peyrani
Home » Italia, Legislazione, News, Trasporti » Quando i “montanari” si avvicinano al mare

Quando i “montanari” si avvicinano al mare

La scorsa settimana, la Commissione Difesa della Camera ha iniziato ad esaminare, con discussione accesa, due disegni di legge sulla rottamazione di incrociatori, fregate, motovedette e cacciatorpediniere della Marina Militare in disarmo. La notizia potrebbe essere di routine se la Commissione non si fosse incagliata su questi “relitti”. In ordine: i due disegni sono stati presentati dal leghista Giacomo Chiappori e dall’idvuista Augusto Di Stanislao; questi onorevoli  propongono che il naviglio militare non venga rottamato per il recupero del ferro, come oggi avviene, ma inabissato per ”ripopolamento ittico”, delizia per i pescatori sportivi e divenendo di fatto  il sito un’attrattiva turistica, delizia per appassionati di immersioni e di fotografia subacquea. Che cosa c’è di strano? Prima di tutto, il naviglio dovrà essere bonificato per poi collocarlo sui fondali; secondo i siti degli affondamenti dovranno essere decisi dai ministri dell’Ambiente e della Difesa, sentiti gli enti locali; una “conferenza dei servizi” non facile  a cui invitare anche i privati che desiderano intraprendere impresa turistica e subacquea. La commissione di fronte a questo “scoglio” ha deciso di sentire gli “esperti”. Il primo è stato Luigi Alcaro, responsabile del servizio emergenze ambientali dell’Ispra (Istituto Superiore per la Tutela e Ricerca Ambientale): “non basterebbe – ha spiegato in Commissione – eliminare i residui petroliferi – ma sarebbe necessario asportare dai metalli tutte le vernici, quasi sempre ad elevato rischio tossico, soprattutto quelle impiegate in campo militare”. Il secondo che ha sentito la Commissione è stato Silvestro Greco,  dirigente del ministero dell’Ambiente  ed esperto in biologia marina: “ è una misura inutile, se non dannosa  – ha dichiarato -  perché  in Italia i siti naturali da immersione non valorizzati sono migliaia e non si comprende la necessità di aggiungerne altri artificiali”. Ricordiamo a noi stessi, come esempio, che vicino alle coste della Florida per affondare una portaerei americana , a – 70 metri, per scopi turistici, nel 2006 costò 15 milioni di dollari. Per gli appassionati sub, dall’archivio storico della Marina Militare risultano, lungo le coste italiane, 1500 unità affondate durante la seconda guerra mondiale; però i siti non sono facilmente accessibili per l’elevata profondità della maggior parte di essi. Per cui si consiglia di visitare i molti siti naturali delle tante riserve marine.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Scegliere i mestieri del mare
  2. Porto di Ancona: parte il progetto della passeggiata “da mare a mare”

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=280

Scritto da Abele Carruezzo su mar 9 2011. Archiviato come Italia, Legislazione, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°3

BRINDISI - In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alle crociere, a livello nazionale ed internazionale, con i nuovi dati di Risposte Turismo: dalla classifica dei porti italiani in base al numero di croceristi alle previsioni per il 2018 con i programmi dei porti già fissati con le grandi compagnie. Poi un focus di Stefano Carbonara sul cyber crimine applicato al mondo dello shopping con lo contromosse necessarie. Da Assologistica arrivano anche le indicazioni per il mondo dei porti e non solo, con tendenze e lacune da colmare. Ad Ancona, Napoli, Trieste, Venezia, Brindisi e Livorno sono dedicati tanti servizi sulle ultime notizie che giungono da questi scali dopo la riforma dei porti..
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab