peyrani
Home » Infrastrutture, News, Trasporti » Lo sviluppo di un porto è sviluppo della città

Lo sviluppo di un porto è sviluppo della città

Se lo sviluppo di un territorio deve iniziare dal porto, allora bisogna avere il coraggio di affermare che un “porto” urbano/mercantile/industriale/turistico deve essere uno degli elementi di supporto alla modernizzazione di una città. Biunivocamente, una città deve essere in grado di poter ospitare nuove attività e nuove imprese; deve mettere a disposizione le proprie infrastrutture di trasporto; deve avere il coraggio di evitare di essere città di “servizio” di altre province, specie nel campo del trasporto marittimo ed aereo. E per questo occorre individuare spazi per la residenza, per il commercio e per i servizi; spazi strategici sia della città, del porto e dell’aeroporto; decidere quale tipologia di città rincorrere, perché da questo dipenderà il piano strategico dell’intero territorio. In sostanza, si tratta di riscoprire una città come “città marinara” per essere al centro di una cultura mediterranea, come lo sono molte delle nostre città. Questo consentirà di essere, un domani, come lo è stato in passato, città con un ruolo decisivo per la formazione di una rete potente di comunicazioni commerciali. L’importante è non concorrere all’obsolescenza dei recinti portuali che per molte delle nostre città sono divenuti parchi desertificati e che la cultura li dovrebbe prendere in consegna. Tutti concorrono sostanzialmente allo sviluppo sia del porto che dell’intero territorio; farsi carico di una posizione geopolitica/economica che un porto occupa insieme alla sua città dentro un bacino marittimo, per creare opportunità di crescita e di internazionalizzazione dell’economia locale; raccordarsi alle istituzioni chiarendo le peculiarità di un territorio rispetto ad un altro per produrre la migliore pianificazione territoriale concertata a tutti i livelli decisionali e di partecipazione.

 

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Lo sviluppo di un porto inizia dal porto
  2. Brindisi-Corfù: porto interno interdetto e controlli extra della Capitaneria
  3. Porti–facility pro sviluppo
  4. Porto di Brindisi: parte lo studio del Piano della costa
  5. Porto di San Salvo: ricapitalizzazione per lo sviluppo turistico

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=1024

Scritto da Abele Carruezzo su mag 21 2011. Archiviato come Infrastrutture, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab