Home » Altro, Eventi, Internazionale, News, Sport » 20 giugno: Giornata Internazionale del Surf. I luoghi ideali d’Irlanda per cavalcare le onde

20 giugno: Giornata Internazionale del Surf. I luoghi ideali d’Irlanda per cavalcare le onde

Le coste irlandesi figurano tra le località più amate del mondo in cui fare surf, grazie a una combinazione unica tra “onde perfette” e paesaggi mozzafiato

La Giornata Internazionale del Surf nel 2020 cade il 20 giugno. Questo appuntamento, nato 2005 per celebrare lo sport del surf e la sostenibilità delle risorse oceaniche, in Irlanda viene tenuto in grande considerazione: l’isola di Smeraldo si mette, infatti, in evidenza tra i surfisti di tutto il mondo con spot spettacolari in cui testare tutto l’anno la propria abilità, cercando l’onda perfetta: ovvero quella quasi impossibile da domare e che proprio per questo diventa il sogno, l’ambizione, il record da battere.

Lungo la cosiddetta Surf Coast, il frastagliato tratto della Wild Atlatic Way (https://www.ireland.com/it-it/articoli/regions/wild-atlantic-way/wild-atlantic-way/), che si sviluppa tra la città di Donegal ed Erris nella contea di Mayo, va in scena all’infinito un avvincente scontro tra forze colossali: l’immensità dell’oceano e delle sue spiagge, la plasticità della pietra delle scogliere che sembra voler fendere orgogliosamente il mare, il soffio potente del vento che gonfia le onde. Questo scenario sorprendente richiama in modo irresistibile gli amanti del surf, ma anche molti semplici spettatori, affascinati dal coraggio e dalla creatività un po’ folle di chi è costantemente alla ricerca della traiettoria giusta per volare sull’acqua. Per scoprire luoghi, attività, scuole ed eventi i siti di riferimento so no quelli della Irish Surfing Association (https://www.irishsurfing.ie/) e, per l’Irlanda del Nord, di Outdoor NI (http://www.outdoorni.com/).

BUNDORAN: LA CAPITALE DEL SURF IRLANDESE

La capitale irlandese del surf per eccellenza è Bundoran, nella contea di Donegal, lungo la Wild Atlantic Way, inserita dal National Geographic tra le 20 migliori località del mondo in cui fare surf, anche per la speciale atmosfera surf devoted che si respira.

Qualcuno potrebbe dire che sia un posto da duri, e forse è vero, visto che le temperature non sono tropicali, ma la bellezza di un punto come the Peak e le sue onde, fanno sì che i surfisti da tutto il mondo si mettano in viaggio per arrivare proprio qui. I più esperti provano a surfare proprio dove l’onda si infrange contro la scogliera, ma la capitale irlandese del surf è una meta che va bene anche per chi è alle prime armi e la Bundoran Surf Co organizza corsi per tutte le età e livelli di preparazione.

Un altro tratto leggendario della costa occidentale è quello di Mullaghmore Head, nella contea di Sligo. Le onde possono arrivare a 9 metri di altezza e la sua spiaggia sabbiosa, che si estende a perdita d’occhio, è una meraviglia per tutti, surfisti e non, così come lo è l’omonimo villaggio da cui partono le escursioni per Inishmurray Island, isola disabitata su cui sono presenti resti di un antico insediamento monastico del VI-VII secolo dopo Cristo.

L’ONDA DI AILEEN: 12 METRI DI POTENZA ATLANTICA

Se Bundoran è la capitale irlandese del surf, l’onda perfetta è quella di Aileen. Per essere precisi, gli scienziati della National University of Ireland Galway l’hanno definita ciò che più si avvicina all’onda perfetta. Si forma in determinati periodi dell’anno, nella contea di Clare, appena al largo delle Cliffs of Moher, le scenografiche scogliere alte 214 metri. Quando le condizioni sono ottimali, le onde diventano davvero impressionanti e la loro cresta può impennarsi fino a ben 12 metri. Pare che il nome di Aileen sia stato attribuito a questa onda dal pluripremiato surfer locale John McCarthy in onore del vicino promontorio di Aill na Searrach (la scogliera dei puledri).

McCarthy è stato il primo a domarla nel 2005 e da allora quasi tutte le star della tavola hanno provato ad affrontarla, compresa la cinque volte campionessa nazionale Easkey Britton. E visto che per creare l’onda perf etta è necessaria una speciale combinazione di fattori, non è sempre facile scorgerla dal vivo. La si può ammirare sempre, però, al Cliffs of Moher Visitors Centre, che ha dedicato una delle sue aree alle fotografie di Aileen e di chi ha provato a sfidarla. Il sito del centro, con i suoi tour virtuali (https://www.cliffsofmoher.ie/virtual-visit-tour/), regala, inoltre, anche un’anticipazione delle spettacolari vedute della scogliera. Molto interessante per scoprire i segreti di Aileen (e del surf in Irlanda), con foto e adrenalinici contenuti video, la sezione dedicata a questa onda gigante, presente sul sito della Wild Atlantic Way (https://www.wildatlanticway.com/highlights/aileens-wave).

CASTLEGREGORY BEACH, SURF ANCHE PER PRINCIPIANTI

Oltre che i big del surf mondiale, in Irlanda trovano onde per le loro tavole anche i principianti. Uno dei luoghi adatti a tutti, con la sua posizione riparata, è la magnifica spiaggia di Castlegregory, nella contea di Kerry, che nel 2017 ha vinto il Green Coast Beach Award, dedicato alle spiagge ad alta qualità ambientale. Con 20 chilometri di estensione è la più lunga del Paese ed è ideale per chi vuole avvicinarsi alla disciplina anche per quello che in gergo surfistico viene chiamato beach break, ovvero il fondale sabbioso che non presenta le incognite dei rocky breaks o point breaks, i fondali rocciosi, ideali per prevedere il punto di rottura dell’onda, ma altamente pericolosi per chi è privo di esperienza. Per avvicinarsi al surf le lezioni sono fondamentali e in questa zona è molto facile trovare scuole con insegnanti certificati, bagnini e ottime attrezzature. Non lontan o da questa baia, un luogo incantevole è la penisola di Dingle, il punto più a ovest dell’isola, amato per gli idilliaci scorci di paesaggio che sono pura poesia irlandese. Anche qui si possono trovare scuole di surf e baie tranquille in cui fare esperienza.

WHITEROCKS BEACH: SURF CON VISTA IN IRLANDA DEL NORD

Surf per ogni tipo di livello anche lungo le coste dell’Irlanda del Nord, con l’imbarazzo della scelta per ciò che concerne i panorami e i servizi. Una zona che offre una vista meravigliosa è quella di Whiterocks Beach, situata appena fuori dalla Causeway Coastal Route, a un paio di miglia da un’altra meta da surfer come Portrush e accanto al Royal Portrush Golf Club. Prende il nome dalle scogliere calcaree di White Rocks, che si estendono da Curran Strand al castello di Dunluce, “prestato” a Game of Thrones, quale dimora di Casa Greyjoy. Con le sue vedute spettacolari sul castello e sulla scogliera, questa spiaggia è uno dei luoghi più panoramici dell’Irlanda del Nord in cui fare surf e nelle giornate particolarmente limpide è possibile riuscire a vedere in lontananza addirittura le isole scozzesi.

Il surf è l’attività più praticata a Whiterocks Beach, ma è possibile dedicarsi anche al kayak e al bodyboard. Chi, oltre a una vista mozzafiato cerca la solitudine, trova il luogo ideale nella baia di White Park, nella contea di Antrim: non è presidiata da bagnini e le onde si infrangono abbastanza al largo, elementi che la rendono adatta solo ai surfer esperti. Per la sua natura selvaggia è anche molto apprezzata da chi fa trekking e… dalle vacche dei verdeggianti pascoli con cui confina, che non disdegnano di passeggiare sulla sabbia candida e soffice. E una volta entrati in acqua altri mammiferi è cui fare attenzione sono i delfini! www.irlanda.com

Leggi anche:

  1. PATAGONIA STA CAMBIANDO L’INDUSTRIA DEL SURF
  2. Ancora una volta il 25 giugno si celebra la Giornata del Marittimo
  3. GENOA SHIPPING WEEK- IV° edizione: dal 24 al 30 giugno 2019 la settimana dello shipping internazionale
  4. Le spiagge di Vieste si animano con il surf casting
  5. 25 Giugno 2012: Giornata Internazionale del Marittimo

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=76307

Scritto da Redazione su giu 18 2020. Archiviato come Altro, Eventi, Internazionale, News, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab