peyrani
Home » Legislazione, News, Trasporti » IV Rapporto sull’economia del mare

IV Rapporto sull’economia del mare

La Federazione del Mare, insieme al Censis, il 25 ottobre prossimo presenterà il IV Rapporto sull’economia del mare; l’appuntamento sarà presso il centro CNEL di Roma in via Davide Lubin.

L’occasione è doverosa per tutto il cluster marittimo per una riflessione più puntuale su tutti i settori che economicamente considerano il “mare” una risorsa di sviluppo per il nostro Paese.

Una “crisi” finanziaria, economica ed occupazionale, a livello globale, che ha investito di prepotenza la nostra Italia, iniziata nel 2008, ha influenzato anche il settore dell’economia del mare; settore che già sta operando, più di altri comparti industriali, a lavorare per una rapida ripresa economica.

L’appuntamento della Federazione del Mare, con il rapporto, contribuirà ad un’analisi dettagliata di come i vari segmenti del cluster marittimo si sono strutturati per far fronte ad un’agguerrita competitività; analisi che permetterà di comprendere gli scenari futuri a medio termine; comprenderne le evoluzioni, per mettere a posto delle strategie aziendali e soprattutto politiche per uno Stato, come l’Italia, che si estende sul mare e che mira ad essere “porta orientale” dell’Europa.

L’industria armatoriale e i trasporti marittimi, la portualità ed i servizi logistici integrati e interconnessi a “rete”, la cantieristica navale, la nautica da diporto, la pesca, le istituzionali che svolgono attività di difesa, amministrazione, coordinamento, previdenza e sicurezza in campo marittimo vengono analizzati, nel dettaglio e di essi viene fornito un aggiornato quadro statistico; quindi un “rapporto sull’economia del mare” come strumento di analisi e di studio a disposizione di tutti gli operatori marinari e marittimi.

In uno scenario Mediterraneo modificatosi in quest’ultimo anno, con “baricentro” economico marittimo sempre più meridionale, la Federazione del Mare propone un “riposizionamento” dinamico di tutto il cluster marittimo. Questo IV Rapporto propone, inoltre per la prima volta, un “focus” sul processo di decentramento di quelle attività marittime a livello regionale, balneazione industriale e turismo nautico; decentramento osservato e confortato da alcuni approfondimenti su Liguria, Friuli-Venezia-Giulia, Campania e Sicilia.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Quanti container si perdono in mare?
  2. Rapporto Isfort: martedì presentazione dello studio
  3. Carta dei diritti della gente di mare: Singapore ratifica
  4. Il Castello di Mare è di mare?
  5. GIORNATA EUROPEA DEL MARE: “Fermare la pirateria marittima: la volontà è la strada?”

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=4851

Scritto da Abele Carruezzo su ott 21 2011. Archiviato come Legislazione, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°2

BRINDISI - Lo speciale di questo nuovo numero de Il Nautilus è dedicato al porto di Trieste che, tra cambiamenti già effettuati e progetti con finanziamenti in arrivo, sta mutando la sua fisionomia e crescendo come scalo in Adriatico. Accanto a queste novità sullo scalo ci sono anche quelle che riguardano i porti di Livorno, Porto Torres, Savona, Cagliari, Ancona e Bari. In questo numero troverete anche un’intera pagina dedicata alla fiscalità legata al mondo del diportismo con gli aggiornamenti sulle ultime modifiche alle leggi.
poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab