Home » Legislazione, News, Trasporti » ASSOLOGISTICA: L’AUMENTO DELL’ENERGIA STRONCA IL TRASPORTO FERROVIARIO DELLE MERCI

ASSOLOGISTICA: L’AUMENTO DELL’ENERGIA STRONCA IL TRASPORTO FERROVIARIO DELLE MERCI

“Capiamo le difficoltà di bilancio dello Stato, ma prelevare ulteriormente dalle imprese, dai trasporti  e dalla logistica determinerà il collasso del sistema economico radicato nei nostri territori” è il commento del Presidente di Assologistica Carlo Mearelli al provvedimento contenuto nell’art. 29 del Decreto Legge “Competitività”, con cui si prevede un prelevamento di quasi 50 milioni di euro dall’aumento del costo dell’energia per il trasporto ferroviario.

Il costo energetico d’altra parte è proprio una delle voci che maggiormente stanno aggravando le passività dei bilanci delle imprese.

“I nostri clienti troveranno più conveniente formare e muovere i treni dal Nord Europa, togliendo traffico ai nostri porti o quanto meno il trasporto delle merci su gomma risulterà molto più competitivo di oggi” sottolinea il Vicepresidente di Assologistica Sebastiano Grasso.
Assologistica ritiene che le conseguenze di questo provvedimento, in una fase di sofferenza dei traffici e dell’economia come quella che stiamo attraversando, avranno effetti pesantissimi determinando un ulteriore arretramento del sistema logistico italiano nel suo complesso.

La necessità di essere competitivi ha nel trasporto ferroviario un alleato in Italia che non ha surrogati, in termini di decongestionamento, di programmabilità e di affidabilità del trasporto delle merci, ma a condizione che i costi siano almeno di mercato rispetto al resto dell’Europa più avanzata. Un aumento del 30% del costo delle tracce non è sopportabile dal cargo ferroviario e ciò trova riscontro anche nel Parere espresso dall’VIII Commissione del Senato in cui si chiede il mantenimento delle tariffe elettriche attuali per il settore.
Assologistica, chiede al Governo Renzi,  di cancellare questo provvedimento, che rischia di determinare un passo indietro irreversibile.

Leggi anche:

  1. ASSOLOGISTICA: I CONTROLLI NON POSSONO DIVENTARE UNA LEVA DI DECRESCITA
  2. ASSOLOGISTICA: “NON BALZELLI MA CHIAREZZA DALL’AUTHORITY DEI TRASPORTI”
  3. Porto di Ancona: calo delle merci, aumento dei container
  4. Minervini: “La dorsale ferroviaria centrale per il traffico delle merci”
  5. Governo Italiano naviga nelle acque agitate di Assologistica

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=22634

Scritto da Redazione su lug 4 2014. Archiviato come Legislazione, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab