peyrani
Home » Italia, News, Trasporti » Nel 2014, pronte 23 nuove navi da crociera

Nel 2014, pronte 23 nuove navi da crociera

Tra il 2011 ed il 2014 l’industria europea investirà 10,8 miliardi di euro in 23 nuove navi con una capacità di 60.630 passeggeri in più, costituendo un’importante fonte di impiego nel settore navale.

È quanto emerso durante la quinta conferenza “L’industria crocieristica europea: leader nella ripresa dell’economia in Europa” organizzata dall’ECC (European Cruise Council, associazione che riunisce 30 compagnie crocieristiche europee membre e 34 associate) che si è tenuta oggi a Bruxelles per discutere di argomenti politici chiave per il settore.

La costruzione di queste nuove navi darà un ulteriore impulso a molte destinazioni europee, guidando lo sviluppo turistico, generando investimenti in infrastrutture e creando posti di lavoro diretto ed indiretto nelle regioni costiere e nelle isole.

“L’industria crocieristica continua a favorire la ripresa economica creando posti di lavoro nei cantieri navali, nei porti e fungendo da catalizzatore turistico”, ha dichiarato Manfredi Lefebvre d’Ovidio, presidente dell’ECC.

Francesca Cuomo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Porto di Gioia Tauro: le multinazionali pronte per nuovi investimenti
  2. Porto di Brindisi: Lega navale e Circolo Pigonati accolgono le barche pronte alla Brindisi-Corfù
  3. IMO dà OK per l’imbarco di guardie armate a bordo di navi
  4. Il mare nel castello
  5. La Sicilia punta sui porti turistici

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=1788

Scritto da Francesca Cuomo su giu 15 2011. Archiviato come Italia, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°1

BRINDISI - In questo numero lo speciale è destinato alle crociere con i dati di Rsiposte Turismo e le previsioni per il 2017 di un settore ormai fondamentale per l’economia del Paese. Ma anche le importanti novità sulla safety portuale e sui regolamenti dell’Unione Europea sui servizi portali e la trasparenza finanziaria dei porti. Poi i porti di Napoli. Ancona, Trieste, Piombino e Olbia con gli investimenti e le nuove infrastrutture previste nei diversi scali italiani.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab