Home » Italia, Motonautica, News, Sport » A Marina di Ragusa, la World Cup Offshore classe 3D 2019 va all’equipaggio della Motonautica Boretto Po, con Lorenzo e Andrea Bacchi e Marco Fasciani

A Marina di Ragusa, la World Cup Offshore classe 3D 2019 va all’equipaggio della Motonautica Boretto Po, con Lorenzo e Andrea Bacchi e Marco Fasciani

Concluse anche le gare del Campionato Mondiale Offshore classe V2, del Campionato Italiano Offshore classe 5000 e dei Campionati Italiani Endurance Gruppo B e Honda Offshore.

Festeggiamenti per i piloti azzurri oggi, domenica 6 ottobre, a Marina di Ragusa (RG) dove si è disputato uno degli eventi conclusivi della stagione motonautica agonistica Offshore ed Endurance.

Nei Campionati Offshore, a vincere la World Cup 2019 della classe 3D (foto in apertura) è stato l’equipaggio azzurro della Mot. Boretto Po con Lorenzo e Andrea Bacchi e Marco Fasciani, che si è aggiudicato le due gare effettuate nella giornata di ieri e 800 punti finali (oggi a causa del forte vento sono riusciti a correre solo i grandi scafi della classe V2).

Argento nella World Cup all’equipaggio dello svizzero Mario Di Cosmo, che ha gareggiato con il romano Roberto Lo Piano (525 punti). Terzo classificato, l’equipaggio della Associazione Motonautica Venezia, con Gianpaolo Montavoci, Fabio Tron e Nicola Dall’Acqua, a quota 352 punti.

La 2^ e ultima gara della 3D è stata valida ai fini di punteggio anche per il Campionato Italiano della classe 5000: 1° classificato l’equipaggio Bacchi-Bacchi-Fasciani; secondo gradino del podio per i francesi Francois Pinelli e Matthieu Baccellini in equipaggio con la veneziana Caterina Croze; terzo classificato l’equipaggio Di Cosmo-Lo Piano.

Nella località siciliana, si è corso anche l’ultimo appuntamento stagionale del Campionato Mondiale della classe Offshore V2: vittoria dei maltesi di Interceptor Remax, che si sono imposti rispettivamente sui francesi di Marine Diffusion e sui maltesi di El Diablo (info su www.uim.sport).

Terminate ieri in Sicilia, anche le gare del Campionato Italiano di Endurance del Gruppo B e dell’Honda Offshore, arrivati alla penultima tappa della stagione.

Nell’Endurance B, nella classe Pro, vittoria dei napoletani del Circolo Canottieri, Diego e Massimiliano Testa; i Testa hanno regolato rispettivamente il veneziano Mario Cosma e il romano Simone Balducci.

Nella classe B-Sport, successo per Christian Cesati e Luca Bruatti (del Club Nautico Gabbiane); secondi classificati Achille Mazzucotelli e Carla Buzzi (Verbano Yacht Club).

Nell’Honda Offshore, a vincere la tappa di Ragusa è stato Mario Cosma (Associazione Motonautica Venezia); Cosma si è imposto su Simone Balducci e sul siciliano Gianfranco Andaloro, rispettivamente 2° e 3° classificati.

La tappa finale dei Campionati Endurance B e Honda Offshore sarà a Como dal 9 al 10 novembre, in concomitanza con la tappa finale del Campionato Italiano Offshore 5000.

Leggi anche:

  1. A Marina di Ragusa, dal 2 al 6 ottobre, di scena la World Cup Offshore 3D, il Campionato Italiano Offshore 5000, il Campionato Mondiale Offshore V2 e i Campionati Italiani Endurance Gruppo B e Honda Offshore
  2. A Napoli, conclusa la 2^ tappa dei Campionati Italiani Offshore cl. 5000, Endurance Boat Racing e Honda Offshore
  3. Motonautica, nel 2019 Maurizio Schepici prenderà parte al Campionato Ukopra di offshore
  4. MOTONAUTICA OFFSHORE DA NAPOLI: Bacchi e Carpitella vincono il Campionato Europeo 3D
  5. A Chioggia motonautica Offshore ed Endurance con i Campionati Mondiali e Italiani 2017

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=68205

Scritto da Redazione su ott 8 2019. Archiviato come Italia, Motonautica, News, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab