Home » Altro, Italia, Nautica, News, Saloni nautici, Sport » A TU PER TU CON XABI FERNÁNDEZ, SKIPPER OLIMPIONICO DI MAPFRE ALLA VOLVO OCEAN RACE

A TU PER TU CON XABI FERNÁNDEZ, SKIPPER OLIMPIONICO DI MAPFRE ALLA VOLVO OCEAN RACE

Si è svolto Sabato 21 Settembre  al  Salone Nautico di Genova, l’incontro A TU PER TU CON XABI FERNÁNDEZ, SKIPPER OLIMPIONICO DI MAPFRE ALLA VOLVO OCEAN RACE dove un nutrito gruppo di giornalisti del settore hanno avuto l’eccezionale opportunità di ascoltare dal vivo l’esperienza del campione basco Xabi Fernandez, skipper di Mapfre nella Volvo Ocean Race e di scoprire insieme a lui lo sviluppo di una collezione innovativa e performante nata dalla collaborazione tra il Team Mapfre e l’azienda norvegese Helly Hansen.

Lo skipper di Mapfre ha voluto essere presente a un evento importante quale il Salone Nautico di Genova per testimoniare quanto il grande lavoro svolto in simbiosi dal team di Mapfre e da Helly Hansen sia stato determinante per la nascita di una collezione di abbigliamento offshore performante e di successo come la collezione Aegir.

Il 43enne velista basco Xabier “Xabi” Fernández è uno degli atleti più accreditati e di maggior successo al mondo, campione di stile e di talento. Nel suo ricco palmares spiccano due medaglie olimpiche (oro ad Atene 2004, argento a Pechino 2008), diversi titoli a livello europeo e mondiale fino a vantare la sesta partecipazione alla Volvo Ocean Race. Nell’ultima edizione della prestigiosissima competizione, come skipper di Mapfre, ha mantenuto il suo team in vetta alla classifica generale fino all’ultima tappa.

“Sono passati più di 20 anni da quando ho iniziato a dedicare la mia vita alla mia passione, la vela. E gli ultimi 10 circa sono stati davvero molto intensi, navigando per lo più in tutto il globo”, racconta Xabi. “Quando ero giovane, sognavo di andare alle Olimpiadi e di vincere le medaglie, un sogno a occhi aperti, il desiderio della vita. Dalla vela olimpica poi sono arrivate le imprese delle grandi sfide con le regate più difficili, più insidiose, più estreme. La vela è stata molto più di un lavoro per me, come lo è stata per tutto il gruppo del team Mapfre”, sottolinea Xabi.

“Io e tutti i miei compagni diamo molto alla vela. Ma, naturalmente, la vela ha dato molto anche a noi. A volte, quando si naviga molto, si pensa a fermarsi e fare una pausa. Ma, quando arriva la pausa, non si vede l’ora di tornare a navigare. La vela è la nostra vita. L’adrenalina è il vento, il mare, navigare con gli alisei: tutto questo ti fa sentire vivo! Tante sono le sfide da affrontare in mare aperto, tra rotture, stress e imprevisti vari ed essere circondato da un grande team e seguito da partner attenti e si cui si può riporre la propria fiducia come Helly Hansen, è il modo migliore per affrontare qualsiasi situazione”, continua lo skipper.

“La Ocean Race è sempre una sfida difficilissima da affrontare perché racchiude in sé tutto, avventura, agonismo, campioni ai massimi livelli, quindi competenza e capacità tecnica estreme, peraltro con un’esposizione mediatica totale determinata da una piattaforma di comunicazione globale. In questo contesto sportivo non va sottovalutato uno degli aspetti più determinanti, che è quello dell’attrezzatura e della sicurezza. Essere partner di Helly Hansen ci ha dato le migliori garanzie e i capi tecnici di cui abbiamo avuto bisogno per affrontare questa gara ricca di insidie.

Siamo stati ogni giorno di fronte a tutti i tipi di condizioni: caldo, freddo, umido, asciutto e, proprio grazie all’innovazione e alla tecnologia dei capi Helly Hansen, abbiamo mantenuto la condizione fisica ottimale in ogni momento. Noi del team abbiamo contribuito dall’oceano a dare alcuni suggerimenti e, grazie a minuziosi test di laboratorio e al grande intuito dei designer  di Helly Hansen, ha preso forma una collezione dalle performance eccellenti”, conclude Xabi.

Come Xabi Fernandez consiglia di affrontare le sfide più estreme dei mari navigando per mesi in ogni condizione climatica?

Il team MAPFRE nell’edizione 2017/18 è tornato alla Volvo Ocean Race con l’obiettivo di vincere il trofeo per la prima volta nella storia della Spagna. Io ho avuto l’onore di costruire una squadra mista, non solo spagnola, composta da velisti che hanno vinto medaglie d’oro olimpiche, che avevano trionfato nelle precedenti Volvo Ocean Race e dell’America’s Cup, ad alcuni dei più apprezzati velisti d’altura del pianeta. Il team MAPFRE è apparso subito più forte che mai ed ha concluso poi per un soffio al secondo posto ma con onore. La pluri premiata collezione di abbigliamento tecnico per la vela di altura Aegir è ciò che ci voleva per questo team. E’ il risultato di migliaia di ore di ricerca e sviluppo. D’altronde Aegir è il Dio del mare nella mitologia scandinava.

Come si fa a passare da una semplice giacca da vela a un capo che protegga alle condizioni climatiche estreme?

La risposta sta nei test effettuati sull’equipaggiamento oceanico durante una delle competizioni più rinomate della vela: la Volvo Ocean Race. Dopo 140 anni nel settore nautico e 40 anni di lavoro con il VOR, Helly Hansen si affida agli input dei professionisti per sviluppare ed espandere i limiti delle prestazioni dell’equipaggiamento, dai grandi classici come la Salt Jacket fino ai progetti più innovativi come Ægir. Partner e tester di prima mano dei prodotti Helly Hansen sono stati i componenti dell’equipaggio di MAPFRE che hanno partecipano all’ultima Volvo Ocean Race.

I professionisti di questo team hanno avuto bisogno di abbigliamento che li proteggesse in tutte le condizioni, dal clima più caldo del Mediterraneo alle temperature fredde e pungenti dell’oceano meridionale…

Oltre a sostenere gli atleti in questa intensa sfida, queste partnership sono sempre state un’opportunità unica per la crescita di Helly Hansen nella ricerca e nello sviluppo. Essendo uno degli eventi più impegnativi tra tutti gli sport, la Ocean Race è la prova ideale per capi da vela funzionali. L’azienda norvegese si è affidata al Team per mantenersi all’avanguardia nel design e nelle tecnologie, per permetterci di realizzare i migliori prodotti per le collezioni vela destinate al pubbico. Il team è stato dotato con la più completa e tecnologica attrezzatura offshore che Helly Hansen è in grado di offrire.  Nell’affrontare l’imprevedibilità della natura abbiamo messo a dura prova l’abbigliamento Helly Hansen.

E tuo feedback continuo aiuta l’Azienda norvegese nello sviluppo delle collezioni offshore…

Immaginate le sfide impreviste che si presentano nel corso di un anno di navigazione quasi ininterrotta attraverso gli oceani più duri del mondo in una delle regate più combattute e competitive di tutti i tempi. Alberi rotti, onde enormi e temperature estreme sono solo la punta dell’iceberg.

Cosa ci vuole per competere nella Volvo Ocean Race?

Considerato uno degli eventi sportivi mentali e fisici più impegnativi di tutti i tempi, la Volvo Ocean Race non è per i deboli di cuore. L’acqua può scendere fino a due gradi, la forza del vento è semplicemente folle, la dimensione delle onde è assolutamente fuori controllo. Le condizioni sono semplicemente implacabili. E non c’è niente che tu possa davvero fare, devi solo spingere fino al traguardo e non ha tempo di pensare che ciò che indossi non ti aiuta.

Uno dei risultati di questa collaborazione è la collezione Ægir di Helly Hansen fatta con i vostri consigli…

La collezione Helly Hansen Ægir Offshore è sempre stata il risultato della collaborazione con alcuni dei migliori velisti del mondo, e quest’ultima, già presente nei punti vendita, non fa eccezione. Abbiamo potuto indossare l’equipaggiamento in condizioni così estreme e  l’azienda norvegese è stata in grado di portare l’intera collezione ad un livello di prestazioni superiore.

Leggi anche:

  1. Xabi Fernández sarà lo skipper di MAPFRE per la Volvo Ocean Race 2017/18
  2. Nuova sfida del team spagnolo MAPFRE alla Volvo Ocean Race
  3. Volvo Ocean Race: gli spagnoli di MAPFRE vincono ad Auckland
  4. MAPFRE sale a bordo della barca spagnola alla Volvo Ocean Race
  5. Volvo Ocean Race: Iker Martínez e Xabi Fernández i migliori al mondo

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=67309

Scritto da Redazione su set 22 2019. Archiviato come Altro, Italia, Nautica, News, Saloni nautici, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab