peyrani
Home » Infrastrutture, News, Trasporti » Aeroporti di Puglia: necessario un nuovo piano di sviluppo

Aeroporti di Puglia: necessario un nuovo piano di sviluppo

L’Aeroporti di Puglia gestisce un sistema aeroportuale che si articola su quattro aeroporti: Bari, aeroporto civile aperto al traffico commerciale nazionale ed internazionale;

Brindisi nasce come aeroporto militare e da quando è stato riclassificato anche civile è aperto al traffico commerciale nazionale e internazionale; Foggia, aeroporto civile aperto al traffico commerciale nazionale e internazionale; Taranto (Grottaglie), aperto al traffico commerciale nazionale e internazionale.

La pianificazione strategica per i quattro aeroporti che prevedeva il programma degli interventi in base a determinate previsioni di traffico, oggi va rivista alla luce anche di nuove rotte e nuovo impulso avuto dall’aeroporto di Brindisi. Le espansioni delle infrastrutture e della intermodalità per sopportare lo sviluppo del traffico aereo non va studiata solo in termini aderenti all’aeroporto di Bari; ma in termini di sistema che si connette con aree dove esiste più domanda di trasporto aereo.

La Regione Puglia, dovrebbe riconsiderare la grande attrazione turistica che esercita tutto il Salento rispetto all’intera Puglia; non solo turismo, ma mobilità necessaria per questa parte della Puglia alla libera circolazione delle merci e/o persone per garantirsi lo sviluppo e non “volare” dove, come e quando la “governance” dell’AdP decide per gli altri senza analisi trasportistica.

Quante linee da e per Bari hanno avuto risultati pieni per tutto l’anno? Lo sviluppo sociale ed economico della Regione Puglia è profondamente connesso a quello del traffico aereo; l’accessibilità della Regione diventa un fattore rilevante nelle scelte di localizzazione industriale, e consente di espandere il mercato potenziale del lavoro per gli abitanti della regione.

Oggi, il piano di sviluppo dovrebbe esprimere nuove necessità e potenzialità di questa parte del territorio pugliese senza nascondersi sotto l’espressione “sistema”; semmai occorre risolvere il sistema; ossia valutare le ipotesi di intervento per lo sviluppo del traffico charter (incoming e outgoing) ed ai bandi di start up di nuove rotte.

Lo studio sullo sviluppo futuro della rete aeroportuale nazionale effettuato da ENAC (scenari prossimi fino al 2030), danno ragione a considerare l’aeroporto di Brindisi primario di un territorio ampio per la mobilità domestica, ma si impone a livello internazionale come una “gate” che può contribuire allo sviluppo di quella piattaforma logistica di cui tanto si parla. Bari dovrà dimostrare sempre di essere un aeroporto strategico di una “gate” intercontinentale.

E comunque, bene ha fatto il presidente dell’Amministrazione della Provincia di Brindisi, Massimo Ferrarese, ha richiamare l’attenzione dell’AdP per un piano d’azione verso un nuovo scalo salentino; economicamente, si spenderebbe di meno rispetto ad aggiustamenti tecnico-amministrativi degli scali esistenti.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Ferrarese: “Aeroporto del Salento saturo. Serve nuovo scalo”
  2. Il Fly Plane della Puglia Corsara
  3. Aeroporti di Puglia: 21% di crescita nei primi cinque mesi del 2011
  4. Aeroporti di Puglia: “Estate 2011 – Tour operator e vettori incontrano il trade”
  5. Aeroporti pugliesi crescono

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=1958

Scritto da Abele Carruezzo su giu 21 2011. Archiviato come Infrastrutture, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°3

BRINDISI - In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alle crociere, a livello nazionale ed internazionale, con i nuovi dati di Risposte Turismo: dalla classifica dei porti italiani in base al numero di croceristi alle previsioni per il 2018 con i programmi dei porti già fissati con le grandi compagnie. Poi un focus di Stefano Carbonara sul cyber crimine applicato al mondo dello shopping con lo contromosse necessarie. Da Assologistica arrivano anche le indicazioni per il mondo dei porti e non solo, con tendenze e lacune da colmare. Ad Ancona, Napoli, Trieste, Venezia, Brindisi e Livorno sono dedicati tanti servizi sulle ultime notizie che giungono da questi scali dopo la riforma dei porti..
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab