Home » Legislazione, News, Trasporti » Port State Control

Port State Control

Molte carenze si stanno riscontrando durante le visite ispettive effettuate dalla Guardia Costiera nei vari porti dell’Italia. Molti comandanti di navi, a volte, si fanno trovare impreparati non disponendo neanche di un  minimo planning.

In attesa del rapporto  2011 del Comando Generale delle Capitanerie di Porto, diciamo subito che le ispezioni sono strumenti indispensabili a garantire  proprio la “gente di mare” e che comunque non si possono evitare; si rimanda allo studio della Risoluzione IMO A/19 787 cap. II Port State Inspections.

Il Port State Control è il potere di uno Stato, internazionalmente riconosciuto, di sottoporre a verifica le navi straniere che scalano i propri porti, per accertarne la conformità alle norme internazionali in materia di sicurezza della navigazione, anti-inquinamento e condizioni di vita a bordo.

Il fatto che più ci preoccupa è il numero delle deficienze riscontrate che possono essere raggruppate in due gruppi: attrezzature tecniche di sicurezza ed addestramento del personale imbarcato. Categorie che possono portare al fermo della nave. Infatti, molte delle quali riguardano le valvole della linea antincendio principale della nave che a volte, oltre ad essere arrugginite, sono letteralmente rotte.

All’altro gruppo, circa l’addestramento dell’equipaggio, si sono riscontrate, impreparazione a manovrare le scialuppe di salvataggio e non conoscenza e non capacità a testare il funzionamento dell’O.W.S. (Oily Water Separators) per evitare inquinamenti.

Dopo le ispezioni, si ricorda che al Comandante verranno riferite le deficienze e se risulteranno più di cinque (due delle quali ISM International Safety Management) la nave verrà fermata; la detenzione della nave verrà registrata sul database di tutti i PSC del mondo; quando le detenzioni superano il numero di tre, per il Paris MoU (Paris Memorandum of Understanding on Port State Control) si verifica il “banning”, cioè il divieto di entrata nei porti europei.

Abele Carruezzo

© Riproduzione riservata

Leggi anche:

  1. Port State Control nell’UK ferma la Msc Opera
  2. Parliamo di Propeller Club Port of Brindisi
  3. Dalla Port Security alla Port Protection
  4. From Port of Dover
  5. Port of Southampton: crescono gli ormeggi

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=8069

Scritto da Abele Carruezzo su mar 20 2012. Archiviato come Legislazione, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 14 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato ai porti con un focus sulla Via della Seta e sulla via Traiana, il concetto dello IoT-Internet of Things, il contratto di ormeggio e il nuovo concetto di New-Port. Poi una riflessione sul principio di passaggio inoffensivo(riprendendo vicende come quella dell'Aquarius, Open Arms e Sea Watch 3). E ancora, approfondimenti sul potere amministrativo delle AdSP, Mare 2.0 e sulla navigazione delle navi e non delle merci.
poseidone danese

© 2019 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab