Home » Cantieri, Internazionale, Nautica, News, Regate, Sport » “RACING FOR THE PLANET”: LA BARCA DELLA FONDAZIONE MIRPURI DOPO IL REFIT DI QUATTRO MESI

“RACING FOR THE PLANET”: LA BARCA DELLA FONDAZIONE MIRPURI DOPO IL REFIT DI QUATTRO MESI

La Fondazione Mirpuri parteciperà alla prossima edizione di The Ocean Race, denominata “Racing For The Planet”, sarà uno yacht da regata monoscafo di classe VO65.

Questi yacht, originariamente progettati da Farr Yacht Design, furono utilizzati nelle edizioni 2014–15 e 2017–18 di The Ocean Race e, come 65 piedi LOA, leggermente più corti della precedente generazione di Volvo Open 70s. Tuttavia, sono considerati più affidabili, robusti e convenienti rispetto ai loro predecessori pur essendo una barca da regata ad altissime prestazioni.

La nave della Fondazione Mirpuri, “Racing For The Planet”, è numerata VO65-1, essendo la prima costruita di otto navi in ​​tutto, ed ha un grande pedigree, lo stesso yacht vinse l’edizione 2017-18 della Gara, da cui è stato completamente rimontato.

Il rimontaggio della barca, durato quattro mesi, è stato effettuato dalla rinomata compagnia Trimarine Compósitos Lda.: specializzata in processi di ingegneria, costruzione, progettazione di sistemi e allestimento di imbarcazioni da regata e da crociera ad alte prestazioni.
La società è stata incaricata all’inizio di quest’anno dalla Fondazione Mirpuri con il compito di gestire ed eseguire un refitting totale del suo VO65 in preparazione della Ocean Race 2021.

Ogni aspetto della barca è stato esaminato, sostituito, aggiornato o ricondizionato. Il refit ha coinvolto circa 6.500 ore-uomo, dall’inizio alla fine, tutto è stato messo a nudo e sostituito prima della consegna dello yacht alla Fondazione Mirpuri per il suo battesimo ufficiale, con la sua livrea “Racing For The Planet” orgogliosamente esposta.

Il primo test svolto è stato non distruttivo ad ultrasuoni della nave intrapreso dai collaboratori di lunga data di Trimarine. Successivamente, la barca è stata completamente smontata e tutta l’attrezzatura di coperta è stata rimossa e sostituita. L’intera chiglia della barca è stata staccata prima che le nuove boccole fossero fresate e montate.

Tutti i sistemi idraulici sono stati quindi controllati o sostituiti dagli specialisti italiani della Cariboni, un’altra società di collaboratori fidati con molti anni di esperienza.
L’elettronica e il cablaggio sono stati sostituiti e testati dalla rinomata azienda specializzata Diverse Performance Systems, prima che l’albero della nave fosse rimosso e reso all’avanguardia da Trimarine in collaborazione con gli ingegneri Rig Pro (Southern Spars), i produttori originali dell’albero della barca.

Quindi, al termine di tutto il lavoro tecnico, lo scafo, il ponte e la chiglia sono stati completamente riverniciati nei colori della Fondazione Mirpuri. È nata una nuova barca.
Nel laboratorio di verniciatura, dopo che gli strati di vernice esistenti sono stati accuratamente rimossi in preparazione della nuova livrea “Racing For The Planet”, tutte le superfici dovevano essere ri-innescate in preparazione per la finitura.

Questo è stato un lavoro particolarmente complesso, date le esigenze di progettazione grafica della Fondazione Mirpuri, e ha richiesto l’uso dei colori metallici della Akzo Awlgrip e una serie di miscele lisce tra argento, grigio, nero, blu e verde, con diversi strati di vernice trasparente da applicare sulla vernice per sigillare la grafica e proteggere il design elaborato.

Per questo lavoro complesso, Trimarine si è avvalsa di un team di professionisti fidati con cui ha lavorato per quasi 3 decenni, dalla campagna dell’America’s Cup Challenge “Il Moro di Venezia” negli anni ’90.

 

——————————————————–

 

The Mirpuri Foundation’s entry for the next edition of The Ocean Race, named “Racing For The Planet”, is a VO65 class monohull racing yacht.

Such yachts, originally designed by Farr Yacht Design, were used in the 2014–15 and the 2017–18 editions of The Ocean Race, and, at 65ft LOA, are slightly shorter than the previous generation of Volvo Open 70s. They are considered, however, to be more reliable, robust and affordable than their predecessors whilst still being a very high-performance racing boat.

The Mirpuri Foundation vessel, “Racing For The Planet”, is numbered VO65-1, being the first built of eight vessels in all, and has a great pedigree, the same yacht winning the 2017–18 edition of the Race, since which it has been completely refitted.

The four-month-long refit of the boat was undertaken by renowned company Trimarine Compósitos Lda. Trimarine specialises in process engineering, construction, systems-design and the fit-out of racing and high-performance cruising yachts.
The company was charged earlier this year by the Mirpuri Foundation with the task of managing and performing a total refit of its VO65 in preparation for The Ocean Race 2021.

Every aspect of the boat has been examined, replaced, upgraded or reconditioned. The refit involved around 6,500 man-hours, from beginning to end, with literally everything being stripped out and replaced prior to the yacht’s delivery to the Mirpuri Foundation for its official baptism, with its “Racing For The Planet” livery proudly on display.
The first task performed was an ultrasonic nondestructive test of the vessel undertaken by Trimarine’s long-time collaborators Q.I. Composites. After this, the boat was completely disassembled and all the deck gear was removed and replaced.

The boat’s entire keel was detached before new bushings were milled and fitted. All hydraulics were then checked or replaced by Italian specialists Cariboni, another company of trusted collaborators with many years of top-level racing experience behind them.
Electronics and wiring were replaced and tested by reputed specialist company Diverse Performance Systems, before the mast of the vessel was removed and made state-of-the-art by Trimarine in collaboration with engineers Rig Pro (Southern Spars), the boat’s original mast makers.

Then, with all of the technical work finished, the hull, deck and keel were comprehensively repainted in the colours of the Mirpuri Foundation. A new boat was born.
In the paint shop, after existing layers of paint had been thoroughly removed in preparation for the new “Racing For The Planet” livery, all surfaces were required to be re-primed in preparation for the topcoat.

This was a particularly complex job, given the Mirpuri Foundation’s graphic design demands, and called for the use of Akzo Awlgrip Custom Metallic colours and a number of smooth blends between silver, grey, black, blue and green, with several coats of clear lacquer having to be applied over the paintwork to seal the graphics and protect the elaborate design.

For this complex job Trimarine made use of a trusted professional team with whom they have worked with for almost 3 decades, since the “Il Moro di Venezia” America’s Cup Challenge campaign back in the 1990s.

Leggi anche:

  1. Varo della barca VO65 “Racing for the Planet” della Fondazione Mirpuri
  2. Mirpuri Foundation ‘Racing For The Planet’ to put Climate Change on the global agenda
  3. 6 MESI AL VIA DELLA GGR2018, PHELIPON PREPARA LA BARCA
  4. Venerdì la Mirpuri Foundation In-Port Race di Lisbona
  5. Azzam solca le acque per un inizio memorabile dell’avventura della Volvo Ocean Racing

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=70263

Scritto da Redazione su nov 16 2019. Archiviato come Cantieri, Internazionale, Nautica, News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab