Home » Internazionale, Italia, News, Regate, Sport » Ambrogio Beccaria finalmente torna in regata: Vince La Drheam Cup insieme all’equipaggio di Ian Lipinsky

Ambrogio Beccaria finalmente torna in regata: Vince La Drheam Cup insieme all’equipaggio di Ian Lipinsky

Ambrogio Beccaria vince l’edizione 2020 della Drheam Cup con Crédit Mutuel lo scorso 21 luglio. Un ritorno grandioso in mare tra le star della vela oceanica più forti del mondo. La Drheam Cup non ha deluso. È stata una gara piena di suspense e colpi di scena.
Dopo l’intenso duello giocato nel Mar d’Irlanda tra Crédit Mutuel e Palanad 3, alle 23:30 Ambrogio Beccaria nel team di Ian Lipinski, taglia il traguardo seguito dal Mach 40.40 degli skipper Nicolas Groleau, Sam Manuard, Alan Pennaneac’h e Ludovic Aglaor.

Un equipaggio che non scherzava mica quello del Class40 progettato da David Raison: Ian Lipinski, già vincitore di due Mini Transat e di una edizione della Transat Jaques Vabre; Gwenolé Gahinet, navigatore oceanico e che attualmente detiene il record del mondo in equipaggio; Sébastien Picault, vincitore di quattro Mini Transat e alle spalle più di ventimila miglia in mini, in giro per gli mari del mondo. “una battaglia epica contro il Class40 Panalad ci ha visto soffrire in alcuni momenti della regata, ma alla fine con un’azzeccata scelta strategica siamo riusciti a incrociare giusto un paio di miglia davanti. È stao un momento alquanto godurioso!”, dice soddisfatto Ambrogio.

Seguito dal trio composto da Lamotte Module Création (Luke Berry), Everial (Stan Thuret) e Virgin Media Business (Ian Hoddle) che si sono lanciati all’inseguimento. I primi due sono finalmente riusciti a battere il Class40 inglese ed è stato Luke Berry, con il suo equipaggio, a chiudere il podio dopo aver tagliato il traguardo intorno alle 2 del mattino, a pochi minuti dall’Everial.

Gli arrivi sono durati tutta la notte. Black Mamba (Nicolas Jossier) ha chiuso al sesto posto intorno alle 4 del mattino, seguito da Vogue avec un Crohn (Pierre-Louis Attwell), Milai (Masatomo Suzuki) e Vicitan (Didier Le Vourch).

“Non desideravo altro che tornare a regatare dopo la lunga pausa”, continua il Cammellone. “Sognavo di tornare in mare a surfare ondone oceaniche sotto le stelle…ed è andata esattamente così!”.
La Drheam Cup è arrivata alla sua terza edizione quest’anno, dopo la scelta coraggiosa del suo organizzatore, Jacques Civilise. La gara a marchio francese OPEN DE FRANCE DE COURSE AU LARGE, Partita da Cherbourg-en-Cotentin e terminata a La Trinité-sur-Mer, continua ad aprirsi ad altri concorrenti e ad altre classi, come la flotta Figaro Bénéteau 3. Un’opportunità per gli esperti di vela in solitaria di riscaldarsi sulla scia della DRHEAM-CUP 400, un mese prima dell’inizio del Solitaire du Figaro.

Elide Lomartire

Leggi anche:

  1. The DRHEAM-CUP becomes the “DRHEAM-CUP GRAND PRIX DE FRANCE DE COURSE AU LARGE”
  2. AMBROGIO BECCARIA E AMELIE GRASSI A BORDO DI MUTUELLE BLUE POUR L’ISTITUT CURIE ALLA PROSSIMA “TRANSAT AG2R LA MONDIALE”
  3. Il Consiglio Federale FIV omaggia Ambrogio Beccaria
  4. Ambrogio Beccaria è il primo italiano a vincere la Mini Transat!
  5. Ambrogio Beccaria vince per la seconda volta il MAP

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=77503

Scritto da Elide Lomartire su lug 28 2020. Archiviato come Internazionale, Italia, News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab