Home » Infrastrutture, News, Trasporti » Crescono i volumi dei container ma crescono male

Crescono i volumi dei container ma crescono male

Per l’Istituto di Economia Marittima e Logistica di Brema ed Associates Hackett ci troviamo di fronte a dati positivi, vista la moderata crescita dei volumi di container in tutta l’Europa riscontrata all’inizio dell’anno e stabilizzatasi in marzo.

Il rapporto della GLOBAL Port Tracker è prudente e si appoggia ai dati rilevati nei sei porti più importanti del Nord Europa e comunque si prevede che la crescita sarà più consistente nella seconda metà dell’anno. I porti sotto osservazione sono stati Le Havre, Anversa, Zeebrugge, Rotterdam, Brema/Bremerhaven e Amburgo; con Zeebrugge e Amburgo che hanno segnato una diminuzione dei volumi in arrivo a marzo, mentre Anversa ha goduto di un incremento a due cifre.

“Siamo tornati ai livelli visti all’inizio del 2008 e ci aspettiamo che i flussi mensili continuino a segnare consistenti volumi” ha detto Ben Hackett, presidente della Associates Hackett. Ed ancora, Hackett ha dichiarato: “le tariffe di trasporto restano deboli perché, quest’anno, le relazioni del commercio mondiale dovrebbero crescere solo in una sola cifra, mentre la capacità della nave sta crescendo a due cifre; poi registriamo che il petrolio e l’aumento dei prezzi alimentari cominciano a farsi sentire sulla domanda dei consumatori di beni”.

Però guardando ai volumi complessivi di stiva delle nuove consegne portacontainer nel 2013 – si parla di 2.000.000 teu -, ci ritroveremmo di fronte al problema odierno preoccupante di “eccesso di stiva”, con una capacità totale aumentata di 8,9% e forse di 11,3%. Al 13° incontro annuale dell’International Container Liner Shipping, conferenza mondiale che si è svolta quest’anno a Londra, Nicolas Sartini, Senior VP di CMA CGM, ha avvertito che se per i volumi pick up, la sovraccapacità porterà i tassi giù, i costi bunker prenderanno il volo e la redditività sarà molto scadente.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Porto di Ancona: Confetra e agenti marittimi siglano accordo per i container
  2. Valore sociale di un porto: tre tonnellate di container equivalgono a dieci tonnellate di carbone
  3. Port of Southampton: crescono gli ormeggi
  4. Aeroporti pugliesi crescono

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=1770

Scritto da Abele Carruezzo su giu 15 2011. Archiviato come Infrastrutture, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab