peyrani
Home » Europa, News, Trasporti » Porto di Barcellona: investimenti per lo scalo spagnolo

Porto di Barcellona: investimenti per lo scalo spagnolo

La crisi non frena l’ampliamento del porto di Barcellona. Lo ha confermato il neo presidente dell’Autorithy dello scalo catalano Sixte Cambra, in visita a Genova. “Entro il 2015 gli investimenti pubblici e privati destinati al piano strategico ammonteranno nel complesso a 4 miliardi di euro” ha spiegato Cambra. L’autorità portuale di Barcellona, tramite risorse proprie e prestiti Bei, ha investito negli ultimi 10 anni 1,5 miliardi di euro ai quali si aggiungono 500 milioni nel biennio 2014-2015. Analogo l’impegno sostenuto dai privati. L’indebitamento è pari a 490 milioni di euro a fronte di un cash flow di 90 milioni. Il piano ha permesso l’ampliamento dello scalo verso sud, attraverso la deviazione del rio Llobregat. Parte degli investimenti riguarda le infrastrutture ferroviarie: “Il traffico ferroviario – ha precisato – pari al 5% del traffico complessivo nel 2009, raddoppierà nel 2011″. I risultati del porto nei primi tre mesi del 2011 confermano la ripresa: “Sono positivi per tutti i comparti, dalle merci containerizzate che hanno segnato un +22% nell’export, a quelle sfuse, dalle automobili ai passeggeri” ha affermato Cambra.

Salvatore Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Mediterraneo e rotte
  2. Porto di Bari: l’Authority punta su opere strategiche
  3. Porto di Bari: il nuovo Terminal crociere presentato a Miami
  4. Porto di Genova: pronto il Piano della logistica
  5. Porto di San Salvo: ricapitalizzazione per lo sviluppo turistico

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=568

Scritto da Salvatore Carruezzo su apr 15 2011. Archiviato come Europa, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°1

BRINDISI - In questo numero lo speciale è destinato alle crociere con i dati di Rsiposte Turismo e le previsioni per il 2017 di un settore ormai fondamentale per l’economia del Paese. Ma anche le importanti novità sulla safety portuale e sui regolamenti dell’Unione Europea sui servizi portali e la trasparenza finanziaria dei porti. Poi i porti di Napoli. Ancona, Trieste, Piombino e Olbia con gli investimenti e le nuove infrastrutture previste nei diversi scali italiani.
www.brindisi-corfu.it telebrindisi.tv poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab