 M IR / 15 M IR)
11.00    regate di yacht classici (valutazione CIM)
11.00    Sfida di regolarità per barche a motore
12.30    Pic-nic in mare per barche a motore
17.00-19.00   Concorso Chef (presentazione dei piatti in banchina)
20:00    Crew Party (su invito)

Venerdì 13 settembre
9.00-18.00   Ispezione degli yacht da parte della giuria “La Belle Classe Restoration”
11.00    Classi metriche e gare di classe 12 ‘Dinghy
11.00    regate di yacht classici (valutazione CIM)
11.00    Sfida di manovrabilità per barche a motore
20.30    Festa La Belle Classe (abbigliamento da velista, invito di Moët Hennessy)

Sabato 14 settembre
9.00-18.00   Ispezione degli yacht da parte della giuria “La Belle Classe“
10.00    Parata dell’eleganza per lo yacht classico
11.00    Classi metriche e gare di classe 12 ‘Dinghy
11.00    regate di yacht classici (valutazione CIM)
14.30    Sfilata di eleganza per barche a motore
20:00    American Night (dress code Great Gatsby, Anni Trenta, su invito)

Domenica 15 settembre
Ore 12.00   Premiazione (su invito)

Leggi anche:

  1. VII TROFEO PRINCIPATO DI MONACO: le Vele d’Epoca in laguna
  2. Le barche d’epoca a Montecarlo: aperte le iscrizioni alla XIV Monaco Classic Week
  3. Argentario Sailing Week – Panerai Classic Yachts Challenge al via da domani a Porto Santo Stefano
  4. Il trofeo Vela & Golf va allo Yacht Club Monaco
  5. Il team YCCS da domani a Monaco per il circuito 2K Team Racing

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=66568

Scritto da Redazione su set 9 2019. Archiviato come Europa, Internazionale, News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab