Home » Infrastrutture, News, Trasporti » Convention Propeller Club: istituzioni e tecnici discutono di infrastrutture portuali

Convention Propeller Club: istituzioni e tecnici discutono di infrastrutture portuali

Si è conclusa con l’intervento dell’ammiraglio Felicio Angrisano, direttore marittimo della Liguria, la prima sessione della dodicesima convention nazionale del Propeller Club che si sta svolgendo a Brindisi e che si concluderà domani. “Le Capitanerie di porto producono ricchezza” ha esordito l’ammiraglio Angrisano rivendicando un ruolo attivo nell’economia marittima poco riconosciuto.

“Le infrastrutture da realizzare – spiega infatti – sono quelle funzionali agli scali. Il punto di partenza nella programmazione di questi progetti è l’obiettivo finale: come si può conciliare, ad esempio, la tendenza al gigantismo navale con le nostre vecchie infrastrutture portuali?”. Su questi temi, il suo intervento ha sottolineato ed evidenziato le discrepanze tra le tendenze internazionali e quelle italiane.

Un punto di vista che, all’inizio della seduta di lavori, aveva affrontato anche il comandante Mariano Maresca, presidente nazionale del Propeller Club. “L’evoluzione mondiale – precisa Maresca – non sfiora l’Italia che invece resta ferma di fronte ad ampliamenti e modernizzazioni degli altri porti. Il governo è l’unico in grado di invertire questa tendenza con energie, fondi e con l’aiuto della legislazione”. In particolare sull’utilizzo delle risorse si è concentrato anche il vice sindaco di Brindisi, Mauro D’Attis, che ha esposto con dati concreti quali siano i possibili passi per superare l’immobilismo italiano.

“Solo il 10% dei fondi europei a disposizione nella programmazione 2007-2013 sono stati spesi – spiega D’Attis – questo significa che il Sud ha ancora a disposizione molte risorse (circa 800 milioni di euro) che possono essere investiti ma con la giusta programmazione. Le difficoltà ad ottenere questo denaro sono dovute purtroppo ad una diversità tra tempi e procedure rispetto a quelle italiane. Ma anche la classe dirigenziale deve imparare a sfruttare meglio certe risorse”. Dati tecnici e strategie di sviluppo sono state esposte insieme al presidente del Propeller di Brindisi, Nicola Zizzi che ha anche raccolto l’intervento dell’onorevole Mario Valducci in cui, il presidente della Commissione Trasporti della Camera ha spiegato il superamento delle difficoltà nella nomina di Hercules Haralambides alla presidenza dell’Autorità portuale di Brindisi.

Francesca Cuomo

Foto: Simone Rella


© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. IL NAUTILUS Anno 6 N°2
  2. Distretto nautico di Puglia: istituzioni e aziende provano a pianificare il futuro
  3. Propeller Club: venerdì al via la Convention nazionale a Brindisi
  4. Convention nazionale del Propeller Club: domani la presentazione dell’evento a cui potrebbe partecipare Haralambides
  5. XII CONVENTION NAZIONALE DELL’INTERNATIONAL PROPELLER CLUB A BRINDISI

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=1220

Scritto da Francesca Cuomo su mag 27 2011. Archiviato come Infrastrutture, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°2

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alla portualità con un focus sulle identità marinare e sul futuro dei lavori portuali, la figura dello skipper e il trattamento dell’acqua di zavorra. Poi una riflessione sul concetto di “Porto come mondo” (prendendo come esempio il porto di Brindisi, tra tutela, valorizzazione ed innovazione). E ancora, approfondimenti sul motto lanciato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: #IOSONOMARE, per valorizzare tutte le attività svolte sul mare.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab