Home » Infrastrutture, News, Trasporti » Piattaforma logistica dell’Alto Adriatico a Capodistria?

Piattaforma logistica dell’Alto Adriatico a Capodistria?

Unicredit Logistic ha espresso la forte volontà di scegliere Capodistria, invece di Trieste, per la realizzazione della “piastra logistica” dell’Alto Adriatico. Alla fine di settembre, a margine di un convegno sulle infrastrutture, proprio a Trieste, il vicepresidente della Unicredit Logistic, Maurizio Maresca, si era espresso in maniera molto chiara: “Al momento ci sono maggiori probabilità che la piattaforma logistica venga costruita nel porto di Capodistria e non perché là ci siano particolari facilità, ma per una maggiore vivacità manageriale e imprenditoriale”.

“Gorizia sembra sollevare problemi per Monfalcone – sottolinea Maresca – Venezia pare non interessata, ha altre prospettive, Capodistria é più disponibile ed il Governo di Lubiana sembra molto interessato a questo investimento”. Parole molto dure che Trieste non ha accettato, anche se Maresca evidenzia un certo disinteresse da parte della Regione Friuli Venezia Giulia e rincara la dose: “Trieste rischia così di soccombere se non ci sono interventi mirati da parte della Regione: dragare i fondali e attrezzare le infrastrutture ferroviarie e autostradali alle spalle della piattaforma logistica”.

Comunque, per una giusta informazione,  sia per Unicredit e per Maersk non ci sono ostacoli per la realizzazione della piastra sia a Trieste che altrove; ma per una posizione strategica-tecnico della piattaforma logistica, se dovrà essere dell’Alto Adriatico, la giusta ubicazione appartiene a quell’arco di mare. In questa prospettiva, Maresca ha aggiunto: “E’ chiaro che qui dipende anche dalla decisione del governo; sta a noi dare a Maersk questa possibilità effettuando tutti i dragaggi necessari e con un efficiente sistema ferroviario e dei trasporti in generale. E’ chiaro che Unicredit farà anche la sua parte”.

Proprio, ieri, però, il Presidente della Regione autonoma F.V.G., Renzo Tondo, ha precisato che non l’inerzia politica a bloccare il progetto, ma l’incapacità dell’imprenditore che non ha sciolto ancora delle riserve. La sfida del Presidente Tondo è mirata ed ha puntualizzato che la giunta regionale è pronta a deliberare una legge “ad hoc” per il porto di Monfalcone, se il disegno progettuale generale accuserà ancora delle “fermate” strumentalizzate a favore di un sito rispetto ad un altro.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Porto di Ancona: osservatorio su Piattaforma logistica
  2. Giachino: nella manovra anche interventi per la logistica
  3. Il piano nazionale della logistica penalizza il cargo aereo
  4. Parliamo di Propeller Club Port of Brindisi
  5. Infrastrutture portuali per i traffici, non per tutti i porti

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=4484

Scritto da Abele Carruezzo su ott 5 2011. Archiviato come Infrastrutture, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab