Home » Eventi, Internazionale, News, Regate, Sport » PRADA America’s Cup World Series: Race Report Day 2

PRADA America’s Cup World Series: Race Report Day 2

Auckland (NZ)– Secondo giorno di regate ad Auckland per la PRADA America’s Cup World Series. Anche oggi il “campo C” è stato il teatro dell’azione, questa volta con condizioni di vento completamente differenti rispetto a ieri. Una brezza da nord est di 13-16 nodi di intensità ha caratterizzato tutto il pomeriggio.

Il “campo C” non è certamente il più facile su cui regatare, soprattutto con venti da Nord che sono fortemente influenzati dall’isolotto di Rangitoto che, con la sua altezza di 260 metri, contribuisce a rendere il vento instabile sia in intensità che direzione.
Luna Rossa è scesa in campo nella prima e terza regata del giorno, affrontando in entrambi i match gli americani di American Magic, che fino a ieri guidavano la classifica imbattuti.

Due regate molto intense ed equilibrate, con la prima prova vinta da Luna Rossa con un vantaggio di 12 secondi e la seconda da American Magic che ha tagliato il traguardo 30 secondi prima.
Con le prime due regate del giorno si è chiuso il primo round robin, mentre i successivi match hanno dato inizio al secondo girone che si chiuderà domani (sabato) con le ultime quattro regate e definirà la classifica finale della PRADA America’s Cup World Series.
La classifica del giorno vede ancora in testa American Magic raggiunta a pari punti da Emirates Team New Zealand. Luna Rossa Prada Pirelli con due vittorie e due sconfitte è terza.

RACE 5 – Luna Rossa Prada Pirelli vs America Magic
Luna Rossa entra nell’”entry box” mura a dritta in anticipo, prendendo immediatamente una penalità che riesce a bruciare grazie a una ottima partenza in velocità sulla sinistra del campo. Nella prima bolina, una brutta manovra in virata tiene fermi gli americani per qualche secondo. Questo consente a Luna Rossa di aumentare il vantaggio di quasi 500 metri. Nel corso della regata gli americani riescono a recuperare e rimettersi in corsa, dimostrando un ottimo ritmo soprattutto nei lati di poppa e costringendo Luna Rossa ad una serie di manovre per difendere la posizione. Luna Rossa mantiene comunque la posizione di vantaggio per tutti e tre i giri, tagliando la linea di arrivo 12 secondi prima degli avversari.

RACE 7 – American Magic vs Luna Rossa Prada Pirelli
Quella, svolta nella seconda parte del pomeriggio, è una regata con percorso lungo, con 4 giri da completare. L’ingresso per Luna Rossa è dalla parte sinistra del campo. Anche questa volta un’entrata anticipata nella entry box costringe Luna Rossa a una penalità. Il team riesce ad infliggerne una agli Americani , riportando la situazione in pari, ma un ulteriore penalità viene assegnata in una manovra, poco prima della partenza.

Luna Rossa parte con qualche secondo di ritardo e nel corso della regata cerca di recuperare. Il vantaggio degli americani si mantiene sempre intorno ai 15 secondi per ogni gate, con recuperi importanti nei lati di bolina da parte di Luna Rossa e di nuovo guadagni degli americani sui lati di poppa, fino al traguardo in cui gli americani vincono con 30 secondi di vantaggio.

Vasco Vascotto, afterguard
“Siamo abbastanza soddisfatti di come è andata la giornata, anche se ci sono ancora dei miglioramenti importanti da fare. Abbiamo “sporcato” la nostra prestazione con qualche errore di troppo. Malgrado le partenze complicate, abbiamo navigato con consapevolezza e personalità, rispettando le strategie che avevamo preso in considerazione questa mattina. Sapevamo che sarebbero state delle condizioni difficili, con corrente più forte sulla destra, più pressione sul lato sinistro del campo, almeno nella parte iniziale. Siamo comunque riusciti a gestire e sfruttare bene tutte queste informazioni. E devo dire che siamo anche molto sosddisfatti delle performance della barca.”

Pierluigi de Felice, trimmer/grinder
“In entrambe le partenze abbiamo avuto qualche problema con il sistema di countdown e ci sono state inflitte le penalità per ingresso anticipato nella entry box. Nella seconda regata, dope aver dato una penalità agli americani, ne abbiamo ricevuta una seconda. Questo ci ha costretto a partire in ritardo, cercando di attaccare per tutta la regata. Siamo rimasti molto vicini per tutti i quattro giri del percorso. Abbiamo provato in più occasioni a superare gli americani, prendendo anche dei rischi, che però non hanno pagato. Siamo comunque molto contenti di come è andata la giornata. Abbiamo avuto degli ottimi spunti di velocità e dei grossi miglioramenti rispetto a ieri.”

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=81211

Scritto da su Dic 18 2020. Archiviato come Eventi, Internazionale, News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab