Home » Trasporti » Aeroporti pugliesi crescono

Aeroporti pugliesi crescono

Gli aeroporti pugliesi si confermano scali sia d’interesse nazionale che internazionale. I risultati del primo bimestre 2011 dovrebbero far riflettere chi di dovere è chiamato a ricredersi sull’importanza di una regione, come la Puglia: “piattaforma logistica” di una Europa in mobilità sia di merci che di persone; ci riferiamo al Ministero dei Trasporti che guarda questi successi nei dati di traffico con una certa prudenza, ed a volte con una incredulità padana. Brindisi +33,9%; Bari +7% ed in recupero Foggia; questi i dati comunicati da Aeroporti di Puglia. ”L’Aeroporto del Salento di Brindisi è, ancora una volta, lo scalo che ha fatto registrare il maggior incremento percentuale”; questo si evince dal comunicato stampa di Aeroporti di Puglia. Una osservazione, però occorre farla: Brindisi chi sa perché deve ancora dimostrare qualcosa a qualcuno e non sappiamo bene cosa; mentre Bari al di là dei dati va sempre bene. Leggendo i dati relativi a questi primi mesi, e comparandoli con quelli dei flussi ed aerovie italiani, si comprende che poi a Bari le cose non sono andate molto bene; diciamo che sta reggendo. Infatti, il numero dei collegamenti aerei, nazionali ed internazionali, da e per il “Karol Wojtyla” sono nettamente superiori a quelli dell’”Aeroporto del Salento”; in più la Ryanair ha avviato il suo quartiere generale in Bari. E tutto questo non rende giustificazione dei dati ottenuti nel primo bimestre del 2011. Mentre,  si osserva che Brindisi si sta avviando con successo ad essere un vero e proprio “hub” per tutta la mobilità del Salento e non solo. Per Foggia si dovrebbe puntare a più obiettivi, soprattutto a carattere internazionale per garantire una più ampia mobilità religiosa e non solo. Potrebbe aspirare ad una attenzione maggiore come aeroporto al servizio di più regioni, infrastrutture tecniche permettendo.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. NAVE INCAGLIATA A DUE MIGLIA DALLE COSTE PUGLIESI

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=249

Scritto da Abele Carruezzo su mar 4 2011. Archiviato come Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab