Home » Legislazione, News, Trasporti » Corridoi doganali: la semplificazione delle procedure secondo Grasso

Corridoi doganali: la semplificazione delle procedure secondo Grasso

ROMA – Di seguito una dichiarazione di Sebastiano Grasso, Vicepresidente di Assologistica, sui corridoi doganali. “Abbiamo tutti letto sulla stampa di settore delle ultime tre settimane, quale levata di scudi abbia provocato la decisione di semplificare le procedure doganali in porto.

Sembra che molti di questi detrattori (presenti soprattutto nel sistema portuale del Levante ligure) non si rendano conto che solo rendendo più’ efficiente e flessibile il ciclo doganale, sia in import che in export, si può attirare più carico e, proporzionalmente, meno contenitori vuoti sulle nostre banchine. A loro giudizio, basterebbe il preclearing a soddisfare le richieste di tutto il mondo degli importatori e non ne vogliono sentir parlare di “corridoi”, dimenticando apparentemente anche le logiche che stanno sottese alle TEN-T le quali, di fatto, sono un sistema di corridoi all’interno dei quali far fluire le merci nel modo più veloce, intelligente e capace di soddisfare le diverse e variegate richieste dei possessori/acquirenti delle merci stesse.

Ma queste posizioni negative sui corridoi “appaiono e sembrano” di totale chiusura: in realtà questi strenui detrattori dei corridoi hanno trascurato di dire che con nota nr. 44053 del 13 aprile 2015 l’Agenzia delle Dogane ha attivato in via sperimentale i “Fast Corridor su strada”. Viene quindi da pensare che la modalità di trasporto possa influenzare le opinioni e le posizioni conservative di un certo tipo di operatori doganali: forse costoro hanno aggiunto alla loro professione originaria un’altra attività che è molto più lucrosa di quella che dichiaratamente sembrano voler difendere a spada tratta.

Sono evidentemente diventati forti intermediari dell’autotrasporto. Allora si comprende perché prende il via il Fast Corridor stradale, ma quello Ferroviario, che certamente è molto più coerente sia alle logiche europee delle TEN-T che al tema delle garanzie di controllo durante il trasporto (un treno è vincolato ai binari della rete ferroviaria … il camion va controllato con UIRNET, altrimenti ….), deve morire prima ancora di nascere per essere solamente testato.

La dimostrazione è evidente: dopo due settimane l’Agenzia delle Dogane non “se l’è ancora sentita” di emanare il disciplinare del Fast Corridor su ferrovia: evidentemente a Roma arrivano gli effetti indiretti di tutte le pressioni esercitate in ambienti politici anche di opposti schieramenti dai detrattori di queste logiche semplici, che danno ai paesi del Nord Europa (i nostri famigerati ma, ahimè, intelligenti concorrenti) un vantaggio di operazioni e di mentalità’ che non colmeremo mai. Ci chiediamo anche come possa l’Agenzia delle Dogane indulgere nell’agevolare una modalità di trasporto anziché un’altra: di fatto, è quanto sta accadendo ….. ma allora, non abbiamo tutti gli stessi doveri e gli stessi diritti? Può l’asserzione – foglia di fico!!! – di non avere ancora perfezionato una procedura di per sè banale, togliere diritti che nascono per essere uguali per tutti???? Alla fine, signori, sono le merci che guidano rotte, corridoi e scelte logistiche ….. e sono le merci che chiedono offerte di servizio complementari o alternative: questo vale per tutti i segmenti della logistica, quindi anche nel mondo delle operazioni doganali!

Il coraggio di cambiare dovrebbe essere connaturato alla natura dell’impresa: l’imprenditore che ha solo il desiderio parossistico di difendere il suo orto, si chiude all’innovazione che va invece accompagnata , sostenuta e sfruttata.

Ma forse questi non sono pensieri adattabili ad alcune nostre realtà’ italiane “rigide e localistiche”. Miopia imprenditoriale o amore per le posizioni di rendita?? Tra qualche tempo sapremo la risposta….e ci lamenteremo, come al solito, come sempre….”.

Leggi anche:

  1. Processi doganali: “Più semplificazione per sicurezza e competitività”
  2. Logistica. Processi doganali: Più semplificazione per sicurezza e competitività
  3. UE: Piano per semplificare procedure doganali
  4. Spedizionieri doganali: riforma ordinamenti delle professioni
  5. ROSATO: “GOVERNO SEMPLIFICHI PROCEDURE DOGANALI”

Short URL: http://www.ilnautilus.it/?p=28682

Scritto da Redazione su apr 27 2015. Archiviato come Legislazione, News, Trasporti. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti e ping sono attualmente chiusi

Commenti chiusi

IL NAUTILUS Anno 15 N°1

In questo numero de Il Nautilus lo speciale è dedicato al sistema per ormeggio "briccole", e un focus sullo sviluppo metropolitano della città di Bari e delle sue infrastrutture portuali. Il Parlamento Europeo approva "L'European Green Deal" e poi un approfondimento sul lavoro nei porti ed uno sul valore delle merci.
poseidone danese

© 2020 il nautilus. All Rights Reserved. Performed by SC Lab