peyrani
Home » Infrastrutture, News, Trasporti » Porto di Brindisi: riaperto il pozzo petrolifero Aquila 1

Porto di Brindisi: riaperto il pozzo petrolifero Aquila 1

Il 4 novembre, come disposto da un’ordinanza della Capitaneria di porto, lo scalo brindisino è stato interdetto, nella parte media e interna, al transito di qualsiasi imbarcazione.

Nelle quattro ore a disposizioni due rimorchiatori hanno trasportato al largo della costa un tubo di gomma di 350 metri utilizzato da Eni per riattivare il pozzo petrolifero Aquila 1. L’ordinanza ha consentito di limitare il traffico per lo spostamento di questo tubo fino alla piattaforma dove si trova anche la nave Psfo Firenze.

Sulla perpendicolare del vecchio pozzo, attivo dal 2000 ma rimasto inutilizzato negli ultimi anni, si sta provvedendo infatti alle operazioni di riapertura. Il tubo di gomma è necessario proprio per collegare l’imboccatura del pozzo alle navi che arriveranno.

Contemporaneamente Eni sta realizzando il ponte per l’attracco e sta provvedendo a collaudare l’intera struttura off shore. Il pozzo sarà riaperto entro il 2012 e, secondo le prime previsioni, ci saranno almeno otto navi che si riforniranno attraverso questo pozzo.

Francesca Cuomo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Porto di Brindisi: nuovi sistemi di sicurezza
  2. Porto di Brindisi: Ferrarese chiede a Fitto piattaforma logistica
  3. Porto di Brindisi: il primo comitato portuale di Haralambides
  4. A fuoco la Ameland: esercitazione nel porto di Brindisi
  5. Porto di Brindisi: Lega navale e Circolo Pigonati accolgono le barche pronte alla Brindisi-Corfù

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=5325

Scritto da Francesca Cuomo su nov 14 2011. Archiviato come Infrastrutture, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°1

BRINDISI - In questo numero lo speciale è destinato alle crociere con i dati di Rsiposte Turismo e le previsioni per il 2017 di un settore ormai fondamentale per l’economia del Paese. Ma anche le importanti novità sulla safety portuale e sui regolamenti dell’Unione Europea sui servizi portali e la trasparenza finanziaria dei porti. Poi i porti di Napoli. Ancona, Trieste, Piombino e Olbia con gli investimenti e le nuove infrastrutture previste nei diversi scali italiani.
www.brindisi-corfu.it telebrindisi.tv poseidone danese

© 2017 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab