Home » Internazionale, News, Trasporti » Navi eco-friendly: il Giappone accelera la commercializzazione

Navi eco-friendly: il Giappone accelera la commercializzazione

Il Giappone, sul problema dell’utilizzo di carburanti per la propulsione di navi mercantili, volta pagina e passa al gas naturale liquefatto LNG. Il Ministero dei Trasporti del Giappone, in una nota, afferma che questo gas, se utilizzato per la propulsione di navi, emette solo il 25% in meno di anidride carbonica rispetto ad altri lubrificanti; la emissione in atmosfera di ossido di azoto (NO) si riduce di circa del 70% in meno rispetto al petrolio e poi ha un costo minore.

E’ una politica industriale che vede il Giappone impegnato in una forte accelerazione della commercializzazione delle nevi eco-friendly; infatti, nel mondo, di queste navi ve ne sono appena venti e tutte impegnate nel cabotaggio costiero norvegese e senza che rispondano, dal punto di vista costruttivo,  ad una convenzione standard di sicurezza.

In questo campo, l’IMO, pur studiando questi carburanti dal punto di vista tecnico, è in forte ritardo sulle risoluzioni applicative. Il Ministero dei Trasporti giapponese, unitamente ad altri ministri, come quelli del Turismo e del Territorio-Infrastrutture, si sta concentrando su questo problema per risolverlo entro il 2016 elaborando delle norme di sicurezza.

L’obiettivo è quello di permettere ai costruttori navali giapponesi e alle compagnie di navigazione di cogliere i vantaggi economici ed essere il primo paese ad introdurre LNG per la propulsione di navi. Il Giappone ha già la tecnologia per la produzione di navi a metano, e si aspetta solo gli accordi ministeriali tra armatori e compagnie di navigazione, e le risoluzioni internazionali anche a livello IMO, per promuovere l’uso commerciale di queste navi.

Il progetto ministeriale prevede un budget di spesa di 647 milioni di yen per tutto il 2012: un serbatoio costiero-tipo ed un motore prototipo a terra per la verifica di eventuali problemi strutturali; il piano progettuale comprende anche la sperimentazione pratica di rifornire una nave in navigazione di carburante LNG (per lo studio dei parametri della fase gassificazione in mare).

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Canale di Panama : l’allargamento agevolerà le navi di 13mila teu
  2. IMO: ECDIS a bordo di tutte le navi entro il 2018
  3. Bangladesh: Paese per rottamare navi
  4. IMO dà OK per l’imbarco di guardie armate a bordo di navi
  5. Yacht a propulsione solare: we can

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=5546

Scritto da Abele Carruezzo su nov 22 2011. Archiviato come Internazionale, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 12 N°3

BRINDISI - In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato alle crociere, a livello nazionale ed internazionale, con i nuovi dati di Risposte Turismo: dalla classifica dei porti italiani in base al numero di croceristi alle previsioni per il 2018 con i programmi dei porti già fissati con le grandi compagnie. Poi un focus di Stefano Carbonara sul cyber crimine applicato al mondo dello shopping con lo contromosse necessarie. Da Assologistica arrivano anche le indicazioni per il mondo dei porti e non solo, con tendenze e lacune da colmare. Ad Ancona, Napoli, Trieste, Venezia, Brindisi e Livorno sono dedicati tanti servizi sulle ultime notizie che giungono da questi scali dopo la riforma dei porti..
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab