Home » Infrastrutture, News, Trasporti » Porto Torres: domani la presentazione del metrò del mare

Porto Torres: domani la presentazione del metrò del mare

Lo scalo di Porto Torres come nodo centrale del sistema «metrò del mare», con i porti di Castelsardo e Stintino, in provincia di Sassari, indispensabili a completare la rete dei trasporti marittimi integrati, merci e passeggeri, nel nord Sardegna verso l’Asinara. Un collegamento che, in un prossimo futuro, considerata anche la crescita del traffico marittimo nel quinquennio 2006-2011 e con un tasso medio tendenziale dell’1,2 per cento, potrebbe far crescere nel 2021 il trasporto dei passeggeri nell’area del golfo dell’Asinara tra il 18,5 e il 32 per cento.

Si tratta di ipotesi e previsioni, interessanti e da sviluppare, che saranno al centro dell’incontro che si terrà domani a Stintino, dove, nella sala consiliare del Comune, a partire dalle 18, si parlerà dell’attivazione del metrò del mare nel golfo dell’Asinara.

All’incontro è prevista la partecipazione del primo cittadino di Stintino, Antonio Diana, dell’assessore al Turismo e Portualità Angelo Schiaffino, dell’assessore al Turismo di Porto Torres con delega per l’Asinara Francesco Porcu, del sindaco di Castelsardo Matteo Santoni e del primo cittadino di Sorso Giuseppe Morghen. Il piano è inserito all’interno del progetto più ampio che porta il nome di In.port.o (Integrazione delle porte di accesso del corridoio marittimo occidentale dell’area di cooperazione sardo/corsa) e finanziato dal programma operativo marittimo Italia-Francia.

«L’obiettivo – afferma l’assessore al Turismo di Stintino, Angelo Schiaffino – è quello di attivare un collegamento marittimo di tipo turistico di grande importanza nel periodo estivo. E in estate si vorrebbe partire con un progetto pilota per collegare, con una imbarcazione di linea, Castelsardo-Porto Torres-Stintino con Fornelli e Cala Reale, sull’isola dell’Asinara». Un progetto che potrebbe incontrare l’appeal degli operatori turistici del territorio, albergatori e ristoratori.

Un servizio offerto come valida alternativa al trasporto su strada e che potrebbe esercitare una attrattiva per il turista che, anche in questo modo, sarebbe incentivato a scoprire il territorio. Un incoraggiamento che verrebbe dal comfort garantito dalle imbarcazioni utilizzate e dai costi contenuti per i trasferimenti. Per le prime si parla di motonavi in grado di viaggiare a una velocità di 16/20 nodi e trasportare tra i 150 e 200 passeggeri, alle quali si potrebbero affiancare imbarcazioni di ultima generazione come i catamarani australiani in grado di viaggiare a 25/30 nodi e trasportare circa 250 persone.

Per i biglietti invece si ipotizza un costo che varia dai 24 euro sulla tratta Calstelsardo-porto Torres-Cala Reale ai 16 e 19 per le corse Stintino-Fornelli e porto Torres Fornelli. E se queste per il momento sarebbero le tappe principali, il progetto lascia aperte le porte per altre due stazioni intermedie: una alla Marina di Sorso e l’altra alle Saline di Stintino.

Leggi anche:

  1. Yacht Club Porto Torres: convegno Finale Progetto “Se-Stante”.
  2. Porti del Nord Sargena: monitoraggio dell’aria a Porto Torres e Olbia
  3. Porto Cavour: lunedì la presentazione del progetto per Santa Margherita Ligure
  4. Porti del Nord Sardegna: parte da Porto Torres il progetto Green Port
  5. Convention nazionale del Propeller Club: domani la presentazione dell’evento a cui potrebbe partecipare Haralambides

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=8954

Scritto da Redazione su apr 29 2012. Archiviato come Infrastrutture, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 13 N°3

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato a Canale Pigonati di Brindisi; la storia, le potenzialità, le attuali richieste per il suo allargamento al fine di agevolare l’entrata nel porto interno delle grandi navi da crociera. Poi articoli sulle Zes, porti di Ancona, Bari, Campania ma anche le professioni del mare, il lavoro portuale nelle sue specificità ed un interessante racconto del porto di Salerno che nel Mediterraneo rappresenta un ponte tra Oriente ed Occidente.
poseidone danese

© 2018 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab