Home » Italia, News, Regate, Sport » Après le déluge… la regata !!

Après le déluge… la regata !!

Ancora un allerta meteo per Riva di Traiano (e non solo), ma domenica le regate dovrebbero essere regolari

Riva di Traiano - Non c’è pericolo che passi una settimana intera senza un allerta meteo della Protezione Civile, con venti di burrasca e scuole chiuse su gran parte del litorale laziale, da Civitavecchia a Fiumicino. Ma questa volta il campo di regata di Riva di Traiano dovrebbe essere pronto, passata la buriana, ad offrirsi alla 4° giornata dell’Invernale – Trofeo Paolo Venanzangeli che, fino ad oggi, ha visto le barche scendere in acqua solo una volta con due splendide prove portate a termine.

Venerdì, infatti, è la giornata di un’intensa perturbazione, la numero 5 del mese, che porterà una giornata di forte maltempo. I venti soffieranno tempestosi soprattutto sulla Sardegna, ma anche sui settori tirrenici. Sabato dovrebbe esserci ancora un maestrale importante, che però avrà iniziato la sua fase calante, con una domenica con temperature in rialzo e un vento che dovrebbe aver completamente cambiato direzione, con un sud quasi pieno. Ovviamente si prevede la presenza di un’onda residua, stimata in circa 90 cm, che non fermerà certo la fame dei tanti equipaggi che devono già guardare la classifica dal basso.

In Regata IRC, Tevere Remo Mon Ile, First 40 di Gianrocco Catalano,  Athyris, GS 43B di Piergiorgio Nardis, Nambawan, Comet 41S di Mario Alessandro Imperato, daranno sicuramente filo da torcere al First 34.7 di Giuseppe Morani, Vulcano 2, che due settimane fa ha vinto entrambe le prove.  In Regata ORC cambia il leader, che è il Vismara 46 Aeronautica Militare Duende di Raffaelle Giannetti, ma ad inseguirlo sono le stesse barche già citate in IRC, con l’aggiunta di Ars Una, Mylius 15E25 di Vittorio Biscarini, attualmente in quarta posizione.

In Crociera guidano appaiati la classifica Soul Seeker, X362 Sport di Federico Galdi, e Malandrina, First 36.7 di Roberto Padua, che sembrano destinati a battagliare tra di loro. Li seguono Fata Ignorante, Dufour 34 di Stefano Sorgente, e Heaven, Sun Odyssey 35 di Mauro Savona.

Da non trascurare anche Nausicaa II, Sun Fast 37 di Fabio Navarra, non partito nella prima prova di inizio dicembre, ma ottimo terzo nella seconda. Tra i X2 in Coastal Race, hanno brillato Alessandro Maria Rinaldi  con l’Eagle 44 Toi e Moi (sia IRC che ORC) e Oscar Campagnola sul suo Comfortina 42 Fair Lady Blue (IRC). In equipaggio, invece, è stato l’Azuree 46 di Fabrizio Venturini Bangherang Evo  ad imporsi in entrambe le classi.

Sabato, giornata prevista soleggiata, mare permettendo saranno in acqua le boe per gli allenamenti.

Leggi anche:

  1. Invernale Traiano: si “ricomincia da tre”
  2. Salta la regata per l’allerta meteo, ma in compenso arriva il defibrillatore grazie alla Fondazione Isabella Rossini
  3. Riva di Traiano: una giornata intensa per una sicurezza ragionata in regata
  4. Invernale Riva di Traiano: si regata sabato 2 marzo per la giornata di recupero
  5. Domenica settima prova per l’Invernale di Riva di Traiano

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=71202

Scritto da Redazione su dic 13 2019. Archiviato come Italia, News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab