peyrani
Home » Europa, Infrastrutture, News, Trasporti » Pensando ai porti ellenici, quelli francesi sono già privatizzati

Pensando ai porti ellenici, quelli francesi sono già privatizzati

E’ opinione di molti che nei porti “statali” si verifica una bassa produttività del lavoro portuale, mentre il “privato” è efficiente ed efficace ed è per questo che una riforma portuale coinvolge ed associa sempre una riforma del lavoro portuale.

Questi sono i “pensieri” di una portualità mediterranea che desidera ripercorrere le riforme già attuate negli USA e nel regno Unito; già superate da parte loro e che pensano a nuove riforme, mentre da noi è “america”. Andiamo per ordine.

Nel Regno Unito e in America il lavoro portuale è stato già riformato; in Europa e soprattutto in Italia la cautela è d’obbligo in questa materia e si dice che non si riforma per via dei sindacati che oppongono delle difficoltà, specie quando si parla di privatizzare i porti (vedasi Grecia, Spagna).

Un Governo che si rispetti deve creare occupazione diretta ed indiretta nelle regioni marittime a cui il nodo-porto fa riferimento; un lavoratore del porto chiede stabilità di reddito e sicurezza; per cui riformare una portualità e di conseguenza il lavoro portuale con obiettivi di privatizzazione occorre un “consenso” da costruire e non da imporre.

Aumenta il commercio, aumentano il numero di navi; navi da crociera esigono accoglienza e servizi ai passeggeri; navi tipicizzate hanno bisogno di terminal adeguati; tutto questo comporta una organizzazione del lavoro portuale più efficiente e per rendere un porto più operativo rispetto ad un altro occorrono approcci sindacali concertati e sistemici.

In Inghilterra, il governo, trent’anni fa, abolì il National Dock Labour Scheme; mentre altri Paesi, compresa l’Italia, hanno preferito la gradualità pervenendo a più riforme incentrate sempre sul “dock work” e “dock worker”; anche se l’art. 137 della Convenzione ILO (International Labour Organization)  garantisce l’iscrizione/registrazione dei lavoratori portuali con priorità di assunzione per il lavoro portuale.

Anche su questo articolo non esiste uniformità: in alcuni porti, l’espressione lavoro portuale è limitata alle attività di carico/scarico delle navi all’interno dell’area portuale definendole “operazioni portuali”; in altri porti sono incluse tutte le forme di manipolazione della marce in una specifica area portuale, comprendendo magazzinaggio, riempimento e svuotamento, carico e scarico da imbarcazioni (maone, chiatte ecc.), camion, vagoni di treni, attività logistiche ecc.

In questo senso, la Francia, nel 2008, inizia una riforma a tutt’oggi in corso: l’Autorità portuale di Le Havre viene rinominata Grande Porto Marittimo di Havre comparato a Porto Autonomo di Havre; gestito da un Management Board, sotto la supervisione di un Supervisory Board e con un grande comitato portuale; così nei porti di Marsiglia, Rouen, Bordeaux, Dunkirk, La Rochelle e Nantes-Saint- Nazaire. Insomma grandi autorità portuali territoriali.

I lavoratori portuali nei porti francesi hanno un loro specifico ruolo nelle squadre (caporeparto, leader di banchina, guidatore di reach stacker, etc.); anche se esiste una certa flessibilità, il reclutamento avviene soprattutto per la professionalità nella squadra e per merceologia e con formazioni continue on the job. I principali porti francesi si stanno attrezzando per il trasferimento al settore privato da tempo atteso per maggio 2011, ai sensi della riforma portuale francese.

L’accordo entrerà in vigore presso il più grande porto containerizzato del paese, quello di Marsiglia Fos, a fine maggio, e a seconda del terminal coinvolto, qualcosa come 400 dipendenti dell’autorità portuale saranno trasferiti a società di stivaggio private o parzialmente private. Mentre, i terminal petroli di Fos e Lavera – d’importanza nazionale – saranno gestiti da una società privata appositamente costituita in cui l’autorità portuale detiene una quota di maggioranza.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Dockers ellenici scioperano contro la privatizzazione delle attività portuali
  2. Infrastrutture portuali per i traffici, non per tutti i porti
  3. Convegno Porti e ambiente: a Brindisi si parla di riforma della 84/94
  4. Porti verdi: dopo l’Italia, arrivano anche in Spagna
  5. PARLIAMO DI PORTI PRIMO INCONTRO TEMATICO SUL PROGETTO JOVE

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=1919

Scritto da Abele Carruezzo su giu 19 2011. Archiviato come Europa, Infrastrutture, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°3

BRINDISI - In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alle crociere, a livello nazionale ed internazionale, con i nuovi dati di Risposte Turismo: dalla classifica dei porti italiani in base al numero di croceristi alle previsioni per il 2018 con i programmi dei porti già fissati con le grandi compagnie. Poi un focus di Stefano Carbonara sul cyber crimine applicato al mondo dello shopping con lo contromosse necessarie. Da Assologistica arrivano anche le indicazioni per il mondo dei porti e non solo, con tendenze e lacune da colmare. Ad Ancona, Napoli, Trieste, Venezia, Brindisi e Livorno sono dedicati tanti servizi sulle ultime notizie che giungono da questi scali dopo la riforma dei porti..
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab