Home » Internazionale, News, Regate, Sport » PRADA Christmas Race: Race Report Day 4

PRADA Christmas Race: Race Report Day 4

Auckland (NZ)– Nulla di fatto nella quarta ed ultima giornata di regate del 2020. La PRADA Christmas Race, che rappresentava l’ultima occasione per il defender di regatare contro gli sfidanti prima delle regate di America’s Cup del prossimo 6-21 marzo, si chiude con una sola regata, partita ed annullata, a causa di un calo di vento.

Le previsioni di oggi riportavano vento debole da Nord Est che non è riuscito ad entrare in maniera decisa sul campo di regata – il campo Alfa davanti a Takapuna. Il comitato è riuscito a far partire la prima regata in programma, tra Emirates Team New Zealand e Ineos Team UK. Al primo lato di bolina il vento ha iniziato a diminuire e il comitato di regata ha annunciato una riduzione di percorso al primo gate di poppa, ma allo scadere del tempo limite nessuno dei due team è riuscito ad attraversare la linea di arrivo, motivo per cui la regata è stata annullata.
Questo lungo week end di regata si chiude comunque in maniera positiva per il team. È stato un banco di prova molto atteso, visto che le regate di Cagliari e Portsmouth erano state cancellate e questo evento era il primo vero confronto tra tutti e quattro i team.

Max Sirena, Skipper e Team Director
“Sono stati anni impegnativi. Per tre anni abbiamo lavorato praticamente al buio, senza confronti. Questa è stata una grande opportunità, prima delle regate ufficiali della PRADA Cup a gennaio. Abbiamo imparato tanto ed ovviamente siamo dispiaciuti perché potevamo vincere delle regate che abbiamo perso. Ma dobbiamo fare tesoro di questa esperienza.
Da questa sera inizieremo a fare una serie di brief per capire dove e come dobbiamo migliorare. Dobbiamo capire quali sono i punti di forza e arrivare il più preparati possibile alla PRADA Cup che è la regata che conta alla fine dei giochi. Il team ha lavorato alla grande, devo ringraziare lo shore team che è un mese che lavora giorno e notte, e ovviamente l’equipaggio. Abbiamo visto in tre giorni quanto siamo migliorati nella conduzione della barca sia in prepartenza che da un punto di vista tattico.”

Short URL: https://www.ilnautilus.it/?p=81255

Scritto da su Dic 20 2020. Archiviato come Internazionale, News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab