Home » Altro, Italia, News, Regate, Sport » IV Levata all’Alba: uno spettacolo indimenticabile

IV Levata all’Alba: uno spettacolo indimenticabile

Grande successo per la quarta edizione di una manifestazione davvero unica nel suo genere, organizzata dalla Congrega del Passatore e dal Circolo Nautico Cervia Amici della Vela
La vittoria al Solaris 36 OD Intrepid Witz
Ben 24 gli scafi al via, fra i quali un’immancabile J24

Cervia-In Romagna la fantasia non manca mai, neanche nei periodi più difficili e così, anche in questo strano 2020, per il quarto anno consecutivo, la seconda domenica di settembre si è svolta la Levata all’Alba, una veleggiata assolutamente “garibaldina” che parte all’ora in cui sorge il sole e che ha come suggestivo scenario il mare di Cervia. Nata in sordina sotto l’egida della Congrega del Passatore (barca in legno progettata da  Jean Marie Finot e varata nel 1971 dal cantiere Sartini di Cervia e prodotta in 136 esemplari) in collaborazione con il Circolo Nautico Amici della Vela Cervia, la manifestazione ha, via via, allargato i propri orizzonti e domenica scorsa, grazie al solo passaparola, ha richiamato ben ventiquattro barche da tutta la costa romagnola.
La partenza è stata data alle ore 6:50 e, in pochi attimi, il mare si è trasformato in un suggestivo palcoscenico che ha incantato tutti gli spettatori.

“Cari amici, a nome mio e del Consiglio, desidero ringraziare tutti gli intervenuti alla quarta edizione della Levata all’alba.- ha commentato Giovanni Sartini (nipote del fondatore del Cantiere) -Sono state presenti ben 24 barche provenienti anche da altri porti come Cattolica, Cesenatico e Marina di Ravenna.

Da quest’ultimo porto è arrivato addirittura un trimarano che ha condotto la veleggiata per un lungo tratto
Ma non è questa l’unica nota degna di menzione: domenica mattina abbiamo avuto in “regata” tre solitari, un equipaggio interamente femminile e, soprattutto, molti giovanissimi a bordo di varie barche! Permetteteci di essere orgogliosi dell’iniziativa che vogliamo certamente migliorare ancora già dall’anno prossimo.

In questo momento difficile ci siamo sforzati per offrire agli intervenuti il meglio che si poteva fare mettendoci anche un po’ di fantasia.
La manifestazione, aperta a tutte le imbarcazioni da diporto ha visto alla partenza barche di ogni tipo: zoccolo duro i sette Passatori ma presenti anche un performante (e vincitore) Solaris 36 OD e ultima, ma non ultima, Penelope il 6.5 metri in legno, a spigolo che fu la prima barca di Simone Bianchetti.

Senza dimenticare l’immancabile presenza dei J24, vincitori con Junior nella passata edizione e quest’anno rappresentati da Allegro Bevitore armato da Nada Riva, quinta assoluta.
Vedere ventiquattro barche allineate lungo il canale di Cervia alle 6 del mattino è un’immagine che apre il cuore. Cosi come vedere 100 marinai che riempiono la banchina per litigarsi gli immancabili bomboloni. Viva il mare, viva la buona compagnia e … viva la Congrega del Passatore!”

Classifica Generale della IV Levata all’alba:
1. Intrepid Witz
2. Tobia
3. Passatore Uno
4. Terry Lupo Di Mare
5. Allegro Bevitore J24 armato da Nada Riva
6. Trimarano
7. Marathon
8. Santamaria
9. Il Filo ..
10. Musly
11. Mariasole
12. Timeless
13. Ventitre
14. Kamir
15. Mangiafuoco
16. Tormentina
17. Giblu
18. Cochabimba
19. Drakkar
20. Ninfa
21. Caligo,
22. Saetta,
23. Yara,
24. Penelope

Leggi anche:

  1. Grande spettacolo a Venezia per “Un uomo e una donna in vela”
  2. AQUABIKE, IL CAMPIONE DEL MONDO DI FREESTYLE ROBERTO MARIANI REGALA SPETTACOLO A MONTE DI PROCIDA
  3. La Flotta sarda J24 inaugura lo spettacolo della vela nel Golfo di Alghero
  4. 50° anniversario YCCS: un settembre indimenticabile
  5. Volvo Ocean Race: da Alicante a Goteborg, una regata indimenticabile

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=78740

Scritto da Redazione su set 16 2020. Archiviato come Altro, Italia, News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab