Home » Italia, News, Regate, Sport » HILTON MOLINO STUCKY: L’EQUIPAGGIO TUTTO AL FEMMINILE DI GOLFO DI TRIESTE, SKIPPER FRANCESCA CLAPCICH, CONQUISTA IL SECONDO POSTO DELLA VENICE HOSPITALITY CHALLENGE 2019

HILTON MOLINO STUCKY: L’EQUIPAGGIO TUTTO AL FEMMINILE DI GOLFO DI TRIESTE, SKIPPER FRANCESCA CLAPCICH, CONQUISTA IL SECONDO POSTO DELLA VENICE HOSPITALITY CHALLENGE 2019

Hilton Molino Stucky sale per il sesto anno consecutivo sul podio della Venice Hospitality Challenge

Venezia – Hilton Molino Stucky sale anche quest’anno sul podio della Venice Hospitality Challenge, la manifestazione sportiva organizzata dallo Yacht Club Venezia, sotto l’Alto Patrocinio del Comune di Venezia, grazie alla straordinaria gara disputata dal Maxi Yacht Golfo di Trieste, abbinato all’hotel.

Un’edizione da record, quella di sabato 19 ottobre, nella quale tra i quattordici famosi Maxi Yacht associati alle eccellenze dell’ospitalità veneziana si è distinto GOLFO DI TRIESTE, guidato dalla skipper Francesca Clapcich, con un equipaggio tutto al femminile, composto da 15 veliste provenienti da sei nazioni alla loro seconda regata, dopo l’esordio ufficiale del team alla 51ma Barcolana, tenutasi la scorsa settimana.

La skipper Francesca Clapcich ha commentato la vittoria: “La Venice Hospitality Challenge è stata una regata molto intensa, navigare in bacino a Venezia di fronte a piazza San Marco è un’esperienza unica, ma anche molto difficile: bisogna controllare da una parte gli avversari sempre molto agguerriti in questo evento, inoltre c’è poco fondale, quindi il percorso è ricco di insidie in tutti i sensi. Questa è stata la nostra seconda regata, nella prima siamo arrivate ottave, qui a Venezia in parte non avevamo neanche lo stesso equipaggio, perché alcune delle ragazze non erano disponibili. Sicuramente la nostra barca è molto veloce, abbiamo fatto qualche errore, ma tutte a bordo hanno fatto un lavoro incredibile. Oggi abbiamo lasciato tutti gli avversari dietro di noi, tranne uno. Domani alla Veleziana dovremo essere ancora più brave”.

Sul podio fin dalla prima edizione, Hilton Molino Stucky si impone anche quest’anno con il sesto successo consecutivo; la gara fin dall’inizio si è dimostrata ricca di emozioni. A condividere il palmarès con Hilton Molino Stucky, due concorrenti di altissimo valore e competenza quali Way of Life – The Gritti Hotel, che ha ottenuto il primo posto e Portopiccolo Tempus Fugit– The St. Regis Venice.

A concludere una giornata ricca di emozioni, un evento d’eccezione tenutosi all’Hilton Molino Stucky che per la prima volta ha visto non solo la presenza degli equipaggi, ma anche il coinvolgimento degli Chef di quasi tutte le realtà che hanno aderito alla manifestazione. Una serata nel segno di Venezia che ha ulteriormente rafforzato lo spirito di partecipazione e condivisione degli hotel.

Ilio Rodoni, General Manager dell’Hilton Molino Stucky Venice, ha così commentato l’edizione 2019: “Il nuovo equipaggio, tutto al femminile, ha contribuito a rinnovare lo spirito di sana competizione sportiva che ci anima sin dalla prima edizione. Anche quest’anno, la manifestazione è stata seguita con grande entusiasmo dal team in hotel. Hilton Molino Stucky in questa edizione della Venice Hospitality Challenge ottiene il suo 6° podio consecutivo e desidero estendere i miei più vivi ringraziamenti ai nostri partner, ma ancor più importante, tengo a sottolineare la mia stima per l’equipaggio di Golfo di Trieste che ci ha regalato una nuova emozione, resa ancor più grande grazie alla vera e propria Cena degli Chef che abbiamo avuto l’onore di ospitare la sera con la presenza per la prima volta anche dei team”.

Il Maxi 90 Golfo di Trieste (lungh. f.t. 27,43m – largh. 5.67m – pescaggio 4,87m a chiglia fissa) è un progetto di Reichel/Pugh Yacht Design ed è stato costruito interamente in carbonio nel cantiere McConaghy Boats in Nuova Zelanda.

A bordo di Golfo di Trieste hanno regatato Francesca Clapcich, skipper, randista (ITA); Sally Barkow, timoniere (USA); Giulia Conti, tattico (ITA); Dee Caffari (GBR); Giovanna Micol (ITA); Petra Kilba (CRO); Emily Nagel (Bermuda); Alice Spangaro (ITA); Michela Spangaro (ITA); Francesca Komatar, (Centro Sportivo Aeronautica Militare – ITA); Elodie -Jane Mettraux (SUI); Claudia Rossi (ITA); Cinzia Lotta (ITA); Giulia Seno (ITA); Arianne van de Loosdrecht (Paesi Bassi); insieme al team la giornalista Rachele Vitello (The Boat Show, SKY Sport).

Leggi anche:

  1. Way of Life – The Gritti Palace vince la Venice Hospitality Challenge
  2. Pronta al via la VI edizione della Venice Hospitality Challenge
  3. Al Salone Nautico di Venezia presentata la VI edizione della Venice Hospitality Challenge
  4. NUOVO MAXI JENA VINCE LA TERZA EDIZIONE DELLA VENICE HOSPITALITY CHALLENGE
  5. YCV: A BRERA LA PRESENTAZIONE DELLA VENICE HOSPITALITY CHALLENGE 2016

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=69158

Scritto da Redazione su ott 23 2019. Archiviato come Italia, News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato allo shipping con un focus sul soccorso in mare e sulla Brexit, il ruolo del porto di Salerno e la "Barletta marinara". Poi un approfondimento sui fari di Brindisi ed uno sul trasporto ad emissioni zero con Emma. E ancora, approfondimenti sulle crociere e sulla sicurezza nei nostri porti.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab