peyrani
Home » Legislazione, News, Trasporti » Unione Europea: lotta per i corridoi internazionali

Unione Europea: lotta per i corridoi internazionali

L’intento è quello di evitare il taglio del corridoio ferroviario tra Berlino e Palermo ma la questine dei collegamenti è ancora più complessa. Mentre oggi, bipartisan, gli eurodeputati hanno provato a chiedere l’annullamento di quei provvedimenti che disegnano le reti Ten-T, spostando la «visione geopolitica sull’asse est-ovest».

Una visione che dimentica la centralità commerciale del Mediterraneo e degli stessi porti italiani. La delegazione presente a Strasburgo di Pdl, Pd e Idv a Strasburgo, guidata dal vicepresidente vicario del Parlamento Gianni Pittella (Pd) e dal capogruppo Pdl Mario Mauro ha annunciato che venerdì prossimo una missione del governo italiano guidata dal viceministro dei Trasporti, Roberto Castelli, incontrerà a Bruxelles il presidente della Commissione europea, Josè Manuel Barroso: lo scopo è quello di discutere sulla scelta dei progetti prioritari per lo sviluppo delle grandi infrastrutture che Bruxelles presenterà il 19 ottobre.

Oggi Pittella e Mauro hanno accusato Bruxelles di voler “privilegiare le regioni europee del centro-nord« affermando che si devono porre fine alle ambiguità tanto della Commissione quanto del governo italiano e delle stesse Ferrovie italiane, che sostengono il progetto diretto verso i porti di Bari, Lecce, Brindisi e Taranto a discapito della Sicilia”.

L’eurodeputato Vito Bonsignore (Pdl) ha affermato che “si vuole tagliare fuori la piattaforma della Sicilia per evitare di fare concorrenza ai porti del Nord Europa”. “Nel Mediterraneo – hanno ricordato gli europdeputati – passa un terzo del commercio marittimo mondiale con navi che poi impiegano altri sei giorni per arrivare ad Amburgo e Rotterdam. Utilizzare i porti italiani permetterebbe un taglio di cinque giorni nei tempi di trasporto”.

Salvatore Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Porto di Venezia: per Costa serve unione tra porti dell’Adriatico
  2. Unione Europea: nel progetto Marco Polo anche l’interporto di Bologna
  3. Unione Europea: no all’importazione di prodotti ittici illegali
  4. Unione Europea: Kallas chiede nuovi investimenti sui porti
  5. L’Italia e la “Giornata europea del Mare”

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=4262

Scritto da Salvatore Carruezzo su set 27 2011. Archiviato come Legislazione, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°3

BRINDISI - In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alle crociere, a livello nazionale ed internazionale, con i nuovi dati di Risposte Turismo: dalla classifica dei porti italiani in base al numero di croceristi alle previsioni per il 2018 con i programmi dei porti già fissati con le grandi compagnie. Poi un focus di Stefano Carbonara sul cyber crimine applicato al mondo dello shopping con lo contromosse necessarie. Da Assologistica arrivano anche le indicazioni per il mondo dei porti e non solo, con tendenze e lacune da colmare. Ad Ancona, Napoli, Trieste, Venezia, Brindisi e Livorno sono dedicati tanti servizi sulle ultime notizie che giungono da questi scali dopo la riforma dei porti..
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab