Home » Europa, News, Trasporti » Porto di Barcellona: investimenti per lo scalo spagnolo

Porto di Barcellona: investimenti per lo scalo spagnolo

La crisi non frena l’ampliamento del porto di Barcellona. Lo ha confermato il neo presidente dell’Autorithy dello scalo catalano Sixte Cambra, in visita a Genova. “Entro il 2015 gli investimenti pubblici e privati destinati al piano strategico ammonteranno nel complesso a 4 miliardi di euro” ha spiegato Cambra. L’autorità portuale di Barcellona, tramite risorse proprie e prestiti Bei, ha investito negli ultimi 10 anni 1,5 miliardi di euro ai quali si aggiungono 500 milioni nel biennio 2014-2015. Analogo l’impegno sostenuto dai privati. L’indebitamento è pari a 490 milioni di euro a fronte di un cash flow di 90 milioni. Il piano ha permesso l’ampliamento dello scalo verso sud, attraverso la deviazione del rio Llobregat. Parte degli investimenti riguarda le infrastrutture ferroviarie: “Il traffico ferroviario – ha precisato – pari al 5% del traffico complessivo nel 2009, raddoppierà nel 2011″. I risultati del porto nei primi tre mesi del 2011 confermano la ripresa: “Sono positivi per tutti i comparti, dalle merci containerizzate che hanno segnato un +22% nell’export, a quelle sfuse, dalle automobili ai passeggeri” ha affermato Cambra.

Salvatore Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Mediterraneo e rotte
  2. Porto di Bari: l’Authority punta su opere strategiche
  3. Porto di Bari: il nuovo Terminal crociere presentato a Miami
  4. Porto di Genova: pronto il Piano della logistica
  5. Porto di San Salvo: ricapitalizzazione per lo sviluppo turistico

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=568

Scritto da Salvatore Carruezzo su apr 15 2011. Archiviato come Europa, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab