peyrani
Home » Legislazione, News, Trasporti » Unione Europea: lotta per i corridoi internazionali

Unione Europea: lotta per i corridoi internazionali

L’intento è quello di evitare il taglio del corridoio ferroviario tra Berlino e Palermo ma la questine dei collegamenti è ancora più complessa. Mentre oggi, bipartisan, gli eurodeputati hanno provato a chiedere l’annullamento di quei provvedimenti che disegnano le reti Ten-T, spostando la «visione geopolitica sull’asse est-ovest».

Una visione che dimentica la centralità commerciale del Mediterraneo e degli stessi porti italiani. La delegazione presente a Strasburgo di Pdl, Pd e Idv a Strasburgo, guidata dal vicepresidente vicario del Parlamento Gianni Pittella (Pd) e dal capogruppo Pdl Mario Mauro ha annunciato che venerdì prossimo una missione del governo italiano guidata dal viceministro dei Trasporti, Roberto Castelli, incontrerà a Bruxelles il presidente della Commissione europea, Josè Manuel Barroso: lo scopo è quello di discutere sulla scelta dei progetti prioritari per lo sviluppo delle grandi infrastrutture che Bruxelles presenterà il 19 ottobre.

Oggi Pittella e Mauro hanno accusato Bruxelles di voler “privilegiare le regioni europee del centro-nord« affermando che si devono porre fine alle ambiguità tanto della Commissione quanto del governo italiano e delle stesse Ferrovie italiane, che sostengono il progetto diretto verso i porti di Bari, Lecce, Brindisi e Taranto a discapito della Sicilia”.

L’eurodeputato Vito Bonsignore (Pdl) ha affermato che “si vuole tagliare fuori la piattaforma della Sicilia per evitare di fare concorrenza ai porti del Nord Europa”. “Nel Mediterraneo – hanno ricordato gli europdeputati – passa un terzo del commercio marittimo mondiale con navi che poi impiegano altri sei giorni per arrivare ad Amburgo e Rotterdam. Utilizzare i porti italiani permetterebbe un taglio di cinque giorni nei tempi di trasporto”.

Salvatore Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Porto di Venezia: per Costa serve unione tra porti dell’Adriatico
  2. Unione Europea: nel progetto Marco Polo anche l’interporto di Bologna
  3. Unione Europea: no all’importazione di prodotti ittici illegali
  4. Unione Europea: Kallas chiede nuovi investimenti sui porti
  5. L’Italia e la “Giornata europea del Mare”

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=4262

Scritto da Salvatore Carruezzo su set 27 2011. Archiviato come Legislazione, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab