Home » Italia, News, Trasporti » La Puglia ed il Mediterraneo

La Puglia ed il Mediterraneo

Parlare di traffici e flussi marittimi globali ed europei in particolare, si scopre che il ruolo strategico del Mediterraneo è in una continua evoluzione; anche ad un anno dalla “primavera araba”.

Da mare periferico rispetto ai sistemi portuali nord-europei per tutti gli anni settanta/ottanta del secolo scorso, a posizione centrale a seguito dei cambiamenti dell’economia globale e globalizzata, al punto che, oggi, si parla di “portualità mediterranea”.

Per la progressiva concentrazione dei centri di produzione nell’area dell’Estremo Oriente-Pacifico, il baricentro dei traffici marittimi internazionali si è posizionato nel  focal-point del flusso del Pacifico e delle rotte commerciali che si snodano lungo l’asse Far East/Europa; il tale situazione, il Mediterraneo è divenuto un passaggio “obbligato”.

Oggi, però, con una certa cautela,  per via della “crisi” in atto e per il fenomeno della pirateria all’interno del Golfo di Aden, che, ostacolando il passaggio da Suez, ne limita il pieno sviluppo di questo mare. La caratteristica geografica del Mediterraneo, per la vicinanza delle sue sponde, lo rende un sistema efficace di trasporto, garantendo economie di scala sulla modalità marittima, tra i Paesi della Ue e quelli ad est e a sud dello stesso mare.

In quest’ottica si inserisce il Mezzogiorno d’Italia ed in particolare la Puglia che diviene una “piattaforma logistica” naturale per i Paesi del MENA (Middle East and North Africa). Perciò, occorre incrementare il numero delle linee marittime che collegano i porti pugliesi ai porti di questa regione marittima; attivare servizi per merci rotabile, container ed altro con linee dirette da Bari, Brindisi e Taranto con una certa regolarità.

Per fare questo, il nostro governo regionale dovrà avere più coraggio per una politica più incisiva volta a creare e a potenziare infrastrutture logistico/portuali (distrimar), per consentire accessi a nuovi mercati, anche in previsione del “dopo-crisi”, in cui tutto non sarà come prima. Una adeguata “port strategy” pugliese, comprensiva dei tre sistemi portuali, rivolta a rendere il sistema logistico regionale orientato allo sviluppo dell’import/export marittimo.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Mediterraneo parallelo
  2. Festa dei porti a Bari: la Puglia si affida alla gestione integrata
  3. Il Fly Plane della Puglia Corsara
  4. Crociere nel Mediterraneo: è crisi mascherata?
  5. Mediterraneo e rotte

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=6396

Scritto da Abele Carruezzo su dic 31 2011. Archiviato come Italia, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab