peyrani
Home » Infrastrutture, Italia, News, Trasporti » Assoporti: secondo Nerli serve impegno sulla logisitica

Assoporti: secondo Nerli serve impegno sulla logisitica

Quello italiano è il secondo sistema portuale dell’Europa per merci, addirittura il primo per quando riguarda invece i passeggeri. Eppure sta uscendo dalla crisi più lentamente degli altri. È l’analisi del presidente di Assoporti (Associazione dei porti italiani) Francesco Nerli, presente in questi giorni a Monaco di Baviera per il Transport Logistic, l’appuntamento internazionale per il settore della logistica. Il motivo di questa lentezza, secondo Nerli, sta nella mancanza di “un’efficiente rete logistica infrastrutturale, specie per le connessioni di ultimo miglio e per la mancanza di una proiezione – attraverso strade, ferrovie, valichi – dei porti settentrionali verso il cuore dell’Europa continentale”. Ecco perchè la revisione delle reti Ten-T, avviata dall’Unione Europea, e il nuovo Piano della Logistica del governo devono puntare, secondo Nerli, a realizzare efficaci connessioni stradali e ferroviarie tra i porti e i corridoi, per fare gli archi portuali del Nord Adriatico e della Liguria una alternativa vera agli scali del Nord Europa. “Tutto ciò – conclude Nerli – presuppone investimenti da parte dei governi nazionali e una piena ed effettiva autonomia finanziaria delle Autorità portuali”.

Salvatore Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Pesca sportiva: serve una dichiarazione in Capitaneria
  2. A Bari airBaltic apre la rotta per Riga
  3. Meo: “Bene lo Snim 2011 ma serve maggior impegno”
  4. Associazione del Nord Adriatico: è Monassi il nuovo presidente
  5. Mediterraneo e rotte

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=898

Scritto da Salvatore Carruezzo su mag 13 2011. Archiviato come Infrastrutture, Italia, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°1

BRINDISI - In questo numero lo speciale è destinato alle crociere con i dati di Rsiposte Turismo e le previsioni per il 2017 di un settore ormai fondamentale per l’economia del Paese. Ma anche le importanti novità sulla safety portuale e sui regolamenti dell’Unione Europea sui servizi portali e la trasparenza finanziaria dei porti. Poi i porti di Napoli. Ancona, Trieste, Piombino e Olbia con gli investimenti e le nuove infrastrutture previste nei diversi scali italiani.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab