peyrani
Home » Italia, Legislazione, News, Trasporti » A Ravenna la Offshore Mediterranean Conference&Exhibition

A Ravenna la Offshore Mediterranean Conference&Exhibition

La settimana scorsa, per tre giorni l’Italia è stata la capitale del petrolio grazie alla conferenza internazionale  “Offshore Mediterranean Conference & Exhibition”. L’evento biennale dedicato agli operatori dell’upstream, è stato ospitato dalla città di Ravenna, dal 23 al 25 marzo, alla presenza del sottosegretario allo Sviluppo Economico, Stefano Saglia. Nell’aprire i lavori, l’onorevole Saglia ha sottolineato che i recenti fatti internazionali invitano ad una rivalutazione del ruolo delle produzioni nazionali di olio e gas, cercando di riformulare regole uniformi per tutto il bacino del Mediterraneo, al fine di garantire sicurezza nelle attività di offshore. Il vice ministro ha ribadito: “l’Italia può avere un ruolo determinante per la sua consolidata esperienza in questo settore. Inoltre, per la nostra favorevole posizione geografica, potremmo aspirare a diventare un hub nei collegamenti energetici con la sponda sud del Mediterraneo, con la Turchia e l’area del Caspio”.
L’Offshore Mediterranean Conference & Exhibition è stata una  occasione privilegiata per gli operatori del settore per confrontarsi sui cambiamenti in corso nell’industria petrolifera; esaminare e valutare il mutato e drammatico scenario economico; confrontarsi sulla  variabilità delle quotazioni del greggio, sui disordini in Nord Africa e sulle misure restrittive adottate dopo l’incidente del pozzo Macondo nel Golfo del Messico. Una riflessione che vuole raggiungere normative condivise a livello internazionale che prevengano nuovi disastri ambientali legati ad attività esplorative offshore. I principi chiave individuati sono quelli della fedele aderenza a procedure standard (che è venuta a mancare nel caso dell’incidente al pozzo Macondo), della formazione del personale, delle nuove tecnologie in grado di prevenire e contenere eventuali sversamenti di petrolio in mare. Fino a pochi giorni fa si parlava di “rinascita” nucleare mentre oggi, dopo l’incidente di Fukushima, l’attenzione di tutti i Paesi del mondo si è di nuovo spostata sull’oil&gas. La presenza di quasi 100 professionisti del settore è stato fondamentale per mettere a punto una serie di linee guida, in via di pubblicazione nelle prossime 4-6 settimane, su procedure operative, sull’ingegneria dei pozzi, sistemi di contenimento delle perdite, prevenzione delle fuoriuscite sottomarine, autocombustione. L’Offshore Mediterranean Conference quest’anno ha incrementato l’area espositiva (18.000 mq) e le aziende espositrici, che sono state 462 provenienti da 25 Paesi. All’evento hanno  partecipato 12 delegazioni ufficiali, provenienti da Algeria, Angola, Australia, Azerbaijan, Cina, Egitto, Kazakistan, Mali, Norvegia, Qatar, Turchia, Turkmenistan e oltre 450 espositori da 25 paesi. Naturalmente sono state presenti le principali compagnie petrolifere (Edison, Egyptian Petroleum Corporation, Eni, Qatar Petroleum, Shell, Sonatrach e Total) e di servizi riguardo all’approvvigionamento e distribuzione dei prodotti energetici.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Il Mediterraneo è già in casa
  2. Convegno Porti e ambiente: a Brindisi si parla di riforma della 84/94

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=460

Scritto da Abele Carruezzo su mar 29 2011. Archiviato come Italia, Legislazione, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°3

BRINDISI - In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alle crociere, a livello nazionale ed internazionale, con i nuovi dati di Risposte Turismo: dalla classifica dei porti italiani in base al numero di croceristi alle previsioni per il 2018 con i programmi dei porti già fissati con le grandi compagnie. Poi un focus di Stefano Carbonara sul cyber crimine applicato al mondo dello shopping con lo contromosse necessarie. Da Assologistica arrivano anche le indicazioni per il mondo dei porti e non solo, con tendenze e lacune da colmare. Ad Ancona, Napoli, Trieste, Venezia, Brindisi e Livorno sono dedicati tanti servizi sulle ultime notizie che giungono da questi scali dopo la riforma dei porti..
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab