Home » Italia, News, Regate, Sport » Roma per 2, iscrizioni in crescita. E’ partito l’effetto Luna Rossa?

Roma per 2, iscrizioni in crescita. E’ partito l’effetto Luna Rossa?

Dopo la grande sbornia di America’s Cup e il grande tifo per Luna Rossa, in tanti non vedono l’ora di scendere in acqua e regatare. Sicuramente è l’effetto “Luna Rossa” che ha portato nuovo entusiasmo in tutto il movimento della vela italiana

Riva di Traiano – E’ la voglia di ricominciare quella che prevale. E così salgono le iscrizioni alla “Roma” (gli iscritti totali sono ad oggi 36) spinte dalla voglia di normalità, dal desiderio di riprendersi quel confuso pezzo di vita che, ne siamo sicuri, ci appartiene. E, perché no, anche dall’effetto Luna Rossa, esempio positivo che farà sicuramente bene a tutto il movimento della vela italiana. “Non c’è una sottovalutazione del rischio – sottolinea il presidente del CNRT Alessandro Farassino – e nemmeno mancanza d’empatia. C’è invece un rinnovato entusiasmo. La realtà è che con questo virus abbiamo imparato a convivere e siamo tutti consapevoli che non possiamo sospendere le nostre vite in un’attesa senza fine.

E rispettando tutte le norme di sicurezza ed evitando tutti gli assembramenti, siamo sicuri che i rischi siano minimi, assolutamente assimilabili a quelli che corriamo tutti i giorni nella nostra quotidianità. D’altronde tutti possono partire con un tampone negativo fatto 24 ore prima della partenza, perché il venerdì, giorno del briefing, è previsto in porto un gazebo per effettuare un tampone rapido con risposta in poche ore. Come da normativa non possiamo obbligare nessuno a farlo, ma siamo certi che i comandanti di tutti gli equipaggi sapranno far sì che la propria barca parta in assoluta sicurezza”.


Giuliano Perego, socio proboviro del CNRT e storico partecipante alla “Roma” vinta in ORC nel 2019 con la sua imbarcazione, il Sydney 39 Sir Biss, conferma questa tesi:” Ho richiesto un tampone negativo a tutto il mio equipaggio, senza il quale nessuno potrà salire in barca. La sicurezza viene prima di tutto e, quest’anno, va ripensata con i nuovi standard che il Covid ci impone”.


Storico sostenitore di Emergency, Giuliano Perego supporta ogni anno l’installazione di un gazebo per una raccolta fondi ma quest’anno questa iniziativa non potrà svolgersi. “E’ proprio per evitare ogni possibile assembramento che rinunciamo a questo piccolo evento – commenta Giuliano Perego – ma la solidarietà potrà comunque estrinsecarsi acquistando una bandiera di Emergency da far garrire a poppa”.
Ritornando alle notizie più prettamente sportive, c’è da segnalare l’iscrizione del detentore del titolo in doppio, il Comet 45S “Libertine” con Marco Paolucci affiancato da Lorenzo Zichichi.

Tra i “per 2” ci sono altre importanti new entry, a cominciare da “Aigylion”, GS 34 Performance con a bordo Fabio D’Ubaldo ed Emmanuel Eric Lhuilier, ad “Alquimia”, Sun Fast 3300 di Isidoro Santececca, a “Catty Sark”, Azuree 40 che vede Pierpaolo Ballerini in coppia con l’armatore Francesco Bonfantino. C’è anche da segnalare che Alberto Bona sale a bordo dello Swan 42 “Scheggia” di Nino Merola, che potenzia così il suo equipaggio.


Cresce anche la partecipazione alla “Riva”, spinoff pensato per chi non ha tutta una settimana a disposizione. Sono 218 miglia verso Ventotene e ritorno, ovvero una regata d’altura vera, con un percorso superiore a quasi tutte le altre regata che si corrono per il Campionato Italiano Offshore. Un bel passaggio intermedio ma anche molto impegnativo per chi vuole superare le regate semi costiere intorno alle 100 miglia e prepararsi a prove più impegnative che prevedono la permanenza di più notti in mare.

Ma anche qui la competizione è comunque dura, basti pensare che al comando del J99 “Palinuro” c’è Gianluca Lamaro che, oltre a una Medaglia d’Argento del CONI al merito sportivo, vanta anche un bronzo al Mondiale Soling. Ad insidiarlo ci sono il GS 34 Race “Podracer” di Giovanni Manni, il First 45F5 “Vahiné” di Alessandro Forci, l’Elan E5 “Nimbus 2000” di Daniele Spiridigliozzi, il GS 39 “Machica” di Francesco Ronchini, il Bavaria 36 “Gastone” di Sandro Spallotta oltre a due imbarcazioni del CRV Anemos, l’Oceanis 430 “Amapola” e il First 40.7 “Anemos”.

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=82235

Scritto da su Mar 19 2021. Archiviato come Italia, News, Regate, Sport. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone

© 2021 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab