Home » Infrastrutture, Trasporti » Attività / Logiche portuali

Attività / Logiche portuali

Da sempre il caricare e/o scaricare una nave è stato il nocciolo del lavoro portuale. Alla fine della Seconda Guerra Mondiale si è raggiunta la consolidazione del carico in pezzi o unità che i lavoratori portuali riuscivano a manipolare; l’unità di manipolazione era l’uomo-carico (man-load) che spostava sia in stiva che fuori stiva dai 30Kg agli 80 Kg. Alla fine degli anni ’50 si passa all’unità-carico (unit load) e si affaccia anche la tipicizzazione delle navi (contaneir, ro-ro, cisterne, gasiere e chimichiere), con la specializzazione delle attrezzature presenti nei terminal portuali (gru di banchina, carrelli a forca, carrelli di movimentazione, gru su gomma, ecc.). Tutto questo, pur inducendo una certa crescita nella produttività del lavoro portuale, portava ad una diminuzione dei tempi di rotazione delle navi, riducendo il numero dei lavoratori portuali impegnati nel carico/scarico delle navi. Le compagnie di navigazione hanno dovuto, nel tempo e fino ad oggi, far fronte  agli aumenti dei costi, connessi al tempo di produttività dei terminal in termini di produttività di banchina. Dal punto di vista porto/portuale,  rapide operazioni di banchina influenzano i tempi di sosta di una nave, permettendo un aumento di numero di viaggi, riducendo i costi fissi per ogni nave operata. Non tutti i porti, però sono attivi h24 x 7 giorni; ed è per questo che le compagnie di navigazione (non tutte) sono disposte a sopportare costi più del terminal o di banchina durante i weekend e nella notte se questi costi addizionali possono essere compensati da risparmi in termini di tempo di sosta della nave. Altre compagnie sono interessate ai risparmi legati al costo del lavoro; cioè prediligono l’utilizzo di più gru  e forza lavoro extra a condizione che la nave rispetti i tempi di navigazione. E comunque, i vantaggi di avere una alta produttività  di un porto per le operazioni di carico/scarico delle merci possono essere vanificati dai costi di altre attività connesse alla nave se risultassero non efficienti (rimorchio, pilotaggio, ormeggio).

Abele Carruezzo


© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Governo Italiano naviga nelle acque agitate di Assologistica
  2. Le logiche portuali
  3. Valore sociale di un porto: tre tonnellate di container equivalgono a dieci tonnellate di carbone
  4. Porti–facility pro sviluppo
  5. Porto di Bari: il nuovo Terminal crociere presentato a Miami

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=788

Scritto da Abele Carruezzo su mag 7 2011. Archiviato come Infrastrutture, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab