Home » Altro, Italia, Nautica, News, Regate, Sport » Il sistema IHC è un metodo vantaggioso per le Velerie

Il sistema IHC è un metodo vantaggioso per le Velerie

Il sistema di gestione qualità World Sailing In-House Certification si dimostra un vantaggio decisivo per le Velerie che lo applicano

La Federazione Internazionale della Vela, World Sailing (ex ISAF), ha varato nel 2006 un sistema di autocertificazione per i produttori di materiale velico.

Scopo ultimo è quello di fornire a chi partecipa a regate veliche, prodotti conformi alle Regole di Classe con certificazione di conformità (stazza) effettuata direttamente dal produttore e quindi immediatamente utilizzabili in regata, senza la necessità di avvalersi di un tecnico esterno abilitato da una Federazione Nazionale (uno stazzatore), a volte non disponibile nell’area del produttore o quella dell’acquirente.

In tal modo si ottiene un notevole risparmio di tempo da parte del produttore che non ha tempi morti nel suo ciclo produttivo, che di costi da parte del velista che non ha l’obbligo di ottenere l’opera di uno stazzatore per avere la certezza della conformità della propria attrezzatura, evitando anche possibili eventuali riparazioni correttive dell’ultimo momento e potendosi, così, concentrare esclusivamente sull’evento sportivo che lo attende.

A tal fine il produttore che voglia seguire questo percorso, deve instaurare nel suo processo produttivo un sistema di gestione della produzione che assicuri la rispondenza del prodotto finale alle specifiche della Classe Velica cui quel prodotto appartiene.

Tale metodo deriva dalla semplificazione della norma ISO 9001 e prima di essere applicato deve essere accertato da World Sailing (WS) o da una Federazione autorizzata a tal scopo da WS.

Nel 2008 l’ISAF ha invitato la Federazione Italiana Vela (FIV) ad attivarsi, attraverso un articolato progetto, per risultare sul territorio italiano, l’ente autorizzante (Authorizing Authority) in sua vece.

La FIV è diventata Autorità Autorizzante per conto di WS nel 2009.

Il sistema IHC è applicabile per la produzione di vele delle Classi che ammettono l’auto certificazione da parte del produttore, ma da tempo le Aziende che lo hanno adottato hanno esteso i criteri dell’IHC a tutto il loro campo di attività avendo potuto constatare i vantaggi economici della sua applicazione.

Finora le Veleria Italiane licenziate da FIV a produrre vele in regime IHC hanno venduto circa 11000 vele senza che ai controlli effettuati nel corso delle regate siano state trovate non conformità.

Il sistema IHC invita ad analizzare i processi produttivi e logistici interni aziendali evidenziando spesso criticità, sovrapposizioni o mancanze che, se corretta, portano ad uno snellimento del lavoro ed a una più alta produttività del processo produttivo nel suo insieme.

Il Sistema Gestione Qualità WS IHC ha rappresentato per le Velerie che lo hanno adottato un aumento dei profitti come conseguenza della razionalizzazione dei processi produttivi, diminuzione delle non conformità del prodotto che per essere risolte generano costi per la messa in regola del prodotto e ulteriori azioni nei confronti del cliente insoddisfatto (sconti, rimborsi, ecc.).

Incalcolabili sono poi i costi di immagine, dovuti ad errori, che si traducono in sfiducia o diffidenza da parte dei potenziali clineti con sicura perdita di profitto.

Infine la bassa probabilità di non conformità dei prodotti commercializzati dalle Velerie che applicano il metodo  WS IHC, aumenta la loro reputazione e la fiducia riposta in loro dai clienti inducendoli a preferire le vele da loro prodotte rispetto la concorrenza.

In sintesi gli esempi delle Velerie che hanno adottato il sistema WS IHC sono una storia di successi che hanno messo in evidenza tutta una serie di vantaggi:

Riduzione dei costi di produzione dati dallo studio e razionalizzazione dei processi produttivi e logistici con aumento dell’efficienza;

Diminuzione dei costi di non conformità derivanti da tutte le azioni necessarie ad eliminarle essendo assicurata in ogni fase di lavorazione il soddisfacimento del livello di qualità imposto dai Regolamenti di Classe;

Riduzione dei tempi di certificazione del prodotto, essendo effettuato internamente;

Aumento della reputazione di affidabilità del prodotto ed immagine della Azienda presso i clienti, dovuto anche per il controllo costante sui metodi di produzione operato da FIV per conto di WS, con conseguente aumento della visibilità commerciale;

Convenienza di adozione del sistema anche per le Classi veliche che ancora non permettono il sistema IHC con ulteriore accrescimento della fiducia da parte della clientela.

Leggi anche:

  1. COVID-19 – MARIO MATTIOLI: QUANDO SI FA SISTEMA SI TROVA SEMPRE UNA SOLUZIONE
  2. L’IMPATTO ECONOMICO E SOCIALE DEL SISTEMA PORTUALE VENETO
  3. Consegnata la certificazione di conformità del Sistema di Gestione della Qualità del Corpo
  4. Campionato Europeo ORC Sportboats: Mind The Gap, la vittoria del metodo
  5. Metodo Cousteau per osservare i fondali

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=74940

Scritto da Redazione su apr 26 2020. Archiviato come Altro, Italia, Nautica, News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab