Home » Internazionale, Legislazione, News, Trasporti » IMO e CO2: “Ridurre le emissioni da navi”

IMO e CO2: “Ridurre le emissioni da navi”

A bordo di una nave, generalmente, sono presenti macchinari ed impianti che generano residui gassosi che contribuiscono all’inquinamento dell’aria. I motori marini a combustione interna producono ossido di azoto e di zolfo (NOx e SOx); mentre gli impianti di refrigerazione e quelli di antincendio (halon) generano sostanze dannose per l’ozono; come pure gli inceneritori emettono fumi contenenti diossine.

Nell’ultimo report aggiornato dell’International Maritime Organization (IMO), richiesto dalle UN, si parla di una riduzione drastica delle emissioni dell’industria dello shipping: abbattere le tonnellate di CO2 prodotte ogni anno con un “operative plane” che parte dal 2013 e si sviluppa fino al 2030.

Sono delle risoluzioni tecniche/tecnologiche, che attivando nuove misure porteranno ad una riduzione media, cioè di 150 milioni di tonnellate, delle emissioni di CO2 ogni anno entro il 2020, fino ad un massimo di 330 milioni di tonnellate per il 2030. Verrà introdotto un parametro, l’Energy Efficiency Design Index (EEDI) sui motori per la propulsione navale, con particolare riferimento alla sezione carburazione, approvato dall’IMO lo scorso luglio ed entrerà in vigore nel 2013.

Questa risoluzione operativa non riguarderà le tecniche e le modalità di costruzione dei motori e degli impianti, ma, tramite il parametro EEDI, ogni nave, nel rispetto delle tipologie e delle funzioni trasportistiche, avrà determinati limiti alle emissioni di CO2 e dei gas serra, riducendo l’inquinamento dell’aria.

Le nuove regole si applicheranno a tutte le navi con una stazza uguale o superiore alle 400 tonnellate e sarà la prima volta che queste saranno soggette a misure vincolanti internazionali. Anche sul fronte economico, l’IMO sta conducendo uno studio di analisi di mercato per la definizione di un “prezzo” delle emissioni di gas serra, al fine di prevedere un incentivo economico per l’industria marittima che vorrà investire in nuove tecnologie e navi più efficienti. Il Giappone insegna con le navi eco-friendly.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Le Compagnie di navigazione delle navi cisterna sperano nel mercato libico
  2. La Camera delle Spedizioni Marittime del Regno Unito adotta “manuali” per la riduzione delle emissioni di carbonio
  3. Anche l’Antartide sotto controllo emissioni
  4. Bangladesh: Paese per rottamare navi
  5. IMO dà OK per l’imbarco di guardie armate a bordo di navi

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=5564

Scritto da Abele Carruezzo su nov 23 2011. Archiviato come Internazionale, Legislazione, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°1

In questo nuovo numero de Il Nautilus vi proponiamo uno speciale sul porto di Trieste con gli ultimi dati e provvedimenti che riguardano le recenti attività dell’Autorità di sistema. Si parla anche dei porti di Civitavecchia, Ancona, Venezia, Napoli, La Spezia, Genova, Cagliari e Porto Torres. Ma si parla anche dei risultati della manifestazione NauticSud che si è svolta a Napoli e di come vengono smaltiti i rifiuti prodotti dalle navi secondo le ultime direttive internazionali.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab