peyrani
Home » Infrastrutture, Internazionale, News, Trasporti » Port of Hull: the new agreement

Port of Hull: the new agreement

A nord del River Humber, il Porto di Hull è una delle porte d’ingresso delle merci estere per il Regno Unito; opera principalmente sulle short-sea services per l’Europa, Scandinavia e gli Stati Baltici, beneficiando anche di collegamenti oceanici. La movimentazione merceologica interessa principalmente prodotti forestali, acciai e merci varie; i passeggeri segnano transiti per circa un milione/anno. La sua caratteristica di essere un porto sul fiume Number, presenta delle facility turistiche e traghetti super-cruise della P&O Ferries che collegano il Porto di Hull con quello di Rotterdam. L’Authority del Porto di Hull, facente parte dell’Associated British Ports (ABP), ha firmato, la scorsa settimana,  un nuovo accordo per dieci anni, con la casa di spedizioni svedese ed il terminalista britannico Ahlmark Shipping (UK) Ltd. Il nuovo accordo vedrà  l’operatore Ahlmark manipolare per la spedizione oltre 200.000 tonnellate/anno di prodotti forestali, acciaio, e carichi uniticizzati, attraverso il porto. Come parte del nuovo accordo, ABP investirà quasi 700.000 £ in opere portuali migliorative e funzionali al terminal di spedizioni Ahlmark,  situato a King George Dock. Matt Jukes, ABP Port Direttore Hull & Goole, ha dichiarato: “Ahlmark Shipping è stato un cliente molto prezioso di SOA a Hull per molti anni e sono molto lieto che hanno scelto di rinnovare il loro accordo con noi. Sono molto impaziente di lavorare con loro al fine di sviluppare ulteriormente il proprio business attraverso il  porto. Abbiamo sempre avuto un ottimo rapporto con il team Ahlmark e sono estremamente lieto che questo continuerà per molti anni nel futuro”. Håkan Thorell, Managing Director di Ahlmark spedizioni, ha dichiarato: “Ahlmark Shipping è la più antica società di trasporto marittimo di linea della Svezia. Oggi, come in passato, puntiamo a creare rapporti di affari per un  lungo termine con i nostri partner, che costituisce la base per raggiungere i nostri obiettivi. Il nostro rapporto con ABP ha da diversi anni alla base questi presupposti. Le nostre operazioni a Hull e il nostro buon rapporto di affari con SOA costituisce uno dei fondamenti della nostra attività”.

Corrispondente da Londra
Em. Carr.

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Quando un porto agevola le “modalità”: il caso Southampton
  2. From Port of Dover
  3. Tamigi e Gateway London Port
  4. Charting the tidal Thames: SIS map at Port of London
  5. Port of Southampton: crescono gli ormeggi

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=954

Scritto da Emanuela Carruezzo su mag 17 2011. Archiviato come Infrastrutture, Internazionale, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab