peyrani
Home » Infrastrutture, News, Trasporti » Lo sviluppo di un porto inizia dal porto

Lo sviluppo di un porto inizia dal porto

Come gateway, i porti marittimi sono sempre stati sensibili ai cambiamenti di tendenze socio-economiche. Nella prima parte dell’età moderna, e oltre, i porti europei e le città-porto sono stati spesso al centro della scena politica marittima, (in grande considerazione) sia in termini commerciali e sociali. La globalizzazione, gradualmente, ha trasformato la funzione di porto stesso. Da posizione centrale-fulcro, il porto si è evoluto in un concetto, più significativo, di elemento di valore-aggiunto di un sistema della catena logistica. I container hanno poi intensificato la competitività fra i porti che è diventata ampiamente dipendente da fattori esterni al porto stesso in quanto tale. Questi cambiamenti sono stati, a loro volta, influenzati dai comportamenti degli operatori di mercato, come  nel potere di contrattazione domanda/offerta, generando processi  di integrazione orizzontale e verticale della supply chain. D’altra parte, la società post-moderna non  può più concedere un sostegno automatico allo sviluppo portuale e non garantisce più  le strategie che i porti possono dare al commercio e al benessere del territorio marittimo interessato. Le esigenze di espansione portuale di una regione marittima  sono influenzate da preoccupazioni ecologiche, e da atteggiamenti sociali che generano pressioni individualiste dello sviluppo urbano, NIMBY (Not In My Back Yard). Queste pressioni  sociali si intrecciano con le tendenze del mercato e in molti casi hanno degenerato in manifestazioni di intolleranza  anche in Europa. Queste tendenze hanno creato un ambiente incerto e complesso nella governance dei porti che stanno cambiando fondamentalmente il concetto di porto. Nel contempo, anche il concetto di “autorità portuale” sta subendo dei cambiamenti. Nelle direttive per l’accesso al mercato dei servizi portuali, la Commissione europea definisce una port authority come l’entità che esclusivamente opera per soddisfare gli obiettivi nazionali, gestendo nei migliori dei modi le infrastrutture, e ne controlla le attività di differenti operatori presenti nel porto stesso. Il termine “port authority” implica uno specifico atto pubblico, una forma di governo portuale, ma non un generico termine nella gestione di demanio marittimo e della salvaguardia delle acque, rispetto alle navi che vi transitano. Molte definizioni del termine detto si sono date in quest’ultimo periodo; il filone più di moda è quello che vede l’authority come attore di un marketing territoriale e portuale per attrarre più operatori di terminal e di logistica, oltre alle navi. Poi ci domanda: quale interesse dovrebbe avere per il territorio un terminalista che non risponde alle istituzioni di quella regione? Oppure pensiamo che solo la presenza temporanea di una nave in porto genera sviluppo?

 

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Porto di Ravenna: un accordo avvicina al Mar Baltico
  2. Il porto visto da terra
  3. Un porto genera lavoro?
  4. Porti–facility pro sviluppo
  5. Porto di San Salvo: ricapitalizzazione per lo sviluppo turistico

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=1008

Scritto da Abele Carruezzo su mag 20 2011. Archiviato come Infrastrutture, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab